Nuova scuola a Piazza, parla il preside dei Licei: «A noi serve una nuova sede. Basta tergiversare»

Ai Licei di Mondovì Piazza serve una nuova sede. Ma questa volta a dirlo non è la politica, che dibatte e polemizza sul progetto alla Polveriera. È la Scuola: è il preside a chiedere tempi rapidi e basta col tergiversare. Il dirigente, prof. Bruno Gabetti, usa parole chiarissime: «Il nostro Liceo sta crescendo, come numeri e come offerta. Abbiamo percorsi nuovi, progetti e una prospettiva di crescita ulteriore. La nostra preoccupazione è che la discussione, che certamente ha bisogno di un dialogo, abbia tempi lunghi. E che per l'ennesima volta si decida.. di non decidere, di rinviare ancora, di spostare la cosa. Non è più tempo di aspettare». E a chi sostiene che sarebbe un peccato abbandonare una sede storica come quella attuale, o non sperare in una valorizzazione dell'ex Ospedale o della Cittadella, risponde: «Meglio una sede nuova e in tempi rapidi».

Oggi il "Vasco-Beccaria-Govone" conta 835 alunni. Collocati in 48 aule che, nei fatti, fanno sì che il Liceo sia "a tappo", come spazi, sia nella sede di piazza IV Novembre che nella succursale di via Delle Scuole. Anzi, uno dei problemi è proprio quello: è da decenni (da ben prima dell'unificazione dei tre istituti) che le classi dello Scientifico "Vasco" sono divise tra sede principale e succursale.

Anche perché il futuro riserva una novità: a Mondovì potrebbe arrivare anche il corso di Liceo Artistico. Che si andrebbe ad aggiungere ai sei già esistenti: Classifico, Scientifico, Linguistico, Economico-Sociale, Scienze umane e Sportivo. «È una possibilità più che realistica - afferma Gabetti -, esiste una richiesta e un'interlocuzione in questo senso. Non è ancora ufficiale. Potrebbe partire nell'anno scolastico 2023-24». Ma gli spazi non bastano più. E il preside ribadisce: «A noi serve una soluzione in tempi rapidi. E a chi governa o governerà, chiediamo questo: basta coi temporeggiamenti».

Scopri anche

Clavesana, maestra aggredita in paese da una mamma di un ex alunno

È stata avvicinata e aggredita all'uscita di un negozio, a Clavesana. La vittima è una maestra, che insegna alle Elementari del paese. Sarebbe stata individuata e poi insultata da una signora, mamma di un...

Manomette il cronotachigrafo, autista fermato e multato dalla Polizia a Fossano

Nella mattina di giovedì 2 febbraio una pattuglia della Sezione Polizia Stradale di Cuneo, nell’ambito dei controlli del traffico commerciale, fermava a Fossano un autotreno immatricolato in Italia e condotto da un cittadino italiano...

A Farigliano, Posta ad orario ridotto da tre anni: «Si torni almeno ai 5...

Ormai dal 2020, con l’inizio della pandemia da Covid, l’Ufficio postale di Farigliano è aperto con “orario ridotto”. I lockdown e le ripetute chiusure avevano infatti portato Poste Italiane a decidere di dimezzare le...

Bastia: le pietre d’inciampo dei bimbi della Primaria, al “Giardino della Pace”

Venerdì 27 novembre l’aria era gelida e pungente al “Giardino della Pace” di Bastia, proprio come doveva esserlo quel lontano giorno del 1945 ad Auschwits. Insieme al fumo dei comignoli si è levato nel...

Da Bene Vagienna il “mappamondo volante” dei Montgolfier, al Carnevale di Venezia

Altra realizzazione assolutamente “ad effetto” per la “Fly In” di Bene Vagienna, l’azienda di Mauro Oggero specializzata nella creazioni di grandi opere gonfiabili, che in passato ha dato vita a progetti come il megastore...

Mondovì, ecco i cartelli elettronici che avviseranno dei blocchi del traffico

Da ieri, lunedì 30 gennaio, sono stati piazzati a Mondovì i primi cartelli elettronici che avviseranno dei blocchi del traffico. Il Comune spiega: «La città di Mondovì, insieme ad altri 76 Comuni del Piemonte, deve...