Dogliani: “trasloca” in municipio la nuova sede distrettuale per i servizi sociali

Quasi concluso il trasferimento dalla “casetta gialla”. Più spazi e servizi per il Cssm, destinati agli utenti del territorio. Martedì 27 settembre l’inaugurazione

Grazie alla collaborazione tra l’Amministrazione comunale di Dogliani e il Consorzio per i servizi socio assistenziali del Monregalese (Cssm), la sede distrettuale per i servizi sociali sul territorio doglianese ha ora una nuova e più spaziosa collocazione. Si sta infatti concludendo in questi giorni il trasloco degli arredi e l’allestimento degli ultimi dettagli nei nuovi uffici del Cssm, che ora si trovano al quarto piano del palazzo comunale, in piazza San Paolo. Questo importante “trasferimento” degli uffici, fino a ieri localizzati nella “casetta gialla”, nasce lo scorso anno dall’esigenza di dare una sede più funzionale, moderna e spaziosa ai servizi. Al Distretto di Dogliani fanno capo i Comuni limitrofi di Belvedere Langhe, Bonvicino, Farigliano, Lequio Tanaro e Somano. L’idea di collocare in un unico edificio anche la sede distrettuale Cssm è nata per poter ottimizzare e potenziare i servizi sociali per i cittadini. In questi mesi i lavori di recupero della ex sede del giudice di pace sono andati speditamente, così ora tutto è pronto. Nella nuova sede, con maggiori spazi, d’ora in avanti si alterneranno, garantendo continuità di presenza e di risposta, quattro assistenti sociali, otto assistenti domiciliari e quattro educatori professionali, per servizi rivolti a minori, famiglie, adulti fragili, anziani e disabili. La vicinanza tra gli uffici Cssm e gli uffici amministrativi comunali è un valore aggiunto, che favorisce comunicazione, collaborazione e sicurezza, vista la presenza del comando di Polizia locale.

Sindaco e assessore: «Importante consolidare la sinergia con il Cssm»
«Lo spirito di collaborazione e la volontà di creare un presidio sociale potenziato sono alla base dell’individuazione e dell’apertura della nuova sede – spiegano il sindaco Ugo Arnulfo e l’assessore Alessandra Abbona –. Abbiamo sempre voluto operare per consolidare la sinergia e l’interazione con il nostro “braccio operativo” sociale. Ringraziamo tutti coloro che hanno lavorato con noi in questi mesi difficili di pandemia, per ottenere questo risultato». L’avvocato Luca Borsarelli, presidente del Cssm, aggiunge: «Da sempre l’obiettivo condiviso è aiutare le persone in difficoltà, erogando la maggior quantità di servizi di qualità, con le risorse a disposizione. Uno degli elementi che contribuiscono ad incrementare la qualità è proprio la prossimità. La sede doglianese diventa così un vero e proprio “polo decentrato” dei servizi del Consorzio, a tutto vantaggio dei cittadini. Grazie all’Amministrazione comunale, che ha permesso questo salto di qualità».

Un nuovo “spazio neutro” per gli incontri tra figli e genitori separati
Novità. All’interno della nuova sede è stato allestito uno “spazio neutro” per famiglie Un luogo attrezzato e protetto dove i genitori separati possono incontrare i propri figli alla presenza degli operatori, sul modello di quello già esistente a Mondovì.