“Con le restrizioni sulla cessione del credito, a rischio migliaia di imprese del settore costruzioni”

Protesta di Confartigianato a Marene: ««Abbiamo voluto accendere i riflettori su una delle problematiche più gravi del momento, che rischia di sgretolare il percorso di ripartenza delle imprese»

Confartigianato Imprese Cuneo ha lanciato un appello forte e chiaro al Governo affinchè provveda a stralciare l’art. 28 del Decreto “Sostegni Ter”, un articolo molto discusso, che, per le Associazioni di categoria, mette a rischio migliaia di imprese e famiglie del territorio.  Di fronte ad un folto gruppo di imprenditori e rappresentanti delle massime Istituzioni, il presidente di Confartigianato Cuneo, Luca Crosetto, con i suoi due vicepresidenti Daniela Balestra, Michele Quaglia e il direttore Joseph Meineri, affiancato dal presidente di Confartigianato Piemonte, Giorgio Felici, e dal vicepresidente nazionale Domenico Massimino, ha sottolineato come l’intero settore “Costruzioni”, che a livello provinciale conta oltre 8.300 imprese, sia in affanno a causa della nuova normativa entrata in vigore dal 7 febbraio, con la quale sono cambiate in corsa le regole del gioco.

Infatti, con l’emanazione del Decreto “Sostegni ter” e in particolare dell’articolo 28, che ha introdotto forti restrizioni al sistema delle cessioni del credito nelle operazioni legate alle agevolazioni di riqualificazione energetica ed edilizia degli immobili, di fatto, si è bloccata l’operatività di molte aziende dei settori dell’edilizia, dell’impiantistica e dell’indotto.

La situazione si sta rivelando particolarmente pesante per quelle imprese che hanno garantito ai cittadini di poter fruire delle agevolazioni, attraverso lo sconto in fattura o l’acquisizione del credito direttamente dal consumatore, e che ora si trovano con la difficoltà, se non l’impossibilità, di cedere a loro volta il credito, con negative ripercussioni sui flussi di cassa, sulla programmazione dell’attività aziendale e sulla tenuta occupazionale.

Alla conferenza stampa, organizzata simbolicamente in piazza Senaglia a Marene, davanti ad uno dei tanti cantieri avviati proprio grazie al “Bonus Edilizia”, sono intervenuti il presidente della Regione Piemonte, Alberto Cirio, insieme al consigliere regionale Paolo Demarchi,e  i parlamentari Marco Perosino, Giorgio Bergesio, Flavio Gastaldi e Mino Taricco.

Nell’occasione, a tutti è stato consegnato un documento nel quale sono riassunti i motivi per cui è indispensabile, per la tenuta del comparto edile, correggere l’articolo 28 del Decreto “Sostegni ter”: le imprese sono disorientate dai troppi cambi normativi “in corsa”, manca la stabilità normativa che è indispensabile per consumatori ed imprenditori, il solo annuncio sta bloccando il mercato, si rischia la compromissione dell’intera filiera, in gioco ci sono non solo danni economici, ma anche la reputazione delle imprese, si sta verificando un’emergenza non soltanto di liquidità, ma di programmi di sviluppo imprenditoriali, ad essere colpiti sono tanti operatori onesti e responsabili, cresce la sfiducia verso un efficace strumento per la transizione green, si rallenta la corsa verso obiettivi di risparmio ed efficienza energetica, l’accesso agli incentivi diventa quindi elitario, perché adatto solamente alle gestioni delle imprese più strutturate.

Tali motivazioni, insieme alla richiesta di sollecitare l’immediato stralcio dell’articolo 28, ed eventualmente in subordine, di alzare a due le possibilità di cessione al credito, sono state riportate in alcune lettere, consegnate al presidente della Regione Cirio, ai parlamentari presenti e al prefetto della provincia di Cuneo, Fabrizia Triolo.

«Abbiamo voluto accendere i riflettori su una delle problematiche più gravi del momento, che rischia di sgretolare il percorso di ripartenza delle imprese – ha dichiarato Luca Crosetto, presidente di Confartigianato Imprese Cuneo –. Per colpire le frodi viene affossato uno dei tasselli fondamentali della nostra economia. Le imprese del settore edile, già fortemente provate dalla lunga crisi sanitaria ed economica, non possono reggere questo ennesimo cambio di passo delle regole. Gli effetti perversi, che tali norme in continuo cambiamento creano, sono molteplici. Oltre a provocare un blocco nell’operatività di tante imprese oneste e responsabili, generano negative ripercussioni anche su cittadini e consumatori che hanno fatto affidamento sulla possibilità di utilizzare l’agevolazione per adeguare i propri immobili ai più elevati standard di efficienza energetica e di sicurezza sismica. È l’intero sistema virtuoso, fatto di imprese e cittadini onesti, di rinomati istituti bancari e realtà finanziarie, che rischia di frantumarsi con questa stretta governativa. Siamo pienamente d’accordo della necessità di colpire le frodi, ma non facciamolo mettendo in seria difficoltà la sopravvivenza dell’intero sistema imprenditoriale del nostro Paese».

santa lucia visite villanova

Al Santuario di Santa Lucia di Villanova M.vì continua il successo delle visite guidate

Domenica 7 luglio il Santuario di Santa Lucia in Villanova Mondovì sarà aperto al pubblico con visite guidate al pomeriggio (dalle ore 14.30 alle 17 con servizio navetta). La riapertura durante le prime domeniche...

Nel vivo la due giorni per Nini Rosso: stasera il Gomalan Brass Quintet

Si è aperta ieri sera, con buon riscontro di pubblico, la due giorni dedicata a Nini Rosso organizzata dal comune di San Michele Mondovì. Il concerto che ha inaugurato la serie di...

Mondovì invasa dalle auto d’epoca: arrivano le “Vecchie Signore” – LE FOTO

Comincia oggi, sabato 20 luglio “Mondovì e Motori”: un weekend fra auto d’epoca e Ferrari. Clicca qui per leggere tutto il programma LE IMMAGINI Leggi anche: https://www.unionemonregalese.it/2024/07/19/a-mondovi-levento-ferrari/
Diocesi di Mondovì architetto Luciano Marengo

Cambio della guardia all’Ufficio Beni Culturali della Diocesi di Mondovì

Nella mattinata di sabato 20 luglio, presso la sala delle Lauree del palazzo vescovile di Mondovì Piazza, il vescovo Egidio ha conferito all'arch. Luciano Marengo, fino ad ora direttore dell'Ufficio Beni Culturali della Diocesi,...
Cinque Daspo "Willy"

“Aiuto, stanno entrando in casa mia”, ma all’arrivo dei Carabinieri non c’è nessun pericolo

Urla e schiamazzi in via Vico a Mondovì Piazza nella nottata appena trascorsa, quando uno dei residenti ha cominciato a gridare aiuto, dicendo che qualcuno stava provando a entrare nella sua casa. L’episodio si...
Mondovicino Shopping Peter Pan

A Mondovicino giochi e animazioni per i bimbi a tema Peter Pan

Tra i 1º e il 14 luglio Mondovicino Shopping Center & Retail Park propone il laboratorio “L’isola che non c’è” con giochi e animazioni a tema per i più piccoli. Presso piazza Roccia (ove...