I segreti di Silente allargano il mondo… magico

Uno dei fattori di successo di Harry Potter è senza dubbio la caratterizzazione ed il numero di personaggi che popolano il suo mondo. La Rowling nel costruire l’universo narrativo nel quale vengono ambientate le storie del maghetto con gli occhiali, non si è limitata a narrare una serie di avvincenti avventure, ma una stratificazione di rapporti e di personaggi a cui i lettori prima, e gli spettatori dopo, si sono andati via via appassionando. Difficile per questo raccontare una saga partendo dalla fine, specie quando il secondo blocco non è stato ultimato e si faticano a decifrarne interamente i contorni. Si può tuttavia sostenere che, con il terzo episodio – che Animali Fantastici dedica ai “Segreti di Silente” – cominciano ad essere definiti alcuni aspetti che cambiano il paradigma della precedente franchise. Se non sono gli accadimenti che definiscono i personaggi, quanto piuttosto i protagonisti vivono le esperienze sulla base di relazioni ed interpretazioni personali, l’aspetto che più salta all’occhio è l’ampliarsi del mondo all’interno dei quali questi si muovono. Non più l’Inghilterra ed il vecchio continente, ma un mondo magico che abbraccia l’intero globo, con più Ministeri della Magia ad esercitare il proprio controllo ed un ordine generale che deve trovare il proprio equilibrio. All’interno di questo rapporto di pesi e contrappesi, si muovono in modo sempre più importante i due veri antagonisti della storia, di cui Newt Scamander si pone sempre di più come osservatore e voce narrante: Albus Silente impara a diventare quel grande mago di cui si racconteranno le gesta, e di fronte a lui Gellert Grindelwald, colui che più ancora di Valdemort ha stretto un legame con le arti oscure. Il film, come l’intera saga, è avvincente e intrattiene lo spettatore, non solo grazie agli effetti speciali, ma per il mix che si crea tra l’azione e le vicende dei personaggi, sebbene tanti aspetti siano ancora da scoprire, sulla falsa riga di altri importanti successi e di una abitudine alla serialità che oggi non è più solo questione di moda, ma al contrario un modo sempre più attuale (e forse eccessivamente minuzioso) per sviluppare un racconto.



Scopri anche

Un grosso cinghiale intrappolato nel canale: a Garessio intervengono i Vigili del fuoco

Un cinghiale era rimasto intrappolato nel canale della diga presso la centrale idroelettrica a Trappa (Garessio). È quanto avvenuto nel pomeriggio di oggi, domenica 27 novembre, quando, su segnalazione di alcuni residenti, sono intervenuti...

Oggi a Mondovì la celebrazione per la “Virgo Fidelis” con l’Arma dei Carabinieri

Questa mattina, domenica 27 novembre, la Compagnia dei Carabinieri di Mondovì ha celebrato la ricorrenza della "Virgo Fidelis", Patrona dell'Arma dei Carabinieri dall'11 novembre 1949. La funzione religiosa si è svolta nella chiesa del...

«Com’eri vestita, quando ti hanno stuprata?», a Mondovì la mostra di Amnesty

"Era un mio compaesano, mi ospitava perché nona avevo casa. Ogni volta che la moglie usciva, mi violentava". "Quando siamo arrivati nel parcheggio, ha chiuso tutte le porte dell'auto: e mi ha stuprata". "Quel...

“Luci a Piazza”: piazza Maggiore si trasforma in un bosco natalizio

LUCI A PIAZZA. Prende il via lo show luminoso nel rione storico di Mondovì. Ecco qualche immagine. Lo spettacolo di "mapping" sulle facciate storiche va in scena anche oggi, domenica 27 novembre, dalle 19...