Cirio: «Cambiare mentalità, l’acqua non è più sempre disponibile. Crisi idrica peggiore di quella del 2003»

«Il Po scorre al -72% della portata». Il Piemonte chiede lo stato di calamità per l’agricoltura dove la situazione è di una gravità assoluta. La Regione valuta lo svasamento dei bacini idrici e una deroga per il minimo deflusso vitale dei fiumi

ago Ceresole Primavera 2022 (c) Vanda Bonardo

Il Piemonte chiede lo stato di emergenza e d calamità per l’agricoltura vista l’emergenza idrica in corso. Questa mattina, venerdì 17 giugno, la Regione Piemonte ha incontrato il mondo dell’agricoltura, i Consorzi del Piemonte, l’Agenzia Arpa e tutti gli ATO (i riferimento territoriali per l’acqua per usi civili) a cui è seguito un punto della situazione con il presidente Alberto Cirio. Si parte da dati drammatici: «La crisi idrica attuale è peggiore di quella del 2003, un dato incredibile. Abbiamo passato il secondo maggio più caldo dal 2009 ad oggi. I più caldi degli ultimi 60 anni. Il Po scorre al -72% della portata e di conseguenza anche i suoi affluenti». E la chiosa finale del presidente è amara quanto drammatica: «Dobbiamo cambiare mentalità, l’acqua non è più sempre disponibile».

La criticità per l’acqua di sorgente deriva principalmente per la carenza di precipitazioni nevose. Nelle pianure con i pozzi da falda bassa i problemi non sono ancora gravi, ma c’è un utilizzo maggiore delle risorse. «Siamo in una situazione di severità media che sta andando verso il massimo» ha sottolineato l’assessore Marnati a capo di un tavolo di crisi permanente.

Il problema va diviso tra uso civili e agricoli dell’acqua. Sul primo ambito 200 comuni piemontesi hanno già emesso ordinanze con limitazioni ed inviti ad uso consapevole della risorsa idrica e 10 hanno dovuto ricorrere all’interruzione notturna: «Nella provincia di Torino la situazione è quella di fine luglio, siamo in anticipo di un mese e mezzo. In 80 comuni si cominciano a vedere le prime ordinanze per limitare l’utilizzo dell’acqua – ha spiegato Alberto Cirio –. In provincia di cuneo 10 Comuni (aree montane e pedemontane) hanno emesso ordinanze e in cinque località si interviene con autobotti. La situazione meno critica è nella provincia di Asti, quella più critica nella provincia di Novara dove ci sono località in cui è stata razionata l’acqua (con oltre 1000 interventi delle autobotti)».

Dove la situazione è definita di “gravità assoluta” è in ambito agricolo dove, spiega ancora Cirio, «bisogna lavorare per evitare il maggior numero di danni». La Regione sta lavorando su due strumenti assolutamente emergenziali: lo svasamento dei bacini idrici (che richiede una trattativa con i gestori) e una deroga per il minimo deflusso vitale dei fiumi (le provincie di Torino, Vercelli e Novara hanno già attivato le procedure). «Aggiorneremo le provincie su questa possibilità. Sui grandi laghi siamo in contatto con Lombardia e Canton Ticino».

Il riconoscimento dello stato di emergenza permetterebbe questi interventi e lo stato di calamità naturale consentirebbe di predisporre iniziative per i danni all’agricoltura (con riso, mais e frutta a rischio).

Nessuna buona notizia dal fronte delle previsioni del tempo. Arpa Piemonte: «C’è una sacca di alta pressione. Nei prossimi giorni andremo avanti con tempo bello e secco con temperature leggermente superiore alla norma».

Santa Lucia Villanova Mondovì

Il Santuario di Santa Lucia a Villanova Mondovì riapre i battenti

Il Santuario di Santa Lucia in Villanova Mondovì si staglia dal XVI secolo sul versante del Monte Calvario (o Momburgo) dominando la Valle Ellero ed è erede di un’antica devozione popolare, ancora oggi viva...

Che successo, il “Vespa Giro”: 121 vespe al raduno di Farigliano

Domenica 16 giugno, la seconda edizione del “Vespa Giro” con la partecipazione di 121 vespe provenienti da Piemonte e Liguria. L’evento è stato realizzato dal Comune di Farigliano con la collaborazione del “Vespa Club...

Dal 21 giugno via l’Area Pedonale nella parte sottana di piazza Maggiore: fino alla...

A partire da venerdì 21 giugno cambia temporaneamente la viabilità di Piazza e, in particolare, quella di piazza Maggiore. Dopo l’incontro pubblico con gli abitanti dello scorso 4 aprile - LEGGI QUI, infatti, l’Amministrazione...

Maxi incidente in galleria a Vicoforte: rimossi tutti i mezzi, galleria riaperta

Rimossi tutti i mezzi coinvolti nel grande incidente avvenuto questa mattina a Vicoforte - LEGGI QUI -  Al termine delle operazioni è stata riaperta la galleria sulla SS 28. L'INCIDENTE: https://www.unionemonregalese.it/2024/06/16/vicoforte-tre-feriti-in-codice-giallo-dopo-il-maxi-incidente-in-galleria/

Roccaforte: il raduno sezionale di Mondovì degli Alpini

Nella mattinata di domenica 16 giugno si è tenuto a Roccaforte Mondovì il raduno sezionale degli Alpini di Mondovì. Presenti in forze le sezioni locali, una cinquantina di gagliardetti,con alcune sezioni ospiti,...

A Mondovì a luglio e agosto attivo il servizio di “Scuola Materna estiva”

Anche per il 2024 il Comune di Mondovì attiverà la Scuola Materna estiva, con l’obiettivo di soddisfare le esigenze delle famiglie con genitori entrambi lavoratori, assicurando così un accompagnamento educativo-assistenziale durante il periodo delle...