Artista scozzese inventa un’opera per le Orfane di Mondovì

È una storia che risuona tutta al femminile. Scritta da una donna, cantata da un’altra donna e dedicata a tante donne – figlie senza famiglia che nei secoli passati crescevano fra le mura dell’ex orfanotrofio di Mondovì Piazza, oggi Museo del libro stampato. Grazie alla Fondazione CRC, a Mondovì arriva una nuova opera d’arte sonora: si chiama “A Song / A Part”, realizzata e incisa dall’artista scozzese Susan Philipsz sulle note scritte nel 1568 da Maddalena Casulana, prima compositrice donna nella storia ad aver fatto stampare e pubblicare un libro della propria musica. Verrà inaugurata sabato 5 novembre a Mondovì Piazza nel polo “LIBER”.

L’OPERA E L’AUTRICE
“A Song A Part / Un canto / una parte” è un’installazione sonora realizzata per “A cielo aperto”, il progetto di arte pubblica promosso dalla Fondazione CRC. L’opera si basa su due canti di Maddalena Casulana, la cui partitura del Canto da “Il primo libro de madrigali” (1568) è stata recentemente scoperta negli archivi della Biblioteca civica di Cuneo. La Fondazione CRC ha scelto Susan Philipsz per questo compito: artista scozzese (è di Glasgow), nata come scultrice e passata dall’arte plastica materiale a quella sonora. «Il mio unico strumento ora è la voce umana», dice: utilizzando sistemi di amplificazione in luoghi come le stazioni degli autobus o i contesti urbani, Philipsz trasmette registrazioni di sé stessa che canta canzoni popolari o pop a cappella. Per Mondovì l’artista ha scelto di cantare due canti diversi da “Il primo libro de madrigali” e li ha registrati in modo che le parole diventassero toni astratti. Queste registrazioni vengono riprodotte da due altoparlanti separati, allestiti all’ingresso del Museo, e vengono diffuse simultaneamente. I suoni si sovrappongono creando un vortice fra dissonanze e armonie. Attraverso la sua installazione sonora, Philipsz allude sia alla scomparsa della tipografia tradizionale in favore di quella digitale, alla memoria delle donne che hanno dovuto lottare per accedere al mondo dell’arte e alla storia del convento-orfanotrofio femminile di Mondovì, oggi divenuto Museo della stampa.

«Con l’inaugurazione dell’opera a Mondovì siamo giunti alla terza tappa del nostro progetto “A cielo aperto” – afferma Ezio Raviola, presidente della Fondazione CRC –, che ci offre l’opportunità di portare in provincia di Cuneo le opere di quattro straordinari artisti di fama internazionale. Un’operazione culturale unica, promossa per celebrare i 30 anni di vita della nostra istituzione. Questa installazione sonora impreziosisce ulteriormente il Polo culturale delle Orfane: un luogo eccezionale, nel cuore di Mondovì Piazza, restituito alla comunità grazie all’imponente riqualificazione sostenuta dalla Fondazione nell’ambito degli Interventi Faro».

Sono previste visite guidate gratuite per scoprire l’opera di Susan Philipsz e il Museo della Stampa, sabato 5 novembre alle 15 e alle 17 e domenica 6 novembre alle 11, alle 15 e alle 17. Prenotazione obbligatoria al link https://www.eventbrite.it/e/449363778157.



Scopri anche

“C’è una bomba in Stazione a Fossano”, ma è un falso allarme

"C'è una bomba in Stazione a Fossano". Una telefonata anonima nella serata di ieri, giovedì 1° dicembre, ha fatto scattare l'allerta. Presso la Stazione ferroviaria fossanese sono intervenuti i Carabinieri e la Polizia ferroviaria,...

A gennaio 2023 torna a Mondovì il Raduno di Mongolfiere dell’Epifania

Il cielo di Mondovì, Città delle Mongolfiere, si riempirà ancora una volta di palloni colorati. Dal 6 all’8 gennaio 2023 torna l’evento volante che ogni anno tiene l’intera città col naso all’insù: il Raduno...

Progetto da 250 mila euro per efficientamento energetico di scuola e spogliatoi

«L’opportunità è davvero interessante e siamo determinati a provarci» con queste parole il sindaco di Magliano, Marco Bailo, annuncia la partecipazione del Comune al bando “Cse 2022, Comuni per la sostenibilità e l’efficienza energetica”....

Giocando con… la Croce Bianca, a Ceva

Torna, il 3 dicembre a Ceva, “Giocando con la Croce Bianca”, il pomeriggio in cui bambini e ragazzi, dalla prima Elementare alla terza Media, potranno diventare soccorritori per un giorno e utilizzare presidi di...