«Sollecitate RFI a curare il viadotto di Mondovì: i rampicanti potrebbero compromettere l’opera»

Le piante rampicanti che ricoprono i pilastri del viadotto possono comprometterne la sicurezza? Se lo domanda il Centrosinistra di Mondovì, che ha presentato un’interrogazione al sindaco. «Le infrastrutture della Torino-Savona sono già state oggetto di numerose lamentele da parte degli utenti: vedasi locali stazione, sottopasso, ecc. – scrivono i tre consiglieri Laura Gasco, Cesare Morandini e Davide Oreglia –. Nel 2022 il Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibile (MIMS) ha aggiornato le “Linee Guida per la Classificazione e gestione del rischio, la valutazione della Sicurezza ed il Monitoraggio dei ponti esistenti”, all’interno delle quali vengono dettagliatamente classificate le criticità da tenere sotto controllo. La manutenzione delle linee e delle infrastrutture ferroviarie e quindi del viadotto risulta di competenza di Rete Ferroviaria Italiana, ma da ormai molti anni i piloni del viadotto sono privi di una manutenzione alla base, tanto che la vegetazione rampicante ha ormai avvolto completamente e quasi raggiunto la sommità di alcuni archi. All’interno delle “Linee Guida per la Classificazione e gestione del rischio, la valutazione della Sicurezza ed il Monitoraggio dei ponti esistentila presenza di vegetazione è descritta come causa che può portare a difetti importanti a danno dell’opera. L’Amministrazione comunale intende promuovere un’azione di sollecito nei confronti di RFI affinché provveda con sollecitudine a far rimuovere i rampicanti che avvolgono i pilastri del viadotto?».

Il viadotto ferroviario monregalese risale ai primi decenni del Novecento (dicembre 1912: primi scavi; anni 1915-1916: chiusura degli ultimi volti del viadotto). La linea ferroviaria To-Sv entrò in funzione nel 1933. Le arcate centrali del viadotto vennero fatti saltare nell’aprile del ’45 dai tedeschi in fuga e vennero ricostruite nel 1947.

Scopri anche

Lartigue: gli scatti del “fotografo della Belle Époque” in mostra a Piozzo

Il sogno diventerà realtà. Come già annunciato nei primi mesi del 2021, ormai da tempo l’Amministrazione comunale di Piozzo si sta muovendo per l’organizzazione di un evento turistico su larga scala, dedicato al fotografo...

Il ritorno dei “babi cru”: riscoperta un’antica varietà di pere, ormai dimenticata

“Carù, pais di babi cru”. Perché, praticamente da sempre, i cittadini di Carrù sono chiamati “babi cru”? Contrariamente a quello che si potrebbe pensare, i rospi (“babi”, in dialetto), non c’entrano nulla. Con il...

Mondovì, un piano per i negozi sfitti: “comodato gratuito temporaneo” per favorire l’apertura di...

Un censimento dei negozi sfitti e un incontro a tre fronti, coi proprietari e le agenzie immobiliari. Ecco uno dei passi che il Comune metterà in atto nel “piano per il rilancio del commercio”...

Neve in serata: domani “allerta gialla” per ARPA su Monregalese e Cebano

Dopo le nevicate dello scorso fine settimana, torna la neve sul Monregalese e sul Cebano. La neve è attesa per la notte fra giovedì 8 e venerdì 9 dicembre. ARPA Piemonte ha diramato lo...