Da “Scelta sociale” 600 euro mensili per anziani, disabili e non autosufficienti

Cirio Marrone sociale Regione

Da “Scelta sociale” 600 euro mensili per anziani, disabili e non autosufficienti

Si chiama “Scelta sociale” la nuova misura della Regione destinata a rivoluzionare il mondo dell'assistenza socio-sanitaria piemontese con l’erogazione di un buono da 600 euro al mese per due anni, rinnovabili, a sostegno delle famiglie con anziani o disabili non autosufficienti.

Per finanziarla la Regione impegna 90 milioni del Fondo sociale europeo, 45 per il sostegno economico per l'inserimento in strutture residenziali socio-sanitarie e 45 milioni per l'acquisto di servizi di cura e assistenza domiciliare.

Un provvedimento rivoluzionario”, lo ha definito il presidente Alberto Cirio nel corso della presentazione, precisando che “non stiamo annunciando, stiamo investendo e spendendo soldi veri, che abbiamo a disposizione e che per la prima volta stanziamo per una misura di questo tipo. Un risultato ottimo che va nella direzione di aiutare le famiglie che hanno anziani o disabili in casa o nelle strutture, ma anche le stesse strutture a far sì che gli ospiti abbiano le risorse per pagare le rette".

“Continuiamo a mettere a frutto ciò che ho imparato negli anni di lavoro a Bruxelles - ha proseguito Cirio - e aver ottenuto 90 milioni di euro da mettere a disposizione delle famiglie di persone non autosufficienti e disabili gravi per noi è estremamente importante, perché ci permette di dare a queste famiglie un supporto concreto. E credo che questo sia il dovere che noi abbiamo per non lasciare nessuno indietro”.

“Il tema - ha dichiarato l’assessore al Welfare Maurizio Marrone - è la libertà di scelta della famiglia, che potrà decidere quale contributo richiedere. Sarà anche un impulso al lavoro degli assistenti familiari e un incentivo all'emersione del nero. Con questi 90 milioni di fondi europei, che aggiungiamo a quelli già a bilancio regionale, mettiamo sulla non autosufficienza oltre il doppio di quanto non abbiano mai stanziato le Giunte precedenti, a partire da quella Chiamparino. La misura interesserà coloro che attualmente non accedono ad alcun tipo di contribuzione pubblica a sostegno di questi servizi, come ad esempio gli accreditati Rsa non coperti da convenzione, oppure tante famiglie con disabili gravi a casa. Essere al loro fianco è un nostro dovere in questo momento di crisi economica e sociale. Basti pensare che a fronte degli annunciati aumenti di retta nelle Rsa, dovuti ai rincari, che dovrebbero assestarsi tra i 600 e i 2.000 euro annui, attraverso la nostra misura metteremo nelle tasche dei beneficiari 7.200 euro all'anno per due anni”.

Video

Come ottenere i buoni

I buoni da 600 euro mensili, per 24 mesi rinnovabili, saranno destinati a persone anziane o disabili non autosufficienti. Le assegnazioni saranno legate all'Isee socio-sanitario, che non dovrà essere superiore a 50.000 euro, o 65.000 in caso di disabile minorenne, ed alla priorità per punteggio sociale secondo le valutazioni delle Unità socio-sanitarie competenti (Uvg e Umvg).

Saranno assegnati tramite due bandi regionali: uno per la domiciliarietà e uno per la residenzialità. La domanda si potrà presentare tramite la piattaforma "Scelta sociale", che sarà attiva dall’inizio del 2023 su www.piemontetu.it Nella fase di caricamento e istruttoria i beneficiari riceveranno supporto direttamente dalle strutture prescelte, in caso di scelta di residenzialità, e dagli enti gestori dei servizi socio-assistenziali in caso di domiciliarietà.

Il beneficiario o la sua famiglia potranno poi decidere di utilizzare il buono per l'assistente familiare di cui si ha necessità (badante, infermiere, oss, educatore) assunto in proprio o individuato e contrattualizzato da cooperative sociali/servizi socio assistenziali/agenzie di somministrazione di lavoro. Oppure, per l'inserimento in una struttura residenziale socio-sanitaria (Rsa per anziani non autosufficienti, Raf per disabili, comunità alloggio, gruppo appartamento, comunità di tipo familiare e socio-assistenziale per disabili gravi).

#sceltasociale
#piemonte
#vouvher
#anziani
#alberto-cirio
#maurizio-marrone

Scopri anche

Week-end di grande festa: Morozzo celebra il suo Cappone

Tutto è pronto a Morozzo per la festa più attesa dell’anno. Domenica 11 e lunedì 12 dicembre torna il tradizionale appuntamento con la sempre partecipata “Fiera del Cappone”, evento di caratura nazionale che ogni...

Il 23 e 24 dicembre torna la magia del presepe vivente a Dogliani Castello

Torna nel suggestivo borgo antico di Castello, il tradizionale presepe vivente di Dogliani, storico appuntamento di fine anno nel panorama piemontese, che quest’anno festeggia le sue addirittura 48 edizioni. In vista delle serate del...

Fiera del Bue grasso a Carrù: il programma, gli eventi e tutto quello che...

Battuta di bue alle 9 del mattino e un buon bicchiere di vino. Sarà la venerabile “colazione” (si fa per dire) della Confraternita del Bue Grasso di Carrù e del Gran Bollito a fare...
mondovì nuove telecamere sicurezza

Mondovì, nuove telecamere di sicurezza in città: ecco dove

A Mondovì arrivano nuove telecamere di sicurezza in città, per ampliare le aree sorvegliate in  via Saluzzo, al parco di Villa Nasi, al parco di via della Cornice, a via Ortigara e a via...