Vicoforte, il sindaco all’atto finale: Roattino si dimette saluta i cittadini

Nel pomeriggio di oggi si è svolto l’ultimo Consiglio comunale di Vicoforte con alla guida Valter Roattino. Nelle comunicazioni del sindaco il saluto alla cittadinanza e l’occasione per togliersi qualche sassolino dalla scarpa.

«Si è cercato di far credere che il Comune versasse in una situazione disastrosa, ma stranamente non sono mai stati rilevati reali o gravi disservizi - le parole del primo cittadino -. Ora ci aspetteranno tanti mesi di immobilismo totale. Si dovrà fare i conti quindi con ulteriori ritardi di programmazione e si perderanno in questo modo occasioni di sviluppo per il territorio oltre alla possibilità di aderire a bandi importanti a livello europeo, nazionale, regionale ed anche locali. I Vicesi avevano ed hanno bisogno di tutto questo?».

Le minoranze preparano una conferenza per lunedì sera dove spiegheranno, dal loro punto di vista, come si è arrivati a questa spiacevole conclusione e al conseguente commissariamento.

Il discorso di Valter Roattino

«Oggi è l’ultimo giorno del mio mandato da Sindaco: purtroppo non si sono ricostituite le
condizioni per poter amministrare il nostro paese. Ci ho creduto fino alla fine e pensavo di
poter completare il programma in considerazione del fatto che le attività finalmente, dopo
la fase più acuta della pandemia, erano ripartite. Si è cercato di far credere che il Comune versasse in una situazione disastrosa, ma stranamente non sono mai stati rilevati reali o gravi disservizi. Tollerare vane scuse politiche, verificare che l’attenzione venisse unicamente puntata su cavilli, refusi ed argomenti di sicuro recuperabili, oltre a non veder data importanza alle questioni rilevanti da affrontare concretamente ed in maniera imminente, fa ancora più male. Ricordo a tutti che per un certo periodo la macchina amministrativa è stata bloccata per mancanza di personale. Abbiamo però affrontato e superato la situazione con assunzioni qualificate, ora a pieno regime. Non ci è stato però dato tempo. Ho così dovuto rassegnare le mie dimissioni non certo per mancanza di volontà nel portare avanti gli impegni amministrativi, bensì perché mi mancano i numeri in Consiglio ed il supporto di chi, fino a fine luglio, faceva parte della mia squadra. Peccato.
Ora ci aspetteranno tanti mesi di immobilismo totale. Si dovrà fare i conti quindi con
ulteriori ritardi di programmazione e si perderanno in questo modo occasioni di sviluppo
per il territorio oltre alla possibilità di aderire a bandi importanti a livello europeo,
nazionale, regionale ed anche locali. I Vicesi avevano ed hanno bisogno di tutto questo?
Vi lascio cari Cittadini, elencandovi alcuni risultati ottenuti, nonostante tutto, con la guida
della nostra amministrazione. Nei prossimi giorni saranno realizzate le opere:
 di messa in sicurezza del fiume Corsaglia in Località “Martinetto” di Moline (importo
dei lavori 300.000,00 Euro, con il sostegno di finanziamento regionale);
 di predisposizione, in collaborazione con MondoAcqua, del progetto per la nuova
rete di approvvigionamento idrico in Località Cinzara (importo dei lavori 240.000,00
Euro, con il sostegno di finanziamento regionale);
- di ultimazione dell’area camper;
- di realizzazione dell’ascensore presso la sede municipale.
Andranno anche a regime:
- il doposcuola,
- l’iniziativa “Nonno Vigile”,
- la candidatura a valere sul bando regionale dedicato ai distretti del commercio, a
supporto del sistema commerciale locale,
-la destinazione di un’area per la realizzazione di edicole e cripte nel cimitero di
Fiamenga
Credo di essere una persona umile, onesta, seria e sempre a disposizione. Non penso di
aver sbagliato e rimango volenteroso e combattivo quando si tratta del mio paese: con la
mia squadra sono a disposizione per qualunque attività che possa portare del beneficio a
Vicoforte. Auguro ai Vicesi ogni bene. Ritenendo che meritino di essere guidati e amministrati da persone serie e volenterose, sapranno di certo discernere, attraverso il voto, rappresentanti che sappiano esercitare la loro missione amministrativa in forma di servizio e non di gestione di un potere.
Rivolgo un ringraziamento a tutte quelle persone che, nell’ambito dei rispettivi ruoli, mi
hanno sostenuto in questi anni ed in particolare sono veramente grato a Eraldo Prette,
Romina Barattero, Guido Olivero, Pierluigi Mancardi, Giovanni Badino, Daniela
Murazzano, Davide Alciati ed Elena Cuniberti per la serietà dimostrata anche nei frangenti
più difficili. Un grazie particolare va alla mia famiglia, che mi è sempre vicino.
Con viva cordialità
Valter Roattino