Ceva si prepara a diventare capitale dell’Enduro: a luglio gli Assoluti d’Italia

Sul palco del "Marenco" per la presentazione ufficiale Nicola Dutto, Jarno Boano e Matteo Cavallo con il direttore di gara Bruno Barbero e il presidente del Moto Club cebano Franco Vizio. Il percorso interesserà anche Castelnuovo, Sale S.Giovanni e Sale Langhe, Montezemolo e Priero

Il "parco" moto sarà nella piazza del Comune, visitabile e transennato, per un colpo d'occhio spettacolare nel cuore di Ceva. Perchè se la montagna non viene a Maometto, Maometto va alla montagna. Così si è pensato di fare quindi per il prossimo appuntamento con gli Assoluti d'Italia a Ceva del 17 luglio in maniera da coinvolgere appieno la popolazione.

È un appuntamento fondamentale, a cui la città sta lavorando da tantissimi mesi. Ieri sera, sul palco del teatro "Marenco" c'erano proprio tutti per la presentazione ufficiale dell'evento, valido come settima tappa della massima competizione nazionale di Enduro. C'era il direttore di gara (ed ex campione italiano) Bruno Barbero, il presidente del Moto Club Ceva Franco Vizio e tre ospiti d'eccellenza: il campione no-limits Nicola Dutto, Jarno Boano (un passato glorioso sulle due ruote e ora alla guida del Tm Boano Factory) e il campione di casa Matteo Cavallo, che sarà uno dei protagonisti della gara.

Top secret e bocche cucite per quanto riguarda la sede delle tre prove speciali: come da regolamento, verranno annunciate solo sette giorni prima della gare. Il tracciato è di circa 50 km da percorrere 4 volte e attraversa diversi comuni. Le speciali sono composte da un Cross test su un pratone in una conca («molto bello da vedere per il pubblico»), un Extreme test con ostacoli su una collina (per la prima volta questa prova sarà trasmessa live in streaming) e poi l'Enduro test. «Questo sport, l'enduro, è un po' un rally con le moto. I piloti hanno dei controlli orari da rispettare e troveranno dei settori in cui verrà loro preso il tempo, la sommatoria delle varie prove cronometrate crea poi la classifica finale», ha spiegato lo speaker Franco Iannone, nel ruolo di mattatore e presentatore delle serata.

Sul palco sono saliti anche i sindaci e i rappresentanti dei vari territori interessati, a partire dal padrone di casa Vincenzo Bezzone (sindaco di Ceva) con i colleghi di Priero, Castelnuovo di Ceva, Montezemolo, Sale Langhe e Sale San Giovanni. Appuntamento dunque, a tutto gas, al 17 luglio.