Il partigiano Ugo Re: «Orgoglioso di aver salvato 15 persone dalla fucilazione»

Classe 1925, nominato Grand'ufficiale della Repubblica da Pertini nel 1983, è uno degli ultimi testimoni diretti dell'orrore della seconda guerra mondiale

Il reduce Ugo Re, alla celebrazione del 25 aprile, davanti al monumento ai Caduti a Lequio Tanaro

Classe 1925, lucidissimo e prezioso testimone degli orrori del periodo nazista, il partigiano Ugo Re, di Lequio Tanaro è voluto intervenire anche quest’anno alla cerimonia ufficiale in paese, davanti al monumento ai Caduti, in occasione della festa della Liberazione. Oggi ha 97 anni. Esattamente 80 anni fa, quando di anni ne aveva appena 17, Ugo venne individuato e catturato dalle milizie fasciste sotto un cumulo di fieno, dove si era nascosto con altri compagni. Con grande coraggio e senso del dovere, accettò la fucilazione e rimase per ben tre giorni al muro, rifiutandosi sempre di parlare e di tradire gli amici, salvando così numerose vite umane. Ritenedolo uno sbandato, Ugo venne risparmiato e inviato in campo di concentramento. Si salvò e per fortuna riuscì a tornare a casa, alla fine della guerra. Nel 1983 l’allora presidente Sandro Pertini, lo nominò Grand’ufficiale della Repubblica italiana.

Stamattina, alla cerimonia davanti al monumento ai Caduti di Lequio Tanaro, alla presenza del sindaco Beppe Trossarello, della vicesindaco Elide Bottero, dei rappresentanti del locale gruppo Alpini e di tanti cittadini, Ugo Re ha detto: «Sono orgoglioso di aver contribuito a salvare la vita a 15 persone. Ho accettato la fucilazione, pur di tradire i miei compagni. Mi auguro che il sacrificio di tanti, che ha portato alla fine della seconda guerra, serva ancora da esempio oggi, visto il momento particolarmente triste in cui ci troviamo».

Per il Comune di Lequio Tanaro è motivo di orgoglio avere come cittadino Ugo Re, figura che ha rappresentato e continua a rappresentare lo spirito dei combattenti per la libertà della seconda guerra mondiale.

Scopri anche

Furti e truffe ad anziani, arrestata banda di “professionisti”. Hanno colpito anche nel monregalese

Erano veri professionisti dei furti in casa di anziani. Agivano in pochi minuti: uno si accertava che la casa fosse vuota, un altro faceva da palo e quindi il primo entrava e faceva "pulizia"....

Mondovì, ecco i cartelli elettronici che avviseranno dei blocchi del traffico

Da ieri, lunedì 30 gennaio, sono stati piazzati a Mondovì i primi cartelli elettronici che avviseranno dei blocchi del traffico. Il Comune spiega: «La città di Mondovì, insieme ad altri 76 Comuni del Piemonte, deve...

Grandabus lancia “Mo”, il QR code parlante che rivela in tempo reale la posizione...

Si chiama “Mo” ed è un vero e proprio QR code parlante pensato e creato da Grandabus, il consorzio che gestisce il trasporto pubblico locale in provincia di Cuneo, per offrire a tutti gli...
mercato altipiano produttori locali

Mondovì: sperimentazione al mercato dell’Altipiano, area dedicata ai produttori locali

Prenderà il via il prossimo 8 febbraio il nuovo assetto sperimentale e provvisorio (sei mesi) del mercato rionale dell’Altipiano che ogni mercoledì mattina, come da tradizione, si distende tra gli spazi di piazza Monteregale....

Mondovì: si demolisce l’ex rifiuteria in piazzale “Ravanet”

Era, fino a oggi, uno degli angoli più squalificati della città di Mondovì. L’ex rifiuteria Acem abbandonata di piazzale Giardini, per tutti “piazzale Ravanet”, è un sito in completo degrado. Un anno e mezzo...

Mondovì, lite tra pensionati nel parcheggio del supermercato: intervengono i Carabinieri

Ha colpito il contendente con una catena per chiudere la bicicletta, durante la lite scoppiata nel parcheggio del supermercato in via Cuneo a Mondovì, nei giorni scorsi. A seguire, dopo una segnalazione, è subito...