Sofia Goggia e Arianna Fontana al Galà della Castagna d’oro

Premiati anche il direttore tecnico della nazionale femminile dello sci azzurro, Gianluca Rulfi, il volto italiano dello sport inclusivo Tiziana Nasi e il Presidente della Fondazione CRC Ezio Raviola

Erano nell'aria da giorni e, a meno di un mese dall'atteso evento dell'autunno frabosano, i nomi dei primi ospiti del Galà della Castagna d'Oro 2022 diventano realtà. La 34a edizione della kermesse in programma per sabato 1 e domenica 2 ottobre si preannuncia da record, con i fari puntati sulle grandi atlete dello sport italiano ed internazionale. A calcare il palco del Gala Palace di Frabosa Sottana saranno, infatti, la campionessa del mondo di sci alpino Sofia Goggia e la campionessa di short track Arianna Fontana, olimpionica italiana più premiata di sempre. Al loro fianco, il direttore tecnico della Nazionale femminile di sci, il frabosano Gianluca Rulfi, regista della meravigliosa squadra che da tempo fa sognare l'Italia in quasi tutte le discipline, dalla discesa libera al gigante, fino al super g. «Il Galà della Castagna d'Oro - dichiara il Sindaco di Frabosa Sottana, Adriano Bertolino - è un appuntamento che, da oltre trent'anni, dà lustro al nostro territorio, cogliendone da un lato la vocazione sportiva, dall'altro le tipicità. Grazie ad esso, il frutto della castagna, alla base dell'economia di un tempo, diventa premio di rilevanza nazionale e preziosissima occasione per valorizzare questa terra. L'edizione alle porte, con i nomi già annunciati, saprà certamente farlo, dimostrando anche, in sintonia con le tante iniziative comunali, sensibilità al tema della parità di genere e premiando i successi di grandissime atlete azzurre e non solo». Accanto ad esse e al tecnico Rulfi, infatti, a ricevere la castagna d'oro sarà anche la presidente del Comitato regionale della Federazione Italiana Sport Disabili, Tiziana Nasi, già tre volte presidente della FISIP (Federazione Sportiva Paralimpica), volto simbolo dello sport inclusivo in Piemonte e nel mondo. Sua, ad esempio, la guida dei Giochi Paralimpici di Torino 2006, cui è seguito un impegno quotidiano e costante per la promozione dello sport paralimpico. «Rimanendo in ambito istituzionale - dichiara il Presidente dell'Associazione Turistica Mondolè, Paolo Bruno - la castagna d'oro 2022 non poteva non andare al rappresentante di un ente che, da sempre, crede nel Galà e grazie al quale viene realizzata la maggior parte degli eventi e degli interventi di questa terra, a cominciare da quella montana». Il riferimento è, naturalmente, al neo eletto presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo Ezio Raviola, monregalese e uomo di sport, al quale la Castagna d'Oro andrà per l'impegno quotidiano e concreto a favore del territorio. Dai campioni di Spagna '82 protagonisti del sabato sera al circo bianco, passando per lo short track e le Paralimpiadi, l'edizione 2022 del Galà della Castagna d'Oro di Frabosa Sottana si conferma un palco straordinario per vivere le emozioni del grande sport. E dall'organizzazione garantiscono: "Le sorprese non sono finite".

Aspettando il Galà: gli eventi del venerdì

Se sport e montagna sono da sempre gli ingredienti di successo dell'evento, l'edizione 2022 si arricchisce di due appuntamenti culturali dedicati proprio al territorio montano, curati dall’Amministrazione comunale.

Anticipa l’apertura della kermesse – venerdì 30 settembre alle 20:30, nella Confraternita accanto alla Chiesa parrocchiale di Frabosa Sottana – la presentazione del libro di Valeria Tron “L’equilibrio delle lucciole”, edito da Salani, un romanzo poetico ed emozionante ambientato in Alta Val Germanasca, in una borgata alpina che tanto ricorda quelle delle nostre montagne. Dieci lettrici e lettori, che hanno letto in anteprima il libro, dialogheranno con la scrittrice, in un incontro aperto al pubblico.

Il giorno successivo, sabato primo ottobre alle ore 17, sempre nella Confraternita accanto alla Chiesa parrocchiale di Frabosa Sottana, si terrà il capitolo istitutivo della “Sorellanza delle Castagnere”, che è stata presentata al pubblico proprio l’anno scorso.

Si tratta di una sorellanza che vuole ricordare l’antico mestiere delle raccoglitrici di castagne nelle nostre valli montane e conservarne la memoria, diffondere la conoscenza dei prodotti gastronomici che hanno conseguito la Denominazione Comunale, nonché sviluppare amicizia e solidarietà tra le aderenti. Le iscrizioni sono aperte a tutte le donne che si riconoscono negli scopi statutari e anche agli uomini in qualità di Amici delle Castagnere.

Entrambi gli eventi sono aperti alle interessate e agli interessati, senza necessità di prenotazione.

Ufficio Stampa

Info e prenotazioni:

Infopoint Mondolè 0174/244481 int.1 / 331.8757807

infopointmondole@gmail.com