Enrico Mattei – L’inchiesta di Francesco Rosi

La guerra alle “sette sorelle” e la sciagura sui cieli della campagna lombarda. Francesco Rosi non nasconde questo collegamento tra un possibile mandante e la conseguente morte di Enrico Mattei.

di Giovanni Rizzi

La guerra alle “sette sorelle” e la sciagura sui cieli della campagna lombarda. Francesco Rosi non nasconde questo collegamento tra un possibile mandante e la conseguente morte di Enrico Mattei. Non convincono il regista, e molti altri, le indagini che archivieranno l’incidente come accidentale. Troppo importante la figura dell’industriale nel panorama economico, ed evidente la sua volontà di contrasto ai potentissimi trust del petrolio anglo americano.

Le zone d’ombra di un’inchiesta che ignora le parole dei testimoni oculari, tralascia prove e fugge dalla considerazione logica di un movente più che attendibile alla base del delitto. Questi aspetti spingono il cineasta a creare un’indagine personale, talmente coinvolgente da parte sua di sentirsi in diritto di entrare egli stesso fisicamente nel film, ponendo quelle domande scomode che diffiffi cilmente ottengono risposte esaurienti.

Partendo dal libro “L’assassinio di Enrico Mattei”, il regista intraprende un viaggio nel passato dell’industriale, mostrandoci come prima cosa l’incidente: l’effetto. Per poi addentrarsi sulle “cause”, ovvero tutta l’opera di risanamento dell’AGIP e la conduzione dell’industria italiana degli idrocarburi su una posizione di vantaggio rispetto alla concorrenza. Un racconto che utilizza i documenti del tempo e la ricostruzione dei passaggi fondamentali attraverso l’interpretazione perfetta di Gian Maria Volontè. E poi l’inchiesta vera e propria a 10 anni di distanza dal fatto, che ci permette di unire tutti i puntini, convincendoci della visione del pensiero di Rosi.

La pellicola, uscita nel 1972, dimostra anche quanto nel bene o nel male un film d’inchiesta vada oltre il paio d’ore di indignazione e riflessioni della sua visione, e che sia in realtà qualcosa di più grande e a volte molto più scomodo. A ricordarcelo c’è il tragico destino che lega il giornalista Mauro De Mauro al film di Rosi. Interpellato per partecipare alla fase di indagine e scrittura del film, verrà rapito pochi giorni dopo in Sicilia mentre raccoglieva nuove informazioni sul caso Mattei, senza venire mai più ritrovato.

Scopri gli altri articoli della serie su Enrico Mattei:

Viter Luna - Enrico Mattei, l'era del Corsaro

Paolo Roggero - 27 ottobre 1962, una Giornata Particolare

Lorenzo Barberis - Mattei a Mondovì?

RI-FONDAZIONI: Raviola in SP, Gola in CRC e Robaldo punta al “tris”

Le ruote hanno girato in meno di 24 ore. «Mi lascio alle spalle otto anni di impegno in CRC e si apre una nuova sfida in Compagnia San Paolo». Lunedì 15 aprile Ezio Raviola...

Tre arresti per la banda del camper (a noleggio) dopo cinque furti nei negozi

Come anticipato, nella notte tra il 12 e 13 aprile, diversi esercizi pubblici di Ceva, Bastia Mondovì e Carrù erano stati “visitati” dai ladri, che si erano impossessati di alcuni telefoni cellulari e del...

È di Torre una delle “dieci donne che salvano la terra” per Slow Food...

Lunedì mattina a Torino, in occasione della Giornata mondiale della terra” si è tenuta la conferenza stampa dell’evento “10 donne che salvano la terra”, una delle iniziative organizzate da Slow Food Italia in vista...

Ernesto Billò con “La Resistenza dei giovanissimi” inaugura il 25 aprile a Carrù

Sarà la deputata cuneese e vicepresidente nazionale del Partito Democratico Chiara Gribaudo a tenere quest’anno l’orazione ufficiale a Carrù nell’ambito delle celebrazioni del 25 aprile. Invitata dalla sezione locale dell’Anpi e dal Comune, la...

Medico di base a Farigliano: la dott.ssa Apostolo prende servizio il 13 maggio

Dal 13 maggio prossimo la dottoressa Romina Apostolo si inserirà in qualità di medico nel ruolo unico di Assistenza Primaria a ciclo di scelta (Medico di Medicina di Medicina Generale) attualmente autolimitata a mille...
gruppo figli genitori separati

Gruppo di ascolto e confronto dedicato ai figli dei genitori separati

Diamo voce ai nostri figli! A Mondovì un Gruppo di ascolto e confronto dedicato ai figli dei genitori separati Lo studio “La Giraffa - Professionisti per la gestione del conflitto”, nell’ambito delle iniziative avviate, propone...