Blitz a sorpresa della Lpm Bam: in banda arriva il gioiellino Nadine Zech

La 19enne di origini austriache è senza dubbio una delle attaccanti più interessanti in chiave futura su scala nazionale. «Voglio vincere e centrare la promozione. Sogno di giocare in A1»

Si accasa all'ombra del Belvedere, grazie ad un ottimo colpo di mercato messo a segno dal ds Paolo Borello, la promettente Nadine Zech. Classe 2003, austriaca d'origine (nata a Salisburgo) ma arrivata in Italia da bambina, Nadine a soli 19 anni è senza dubbio uno dei profili più interessanti in chiave futura, su scala nazionale. Schiacciatrice cresciuta pallavolisticamente tra Orago e Jesolo, la forte banda due anni fa ha giocato in B2 al Chions Fiume, per poi fare il grande salto ed approdare in serie A2. L'anno scorso Zech si è messa in evidenza con una serie di prestazioni davvero importanti con la maglia della neopromossa Aragona, recitando un ruolo da assoluta protagonista in un finale di stagione che ha fatto "drizzare le orecchie" ai club più importanti della seconda serie nazionale.

Queste le prime parole di Nadine dopo la firma del nuovo contratto: «Un'offerta importante, sono felicissima. Ringrazio la società per l'opportunità concessami. Non vedo l'ora di conoscere compagne, dirigenza e tifosi. Punto sempre in alto, voglio vincere e centrare la promozione. Il mio sogno è quello di giocare un giorno in A1 e penso che la strada giusta possa passare proprio da Mondovì»

Nome e cognome stranieri per un’atleta invece italianissima: «Mia mamma è austriaca, mentre mio papà è tedesco – spiega –. Le mie sorelle ed io siamo tutte nate tra Germania ed Austria: siamo in tre ed io sono la più piccola. Quando avevo 4 anni ci siamo trasferiti in Italia, è ormai da tredici anni che sono italiana a tutti gli effetti».

L'arrivo di Nadine Zech rafforza quindi ulteriormente la rosa della Lpm Bam, aggiungendo freschezza e potenziale offensivo ad una formazione che appare in grado di lottare alla pari con qualsiasi squadra, nella prossima stagione.