Addio a Giovanni Sarzotti, rifondò la Banda musicale di Bene Vagienna

Fu anche presidente per molti anni. Grazie alla sua azione, il gruppo tornò a suonare e ad esibirsi. Il ricordo del maestro Semprevivo: «Ti immaginiamo sempre lì, in seconda fila, ad applaudirci»

Lo scorso martedì 22 marzo è mancato, all’età di 91 anni, Giovanni Sarzotti, per tanti anni figura di primo piano della vita associativa e amministrativa di Bene Vagienna, anche rifondatore e presidente per lunghi anni della Banda musicale "Città di Bene Vagienna". Il maestro Valerio Semprevivo, doglianese, attuale direttore del gruppo, lo ricorda così: «Giovanni, insieme a Franco Vacchetta, riuscì a ricostruire da zero la Banda benese alla fine degli anni '80, superando le difficoltà di quella che sembrava un'impresa al limite del possibile. Caparbio, determinato e schietto, riuscì ad acquistare gli strumenti, trovare una sede e coinvolgere i compianti Ubaldo Viotti, Claudio Rossi ed il sottoscritto, quali insegnanti del corso. Tempo un paio d'anni e la Banda fu in grado di esibirsi, sia pure con un numero limitato di brani. La scommessa fu vinta. Negli anni della sua lunga presidenza non mancarono i momenti di confronto anche duri, ma non venne mai meno la stima reciproca. Il suo amore per la Banda non si è mai affievolito nel tempo, come dimostrato dalla sua costante presenza ai nostri concerti. Noi ti immagineremo sempre lì, in seconda fila, ad ascoltarci ed applaudirci». Sarzotti lascia i figli Claudio, Dario e Monica con le rispettive famiglie e undici nipoti. I funerali sono stati celebrati la mattina di giovedì 24 marzo, nella parrocchiale di Bene Vagienna.