Enrico Mattei – L’inchiesta di Francesco Rosi

La guerra alle “sette sorelle” e la sciagura sui cieli della campagna lombarda. Francesco Rosi non nasconde questo collegamento tra un possibile mandante e la conseguente morte di Enrico Mattei.

di Giovanni Rizzi

La guerra alle “sette sorelle” e la sciagura sui cieli della campagna lombarda. Francesco Rosi non nasconde questo collegamento tra un possibile mandante e la conseguente morte di Enrico Mattei. Non convincono il regista, e molti altri, le indagini che archivieranno l’incidente come accidentale. Troppo importante la figura dell’industriale nel panorama economico, ed evidente la sua volontà di contrasto ai potentissimi trust del petrolio anglo americano.

Le zone d’ombra di un’inchiesta che ignora le parole dei testimoni oculari, tralascia prove e fugge dalla considerazione logica di un movente più che attendibile alla base del delitto. Questi aspetti spingono il cineasta a creare un’indagine personale, talmente coinvolgente da parte sua di sentirsi in diritto di entrare egli stesso fisicamente nel film, ponendo quelle domande scomode che diffiffi cilmente ottengono risposte esaurienti.

Partendo dal libro “L’assassinio di Enrico Mattei”, il regista intraprende un viaggio nel passato dell’industriale, mostrandoci come prima cosa l’incidente: l’effetto. Per poi addentrarsi sulle “cause”, ovvero tutta l’opera di risanamento dell’AGIP e la conduzione dell’industria italiana degli idrocarburi su una posizione di vantaggio rispetto alla concorrenza. Un racconto che utilizza i documenti del tempo e la ricostruzione dei passaggi fondamentali attraverso l’interpretazione perfetta di Gian Maria Volontè. E poi l’inchiesta vera e propria a 10 anni di distanza dal fatto, che ci permette di unire tutti i puntini, convincendoci della visione del pensiero di Rosi.

La pellicola, uscita nel 1972, dimostra anche quanto nel bene o nel male un film d’inchiesta vada oltre il paio d’ore di indignazione e riflessioni della sua visione, e che sia in realtà qualcosa di più grande e a volte molto più scomodo. A ricordarcelo c’è il tragico destino che lega il giornalista Mauro De Mauro al film di Rosi. Interpellato per partecipare alla fase di indagine e scrittura del film, verrà rapito pochi giorni dopo in Sicilia mentre raccoglieva nuove informazioni sul caso Mattei, senza venire mai più ritrovato.

Scopri gli altri articoli della serie su Enrico Mattei:

Viter Luna - Enrico Mattei, l'era del Corsaro

Paolo Roggero - 27 ottobre 1962, una Giornata Particolare

Lorenzo Barberis - Mattei a Mondovì?



Scopri anche

Cigliè: dipendente comunale “a tutto campo”, Susanna Cavarero va in pensione

Dopo 41 anni e 10 mesi di lavoro, va in pensione Susanna Cavarero, classe 1960, memoria storica e dipendente “a tutto campo” del Comune di Cigliè per tanti anni. Conclusi gli studi da ragioniera...

Il nuovo supermercato a Carrù non apre ancora, ecco perchè

Slitta la data di apertura del nuovo supermercato a Carrù. I lavori per la conversione dell’ex stabilimento Every, in viale Vittorio Veneto 75, nel punto vendita della catena “Dpiù” sono stati avviati la scorsa...

Lavori al ponte del cotonificio di Clavesana: «Riaprite quello degli impianti sportivi»

I lavori probabilmente in partenza nelle prossime settimane sul ponte dell’ex cotonificio, a Clavesana, preoccupano i residenti di borgata Gerino e delle frazioni vicine, che rischierebbero di rimanere “tagliati fuori” dal paese. L’altra via...

Quando il muro vandalizzato si trasforma in opera d’arte

Venerdì, sabato e domenica, Ceva è stata protagonista di un bellissimo evento artistico volto ad abbellire la città coinvolgendo i ragazzi delle sue Scuole. Due tra i più noti “street artist” della scena milanese,...