A Collobrières una delegazione di Frabosa Sottana, nel segno del gemellaggio

Dopo un’interruzione di due anni dovuta al Covid, una numerosa delegazione del Comune di Frabosa Sottana ha raggiunto il paese gemellato di Collobrières, capitale francese della castagna, nel fine settimana dal 21 al 23 ottobre.

L’ultima visita risaliva, infatti, al 2019 quando fu festeggiato il decennale del gemellaggio e, afferma il Sindaco Adriano Bertolino, è stato davvero un piacere ritrovarsi nuovamente quest’anno con gli amici francesi nella trentanovesima edizione della loro “Fête de la Châtaigne”.

Erano presenti anche il consigliere comunale Riccardo Griseri, Gianni Comino – sindaco quando fu istituito il gemellaggio – Milena, Patrizia, Graziella, Giuseppe, Ester, Pierfrancesco, Marilena, Roberta, nonché i Cavalieri della “Confrerie des Castanaires de Collobrières et du Pays des Maures” Giovanni e Giorgio.

Gradita sorpresa, domenica 23 ottobre durante il suo venticinquesimo capitolo, Elisabetta Baracco è stata ammessa a far parte della confraternita dei Castagnari francesi “per la devozione alla causa della difesa e della promozione del castagno e dei suoi frutti”.

Il Sindaco Adriano Bertolino ha ringraziato la Sindaca di Collobrières Christine Amrane e l’assessore Serge Sauvayre per la calorosa accoglienza ricevuta e ha espresso grande soddisfazione poiché il gemellaggio sta procedendo nel miglior modo possibile rispecchiando la forte amicizia che lega i due comuni.

 



Scopri anche

Frutti antichi e zuppa della tradizione: a Farigliano torna la “Fiera dei puciu”

Tra gli ultimi appuntamenti dell’anno prima del Natale, Farigliano si prepara ad ospitare la tradizionale “Fiera dei puciu e di San Nicolao”, in programma per domenica 4 dicembre (con una importante anteprima il giorno...

Incidenti sulle strade a Villanova e Magliano: due scontri tra auto

Incidenti stradali tra la notte e la prima mattinata di oggi (sabato 3 dicembre) complice il maltempo. A Villanova Mondovì, in via IV novembre due auto si sono scontrate, e una si è ribaltata...

Gli abiti delle donne vittime di violenza: la mostra si sposta a Piazza

«Era un mio compaesano, mi ospitava perché nona avevo casa. Ogni volta che la moglie usciva, mi violentava». «Quando siamo arrivati nel parcheggio, ha chiuso tutte le porte dell'auto: e mi ha stuprata». «Quel...