Fucili e pistole sotto il letto, viene assolto dal Tribunale

Un pensionato di Saliceto era finito a processo dopo che i Carabinieri avevano trovato le armi (regolarmente denunciate) e prive di munizioni nel cassettone

Un normale controllo dei Carabinieri è finito con una denuncia e un processo penale contro un pensionato di Saliceto, accusato di omessa custodia di armi da fuoco. Nell’agosto dello scorso anno, i militari avevano rinvenuto a casa dell’uomo una carabina, tre fucili da caccia e una pistola calibro 7,65. Tutte armi munite di regolare denuncia, ma conservate con modalità che hanno indotto le forze dell’ordine a disporne il sequestro: «Erano tenute nel cassettone sotto il letto. Tutte nelle loro custodie, non cariche, ma custodite in maniera non idonea», ha spiegato il luogotenente Simone Gemignani. Il comandante della caserma di Saliceto ha aggiunto che nell’abitazione non c’erano «armadi blindati o comunque adatti a custodire le armi».

Insieme al legittimo possessore e alla moglie, in casa vivevano anche i figli della coppia, tra cui due minorenni. Da circa un mese la famiglia si era trasferita all’interno dello stesso comune, comunicando anche lo spostamento delle armi. «Un dato che evidenzia la condotta negligente e imprudente», ha sostenuto il pubblico ministero Alessandro Borgotallo, chiedendo la condanna dell’imputato: «Nell’arco di un mese avrebbe potuto trovare una collocazione più efficace per le armi. Il letto era agevolmente sollevabile da chiunque». A carico del pensionato la pubblica accusa aveva domandato un’ammenda di 300 euro.

L’avvocato difensore Luca Borsarelli ha invece sostenuto l’insussistenza delle accuse: «Le armi erano scariche e inservibili, nell’abitazione non sono state trovate munizioni». Secondo quanto osservato dal legale, il principio giurisprudenziale sancito dalla Cassazione richiede di custodire le armi «con le cautele che possono esigersi da persone di normale prudenza»: dunque si richiede di occultarle «ma non di ricorrere a particolari sistemi di sicurezza». Le armi, ha aggiunto, «non erano in un luogo visibile a tutti». All’esito della breve istruttoria, il giudice Marco Toscano ha assolto l’imputato perché il fatto non sussiste.



Scopri anche

Un grosso cinghiale intrappolato nel canale: a Garessio intervengono i Vigili del fuoco

Un cinghiale era rimasto intrappolato nel canale della diga presso la centrale idroelettrica a Trappa (Garessio). È quanto avvenuto nel pomeriggio di oggi, domenica 27 novembre, quando, su segnalazione di alcuni residenti, sono intervenuti...

Oggi a Mondovì la celebrazione per la “Virgo Fidelis” con l’Arma dei Carabinieri

Questa mattina, domenica 27 novembre, la Compagnia dei Carabinieri di Mondovì ha celebrato la ricorrenza della "Virgo Fidelis", Patrona dell'Arma dei Carabinieri dall'11 novembre 1949. La funzione religiosa si è svolta nella chiesa del...

«Com’eri vestita, quando ti hanno stuprata?», a Mondovì la mostra di Amnesty

"Era un mio compaesano, mi ospitava perché nona avevo casa. Ogni volta che la moglie usciva, mi violentava". "Quando siamo arrivati nel parcheggio, ha chiuso tutte le porte dell'auto: e mi ha stuprata". "Quel...

“Luci a Piazza”: piazza Maggiore si trasforma in un bosco natalizio

LUCI A PIAZZA. Prende il via lo show luminoso nel rione storico di Mondovì. Ecco qualche immagine. Lo spettacolo di "mapping" sulle facciate storiche va in scena anche oggi, domenica 27 novembre, dalle 19...