INTERVISTA – Robaldo: «Ripartiamo senza fermarci. la Giunta? È presto per parlarne»

«Sono già al lavoro – dice –. Il voto parla chiaro: gli elettori volevano che si ricominciasse subito». Così Luca Robaldo, il giorno dopo le elezioni ed un risultato che definisce «inaspettato, ma che ci inorgoglise e responsabilizza».

Già al lavoro, dice. Da cosa si comincia?
Abbiamo davanti tematiche importanti e sfidanti, sulle quali lavoriamo fin da subito. E considerato il peso di alcuni di questi temi, vogliamo lavorare anche assieme alle minoranze. Siamo certi che troveremo una condivisione col dott. Ferreri e con l’arch. Rosso.

Ha già in mente la Giunta?
È presto per parlarne. I criteri sono quelli che vi avevo già detto in precedenza: terremo conto in primis della competenza delle persone, ovviamente guardando anche al risultato delle urne. E per quel che riguarda la distribuzione delle deleghe, potrebbero esserci dei cambiamenti: Lavori pubblici e Urbanistica, per esempio, sono due deleghe molto corpose.

Il dato dell’affluenza parla chiaro: un monregalese su due non è andato a votare e non è interessato a chi sarebbe stato il sindaco. Come commenta?
È un dato che impone una riflessione. Io non so quali siano i sentimenti che portano le persone a scegliere il non-voto. Ma credo che il nostro compito dovrà essere anche quello di riportare le persone a fidarsi delle istituzioni.

I suoi primi obiettivi di governo?
Sono tre, e su questi tre mi metto al lavoro fin da oggi. Il primo è avviare le pratiche per l’acquisto della Cittadella, che ritengo debba essere fondamentale per le idee che abbiamo nel programma. Il secondo è avviare il Piano per il rilancio del commercio, tematica enorme per Mondovì. E il terzo è aprire uno “sportello del sindaco” al piano terra del Municipio, per ricevere le persone. Voglio dare un messaggio chiaro: il sindaco e l’Amministrazione ci sono, sono qua presenti.

Lei aveva una coalizione fortissima. Quanto ha pesato nel risultato?
Le nostre erano tutte liste qualificate, composte da persone valide che portano a un risultato valido. Ci abbiamo lavorato per mesi, ed è evidente che ha premiato. Tuttavia aggiungo un dato: sono stato il sindaco che ha ricevuto più voti “al solo candidato” (sono 494, ndr), e questo credo sia un bel dato.

Il nuovo Consiglio comunale vede un “Patto civico” diverso rispetto a prima. Ci sono liste non entrate in Consiglio, nomi rimasti fuori. Che cosa dobbiamo aspettarci da questa squadra?
Il “Patto civico 2.0”, come lo chiamo, vive di un equilibrio che non è fatto solo dai nomi in Consiglio ma da quelli che hanno composto la coalizione. E ha due grossi pregi: si è “portato dietro” persone di grandissima esperienza e ha innestato nomi giovani, nuovi, che porteranno idee ed entusiasmo.

E chi è rimasto fuori?
Verrà coinvolto, lo garantisco. La coalizione di maggioranza è il “Patto civico”, nella sua interezza.

Qual è il suo punto di partenza?
Credo che il verdetto, con la vittoria al primo turno, significhi che i monregalesi volevano un’Amministrazione che si mettesse subito al lavoro e che dimostrasse di esserci. Dunque le rispondo così: il mio punto di partenza è la presenza, anche fisica. A costo di trovarmi subito a confrontarmi anche con chi ha osservazioni o lamentele. Parto da qua.