Allarme: alpeggi in difficoltà a causa del perdurare della siccità

Arap ed Anaborapi fotografano un quadro d'emergenza: «Nella maggior parte dei casi l’erba non è cresciuta a dovere oppure è secca come se fossimo già a settembre, dopo le prime gelate»

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

«A fronte di qualche sporadico e localizzato temporale, la situazione generale è veramente drammatica – dice Elia Dalmasso, recentemente eletto presidente dell’Associazione regionale allevatori del Piemonte e della Liguria – nella maggior parte degli alpeggi la cotica erbosa è completamente bruciata ed oramai, anche eventuali precipitazioni potranno fare ben poco. I primi quindici giorni di agosto sono quelli dove le vacche pascolano più in alto, dove normalmente ci sono le essenze più pregiate come ad esempio il trifoglio alpino, quello che noi chiamiamo piote ‘d galina (zampe di gallina, ndr);  nella maggior parte degli alpeggi l’erba non è cresciuta a dovere oppure è secca come se fossimo già a settembre, dopo le prime gelate».

Accanto alla carenza di acqua, che costringe le mandrie a grossi spostamenti giornalieri, si aggiunge quindi  il problema dell’alimentazione.

All’allarme lanciato da Dalmasso fa eco quello di Andrea Rabino, neo presidente Anaborapi, l’associazione che raggruppa oltre 4200 aziende che allevano bovini di razza Piemontese, “Molti dei nostri associati- dice Rabino - praticano l’alpeggio durante la stagione estiva; si tratta di una forma di allevamento che da un lato permette di contenere i costi e dall’altro lato contribuisce a salvaguardare il territorio; questa eccezionale siccità obbligherà molti margari a “scendere” a valle in anticipo; la scarsità di erba costringerà anche gli allevatori ad acquistare fieno ed alimenti per il bestiame, materie prime che purtroppo hanno attualmente i prezzi alle stelle.

Anche da un punto di vista burocratico una discesa anticipata dagli alpeggi potrebbe creare qualche problema: per accedere al così detto premio per il ”pascolamento”, i capi devono permanere in montagna per almeno tre mesi e qualche allevatore non sarà in grado di rispettare questi termini.

Conclude Rabino “è importante che la Regione riconosca la “causa di forza maggiore” per gli allevatori che saranno obbligati a  demonticare in anticipo: con gli attuali costi del fieno e del mangime non c’è nessuno che voglia scender a valle tanto per farlo.”

mondovì times square new york

LE BELLEZZE DI MONDOVÌ SUI MEGASCHERMI DI TIMES SQUARE A NEW YORK

L'Unione Monregalese ha fatto proiettare le bellezze di Mondovì in Times Square a New York: grazie a Pixel Star di TSX Ieri, mercoledì 21 febbraio, sui megaschermi di Times Square a News York, alle 17,15...

METEO – Aggiornamento ARPA Piemonte. La Provincia apre la Sala operativa

Peggioramento delle condizioni meteo in Piemonte. Il bollettino ARPA emesso alle 13 di domenica 3 marzo conferma l'allerta "gialla" per la zona monregalese e cebana e addirittura arancione in alcune zone a ovest della...

«Cessate il fuoco!», le donne per la pace a Mondovì portano la voce delle...

Ieri, sabato 2 marzo, per la terza volta l'iniziativa "Cessate il fuoco" è stata portata a Mondovì: dalle ore 11:00 alle ore 12:00: le donne del movimento spontaneo monregalese hanno portato in strada la...

Mondovì, lieve smottamento sulla strada fra Carassone e Piazza: già riaperta

Viabilità interrotta nella mattinata di oggi, domenica 3 marzo, nella strada fra Carassone e Piazza per un lieve smottamento. Intervenuti i Vigili del fuoco, la strada è stata riaperta in poche ore. Il Comune ha...

Peggioramento meteo: nel week-end torna la neve in montagna e in Alta Langa

Dopo la tregua di queste ore, dalla serata di oggi (sabato 2 marzo) è atteso un nuovo peggioramento meteo. Centro Meteo Piemonte spiega: "Anche gli ultimi aggiornamenti confermano la fase di maltempo molto forte che...