Enrico Mattei – Mattei a Mondovì?

Sull’importanza della figura di Enrico Mattei c’è poco da discutere. La sua morte è il primo dei “grandi misteri italiani” che costellano il dopoguerra. Tuttavia, quello che è ora curioso per noi è che Mattei ebbe un fugace rapporto con Mondovì.

L'immagine è tratta dal volume "Scritti e discorsi" edito da Rizzoli

di Lorenzo Barberis

Sull’importanza della figura di Enrico Mattei c’è poco da discutere. Classe 1906, leader della resistenza cattolica, nell’immediato dopoguerra, incaricato liquidatore dell’AGIP, la rilancia in una società in grado di sfidare le “sette sorelle” (non le sette città cuneesi, ma le sette grandi multinazionali petrolifere angloamericane), rendendo l’ENI, l’Ente Nazionale Idrocarburi, il motore del boom economico italiano.

La sua morte è il primo dei “grandi misteri italiani” che costellano il dopoguerra. La sentenza del processo De Mauro (giornalista assassinato dalla mafia per la sua indagine sul caso Mattei) ha dato come verità giudiziaria l’attentato mafioso dietro l’incidente aereo: naturalmente, di chi la mafia fosse esecutrice resterà avvolto nell’ombra per sempre (cfr. “la Repubblica” del 7 agosto 2012).

Tuttavia, quello che è ora curioso per noi è che Mattei ebbe un fugace rapporto con Mondovì. In “Enrico Mattei. Scritti e discorsi”, edito da Rizzoli nel 2012, si trovano due foto di Mattei assieme ad Alcide De Gasperi, il leader della DC postbellica, durante una manifestazione partigiana a Mondovì, senza altre specificazioni.

Il fatto trova una sua conferma coeva in un articolo della “Civiltà Cattolica” del 6 ottobre 1951, agevolmente consultabile online. Il pezzo tratta del conflitto, nell’immediato dopoguerra, tra associazionismo partigiano “rosso” e “bianco”. Nel 1948 infatti la FVL, Federazione Volontari della Libertà, cattolica, si stacca dall’ANPI, vicina al PCI, e indice un suo convegno al Sacrario partigiano di San Bernardo di Bastia, nel 1951, nei pressi di Mondovì (si trovano anche, online, i filmati dell’Istituto Luce sulla giornata, congruenti
con le foto del libro su Mattei).

L'immagine è tratta dal volume "Scritti e discorsi" edito da Rizzoli

In questa occasione Mattei, che presiede la FVL, ribadisce che i 10.000 partigiani cattolici sono pronti a re-imbracciare le armi contro nuove minacce per la democrazia, cosa che viene ribadita anche dal comandante Mauri, il monregalese Enrico Martini, leader della Resistenza nelle nostre zone (morirà anch’egli in un incidente aereo, in Turchia, nel 1976, due anni dopo esser stato lambito dall’affaire Edgardo Sogno).

Una presenza quindi non casuale, quella di Mattei in città, ma connessa al ruolo che Mondovì ebbe nella Resistenza, da cui l’importante Sacrario che sorge sulle sue terre. “L’Unione” – che parlava spesso e con favore di Mattei sul piano nazionale – non pare riportare questa sua visita presso di noi, per minore attenzione – allora – alla cronaca locale, anche quando, come in questo caso, di portata evidentemente storica. Ma alla morte di Mattei, lo ricorderà con parole commosse: “Un grande italiano”, recita giustamente il titolo del necrologio, che gli riconosce il maggior merito del boom economico.

Sottolineare questo legame, sia pur tenue, con la nostra città ci pare un giusto completamento di quell’omaggio.

Scopri gli altri articoli della serie su Enrico Mattei:

Viter Luna - Enrico Mattei, l'era del Corsaro

Paolo Roggero - 27 ottobre 1962, una Giornata Particolare

Giovanni Rizzi - "il Caso Mattei": l'inchiesta di Francesco Rosi

RI-FONDAZIONI: Raviola in SP, Gola in CRC e Robaldo punta al “tris”

Le ruote hanno girato in meno di 24 ore. «Mi lascio alle spalle otto anni di impegno in CRC e si apre una nuova sfida in Compagnia San Paolo». Lunedì 15 aprile Ezio Raviola...

Tre arresti per la banda del camper (a noleggio) dopo cinque furti nei negozi

Come anticipato, nella notte tra il 12 e 13 aprile, diversi esercizi pubblici di Ceva, Bastia Mondovì e Carrù erano stati “visitati” dai ladri, che si erano impossessati di alcuni telefoni cellulari e del...

È di Torre una delle “dieci donne che salvano la terra” per Slow Food...

Lunedì mattina a Torino, in occasione della Giornata mondiale della terra” si è tenuta la conferenza stampa dell’evento “10 donne che salvano la terra”, una delle iniziative organizzate da Slow Food Italia in vista...

Ernesto Billò con “La Resistenza dei giovanissimi” inaugura il 25 aprile a Carrù

Sarà la deputata cuneese e vicepresidente nazionale del Partito Democratico Chiara Gribaudo a tenere quest’anno l’orazione ufficiale a Carrù nell’ambito delle celebrazioni del 25 aprile. Invitata dalla sezione locale dell’Anpi e dal Comune, la...

Medico di base a Farigliano: la dott.ssa Apostolo prende servizio il 13 maggio

Dal 13 maggio prossimo la dottoressa Romina Apostolo si inserirà in qualità di medico nel ruolo unico di Assistenza Primaria a ciclo di scelta (Medico di Medicina di Medicina Generale) attualmente autolimitata a mille...
gruppo figli genitori separati

Gruppo di ascolto e confronto dedicato ai figli dei genitori separati

Diamo voce ai nostri figli! A Mondovì un Gruppo di ascolto e confronto dedicato ai figli dei genitori separati Lo studio “La Giraffa - Professionisti per la gestione del conflitto”, nell’ambito delle iniziative avviate, propone...