Crava: il benvenuto al nuovo parroco don Silvio Danna

Sara' alla guida delle comunità di Crava, Rocca de’ Baldi, Carleveri e Consovero Affianca questo impegno alla responsabilità delle parrocchie di Morozzo e San Biagio M.vì

Nel pomeriggio di sabato 25 giugno, le comunità delle parrocchie di Rocca de’ Baldi hanno accolto il nuovo parroco, don Silvio Danna, che ha raccolto il testimone da don Antonio Manassero. Durante la Messa celebrata dal vescovo mons. Egidio Miragoli nella parrocchiale di Crava, molti fedeli tra cui anche i suoi parenti, hanno dato il benvenuto a don Silvio, che manterrà anche la guida pastorale delle parrocchie nella vicina Morozzo e di San Biagio M.vì. Don Silvio Danna ha 59 anni ed è presbitero dall’88.
«Con questa celebrazione don Silvio Danna inizia ufficialmente il suo ministero di parroco a Crava, Rocca de’ Baldi, Carleveri e Consovero, quattro comunità che vanno ad aggiungersi a quelle già a lui affidate, Morozzo e San Biagio - ha detto il vescovo all’ingresso parrocchiale di don Silvio Danna -. Solo qualche decennio fa ognuna di queste comunità elencate aveva un suo parroco residente. Basterebbe questa constatazione per sentire il dovere di ringraziare don Silvio. Non ha cercato questi nuovi incarichi, gli sono stati affidati. Li ha accolti non a cuor leggero, ovviamente, ma nella consapevolezza che si è preti veramente se si è a servizio del popolo di Dio nelle concrete circostanze storiche, interpretate dalle indicazioni del vescovo». Mons. Egidio Miragoli si è soffermato poi sui tratti concreti del cammino pastorale nelle comunità, in questi tempi non facili, richiamando l’attenzione e l’impegno sul “senso e sul bisogno di autenticità della Messa”, sulla partecipazione alla Eucaristia domenicale”, sul “donarsi in parrocchia” e sulla “testimonianza della collaborazione tra parrocchie”.
«Cari fedeli, ho elencato una serie di temi molto pratici, che attendono soluzione, ma soprattutto che vanno affrontati con atteggiamento ecclesiale - ha concluso il vescovo -. Siamo una comunità cristiana che cerca di trovare le strade più adatte in questo momento non facile, ma soprattutto quelle più evangeliche, quelle capaci di testimoniare unità di intenti e fraternità. Mi auguro che con l'impegno di tutti possiate essere così, magari di esempio anche per altre comunità vicine».
(Il testo completo dell’omelia del vescovo su “L’Unione” in formato cartaceo in edicola mercoledì)



Scopri anche

Lannutti primo tir elettrico

“Lannutti” presenta il suo primo tir elettrico: «Il futuro dei trasporti deve essere sostenibile»

Quarantaquattro tonnellate, nessun rumore. Il tir è elettrico. Non quello del futuro: è oggi, presente. Walter Lannutti, numero uno dell'azienda di trasporti e logistica che ha fondato 50 anni fa, lo ha presentato questa...

“C’è una bomba in Stazione a Fossano”, ma è un falso allarme

"C'è una bomba in Stazione a Fossano". Una telefonata anonima nella serata di ieri, giovedì 1° dicembre, ha fatto scattare l'allerta. Presso la Stazione ferroviaria fossanese sono intervenuti i Carabinieri e la Polizia ferroviaria,...

A gennaio 2023 torna a Mondovì il Raduno di Mongolfiere dell’Epifania

Il cielo di Mondovì, Città delle Mongolfiere, si riempirà ancora una volta di palloni colorati. Dal 6 all’8 gennaio 2023 torna l’evento volante che ogni anno tiene l’intera città col naso all’insù: il Raduno...

Progetto da 250 mila euro per efficientamento energetico di scuola e spogliatoi

«L’opportunità è davvero interessante e siamo determinati a provarci» con queste parole il sindaco di Magliano, Marco Bailo, annuncia la partecipazione del Comune al bando “Cse 2022, Comuni per la sostenibilità e l’efficienza energetica”....