Gli abiti delle donne vittime di violenza: la mostra si sposta a Piazza

«Era un mio compaesano, mi ospitava perché nona avevo casa. Ogni volta che la moglie usciva, mi violentava». «Quando siamo arrivati nel parcheggio, ha chiuso tutte le porte dell'auto: e mi ha stuprata». «Quel pomeriggio la zia non c'era, e nemmeno mio cugino: in casa c'era solo mio zio. Indossavo una bellissima gonna rossa scozzese". "Stavo tornando a casa dall'allenamento, mi hanno avvicinata. Erano su un furgone. Mi hanno violentata e picchiata. In ospedale, con prognosi 15 giorni, un giornalista mi ha chiesto: com'eri vestita? Mio padre lo ha buttato fuori dalla stanza».

Sono alcune - solo alcune, meno della metà - delle testimonianze affisse ai pannelli della mostra di Amnesty International "Com'eri vestita", ora allestita nell'atrio dell'ex Tribunale di Mondovì Piazza. Sarà visitabile sino al 7 dicembre, poi si sposterà sotto i portici.

La mostra, nata nel 2013 da un’idea di Jen Brockman dell’Università del Kansas, gira l’Italia grazie all’Associazione Libere Sinergie, che ne propone un adattamento al contesto socio-culturale del nostro Paese, e all’impegno dei gruppi locali di Amnesty International Italia nell’ambito della campagna #IoLoChiedo.: il sesso senza consenso è stupro”, volta a chiedere un adeguamento della legislazione italiana alle norme internazionali, modificando l’articolo 609-bis del codice penale per considerare reato qualsiasi atto sessuale senza consenso.

«Una mostra per abbattere gli stereotipi - hanno ricordato, all'inaugurazione, Amnesty e il Comune -. Quante volte, davanti a un caso di stupro, sentiamo la frase: "ma lei com'era vestita"? Lo stupro non viene commesso da per colpa di un vestito: viene commesso per colpa di un uomo». Ricordando che, in Italia, è solo dal 1996 che lo stupro è un reato penale contro la persona: prima era considerato "reato contro la pubblica morale".

 

Scopri anche

Clavesana, maestra aggredita in paese da una mamma di un ex alunno

È stata avvicinata e aggredita all'uscita di un negozio, a Clavesana. La vittima è una maestra, che insegna alle Elementari del paese. Sarebbe stata individuata e poi insultata da una signora, mamma di un...

Villanova. Michele Pianetta ufficializza la candidatura a sindaco

Michele Pianetta, attuale vicesindaco di Villanova, ha ufficializzato la propria candidatura a sindaco in vista delle prossime elezioni comunali. Al momento attuale, dunque, si profila una sfida a due, con lo sfidante...

Sant’Albano: gli Alpini ricordano la ritirata di Russia, 80 anni dopo la tragedia

Da venerdì 3 a domenica 5 febbraio, Sant’Albano ha ospitato una tre giorni interamente dedicata alla ritirata di Russia, ad 80 anni esatti di distanza dalla tragedia che interessò da vicino moltissimi giovani e...

Prof. del Liceo di Mondovì pubblica una biografia di Guccini… dal “punto di vista”...

Una biografia in prosa che però nasce dalle strofe. «C’è chi sostiene che un artista non possa raccontare sé stesso coi versi. Io invece credo di sì e, partendo dalle canzoni che Guccini ha...

Ceva: si presenta il progetto del “Museo del fungo”

E' in corso, presso il Municipio di Ceva, la conferenza stampa di presentazione del futuro "Museo del Fungo". Un sogno che si appresta a diventare realtà. Ad illustrare il progetto e le fasi che...

Mondovì, ecco i cartelli elettronici che avviseranno dei blocchi del traffico

Da ieri, lunedì 30 gennaio, sono stati piazzati a Mondovì i primi cartelli elettronici che avviseranno dei blocchi del traffico. Il Comune spiega: «La città di Mondovì, insieme ad altri 76 Comuni del Piemonte, deve...