“Res Publica” a Mondovì premia la Caritas polacca e il gruppo Giornalisti Investigativi

La giuria del Premio Res Publica, attribuito a coloro che prodigano capacità e risorse a favore del bene comune, ha reso noti i nomi dei premiati stranieri ai quali sono stati assegnati gli ultimi due riconoscimenti per l’edizione 2022.

Per il comparto “Assistenza ai rifugiati ucraini” il premio è conferito alla Caritas polacca, nella persona del direttore, padre Marcin Iżycki. La Caritas polacca svolge le attività dal 1990. Contando su 44 organizzazioni diocesane, coniuga, nell’ispirazione come nell’operato, i presupposti fondamentali del Premio Res Publica: protezione del prossimo e del bene comune. Negli ultimi 10 mesi la Caritas polacca ha assistito milioni di ucraini costretti a lasciare alle spalle sofferenza e sventura, in attesa del ritorno in patria. L’Alto Commissario dell’ONU per i rifugiati (premiato da Res Publica nel 2021) stima che il numero di persone in fuga da guerra e violenza in Ucraina ecceda i 10 milioni (1/4 della popolazione). Tra essi, oltre 5 milioni sono rifugiati all’estero, in massima parte proprio in Polonia. “Il Premio Res Publica – sottolinea la giuria – riconosce l’enorme sforzo umanitario in corso, in particolare l’impegno personale del direttore della Caritas polacca".

Per il comparto “Giornalismo investigativo”, verrà premiato il Consorzio Internazionale dei Giornalisti Investigativi (CIGI), rappresentato dal direttore Gerard Ryle. Il Consorzio internazionale dei giornalisti investigativi (CIGI) diretto dal 2011 dal giornalista Gerard Ryle, è una rete globale con sede a Washington, DC. La rete è composta da 280 giornalisti, 140 organizzazioni media in più di 100 Paesi, che lavorano insieme su temi come criminalità organizzata, corruzione e abuso di potere. Nel 2021 il CIGI ha rivelato i Pandora Papers, un’imponente inchiesta basata su 12 milioni di documenti segreti (per un totale di 3 terabyte di dati) su beni registrati offshore, cioè in territori dove vigono legislazioni particolarmente permissive sul fisco, di alcune personalità tra le più ricche e potenti della Terra. L’inchiesta ha coinvolto decine di leader mondiali e centinaia di personalità, imprenditori, politici e funzionari statali. Il CIGI, che nel 2016 aveva già pubblicato i Panama Papers e nel 2017 i Paradise Papers, ha definito i Pandora Papers come “la più grande inchiesta nella storia del giornalismo”.

I nomi dei nuovi premiati si aggiungono a quelli annunciati precedentemente: il Fondo Etica SGR per il comparto “Finanza Etica”; la Federazione Italiana Sport Paralimpici (Fispes), insieme alle atlete Caironi, Contrafatto e Sabatini per il comparto “Sport come salute pubblica”. La consegna dei premi Res Publica 2022 è in programma sabato 29 ottobre presso la Sala Ghislieri a Mondovì Piazza.

L’evento sarà introdotto dal prof. Aldo Mola, a colloquio con l’artista Riccardo Cordero, autore del trofeo Res Publica, sul tema “L’arte come ispirazione al senso civico”.



Scopri anche

Cigliè: dipendente comunale “a tutto campo”, Susanna Cavarero va in pensione

Dopo 41 anni e 10 mesi di lavoro, va in pensione Susanna Cavarero, classe 1960, memoria storica e dipendente “a tutto campo” del Comune di Cigliè per tanti anni. Conclusi gli studi da ragioniera...

Il nuovo supermercato a Carrù non apre ancora, ecco perchè

Slitta la data di apertura del nuovo supermercato a Carrù. I lavori per la conversione dell’ex stabilimento Every, in viale Vittorio Veneto 75, nel punto vendita della catena “Dpiù” sono stati avviati la scorsa...

Lavori al ponte del cotonificio di Clavesana: «Riaprite quello degli impianti sportivi»

I lavori probabilmente in partenza nelle prossime settimane sul ponte dell’ex cotonificio, a Clavesana, preoccupano i residenti di borgata Gerino e delle frazioni vicine, che rischierebbero di rimanere “tagliati fuori” dal paese. L’altra via...

Quando il muro vandalizzato si trasforma in opera d’arte

Venerdì, sabato e domenica, Ceva è stata protagonista di un bellissimo evento artistico volto ad abbellire la città coinvolgendo i ragazzi delle sue Scuole. Due tra i più noti “street artist” della scena milanese,...