Irina Daziano è campionessa italiana giovanile di arrampicata Boulder

E arrivano anche i complimenti del presidente Cirio: «Orgoglio piemontese che vince»

È la chiusana Irina Daziano a riconfermarsi sul gradino più alto del podio al campionato italiano Under 20 di arrampicata sportiva, nella specialità “boulder” (ovvero scalata sui blocchi). Irina, neo campionessa tricolore, ha primeggiato nella palestra di Arco in Trentino Alto Adige durante le cinque giornate di gara andate in scena dal 21 al 24 luglio: un oro nella sua specialità preferita, più il bronzo nella combinata. Un altro grande successo per la classe 2004, che milita nell’Inout Climbing Le Vele e ha vestito più volte la maglia della nazionale giovanile e seniores. Nel 2021 si erano già aggiudicata il titolo Under 18, sempre ad Arco. Poi quest’anno è arrivata la soddisfazione delle tre convocazioni in Coppa del Mondo.

E per lei sono arrivati anche i complimenti del presidente della Regione Alberto Cirio, che ha ricordato i tre piemontesi vincitori ad Arco: «Complimenti ai nostri Irina Daziano, Michele Bono (cuneese, ndr) e Giorgio Tomatis che, nelle diverse discipline, hanno conquistato i gradini più alti del podio ai campionati nazionali U20 di arrampicata sportiva in Trentino. Un orgoglio tutto piemontese che vince in Italia». Irina ha messo alle proprie spalle la toscana Federica Mabboni (Crazy center Prato) e la lombarda Federica Papetti (Rock Brescia). In gara anche la compagna dell’Inout Team Chiara Migliore, che si è piazzata 22° tra le Under 18.