Treno deragliato a Trinità dopo il crollo di una gru: in due a processo

Iniziata mercoledì mattina l'istruttoria a Cuneo. Alla sbarra i responsabili della ditta proprietaria del terreno su cui si svolgevano i lavori. Una decina di passeggeri del regionale Savona-Torino rimasero feriti

Devono rispondere di disastro ferroviario colposo i due responsabili dell’azienda Asfalti Savigliano, imputati nel processo per il deragliamento del treno a Trinità nel 2018. L’istruttoria, nella quale Trenitalia è parte civile, si è aperta mercoledì mattina a Cuneo. Il 27 aprile di quattro anni fa un regionale veloce sulla linea Savona-Torino venne investito dal crollo di una gru sui binari. La motrice e due carrozze del convoglio finirono fuori asse poche centinaia di metri prima della stazione di Trinità, dopo che il braccio dell’autogru aveva tranciato i cavi elettrici della linea. Un disastro che per fortuna non si trasformò in tragedia: una decina i feriti, non gravi, tra i circa 200 passeggeri.

LEGGI ANCHE (2018) - Deraglia treno fra Trinità e Sant’Albano: 10 feriti tra cui la conducente

Il manovratore della gru, titolare della ditta Edil Giara srl di Trinità, ha in seguito definito un patteggiamento. Sono andati invece a dibattimento gli amministratori della Asfalti Savigliano, l’azienda proprietaria del lotto di terreno sul quale stazionava il mezzo. Il terreno era stato concesso in comodato gratuito alla Edil Giara, in base a un accordo verbale mai formalizzato. Veniva utilizzato dall’azienda trinitese, specializzata nella costruzione di prefabbricati, come deposito e magazzino. Una parte però era rimasta nella disponibilità della Asfalti Savigliano che vi teneva materiale edile all’interno di una recinzione metallica. Proprio alla Asfalti Savigliano, in seguito all’incidente, lo Spresal aveva elevato un verbale di prescrizione per non aver incluso il terreno nel documento di valutazione dei rischi.

Dopo il disastro la Polizia Scientifica aveva individuato il punto di impatto all’altezza del km 6+910, a circa cinquecento metri dal punto in cui il convoglio ferroviario era deragliato. All’origine del crollo, secondo quanto ricostruito dai Vigili del fuoco, ci sarebbe stato il ribaltamento di una soletta in calcestruzzo che la gru stava movimentando in quel momento.

ARCHIVIO - Treno deragliato a Trinità: le immagini

La gru si trovava a quattro o cinque metri dalla massicciata ferroviaria. Secondo quanto prevede la normativa, chi effettua lavori in prossimità della linea di una ferrovia deve chiedere autorizzazione preventiva a RFI. Una richiesta era stata in effetti presentata nel 2007 da Asfalti Savigliano ed era relativa alla costruzione di un capannone: l’ente gestore delle ferrovie in quell’occasione aveva dato il via libera. Non risulta invece che i lavori eseguiti nel 2018 da Edil Giara fossero stati autorizzati da Rfi, secondo quanto riferito dal tecnico dello Spresal che eseguì gli accertamenti. Il processo è stato rinviato al 26 ottobre per la prosecuzione dell’istruttoria.



Scopri anche

La cappella del Sacra Famiglia di Dogliani Castello è tornata all’antico splendore

Concluso il lungo e particolareggiato intervento di recupero e restauro conservativo, che ha permesso fra il resto di riportare alla luce anche le antiche colorazioni delle pareti, il Comune di Dogliani ha presentato oggi...

Trinità: all’apertura della Fiera, “Pocio d’or” in memoria di Stefano Mana

Presentazione "in grande stile", questa mattina (26 novembre) per la tradizione "Fera dij pocio e dij bigat" di Trinità. Il sindaco Ernesta Zucco, l'Amministrazione comunale, gli esponenti delle realtà associative del paese e numerosi...

“Alzati”: quattro settimane seguendo la stella, durante l’Avvento

Per vivere al meglio l’Avvento che è alle porte (inizia infatti domenica 27 novembre) ecco come declinare il tema dell’anno “Alzati, andiamo!” avendo come riferimento biblico-evangelico il momento della visita premurosa da parte di...

Domenica mercatino dell’artigianato e antiquariato in piazza Ellero

Torna il mercatino di Breo, dell’artigianato e dell’antiquariato, in piazza Ellero. L’appuntamento della quarta domenica del mese si svolgerà domenica 27 novembre mentre, a dicembre, vista la concomitanza col Natale, si sposta a lunedì...