Crisi idrica: «Una sola nevicata non risolve il grave problema»

Secondo i dati di Coldiretti Cuneo il 2022 si è rivelato tra gli anni più siccitosi degli ultimi trenta: «Potenziare la rete di invasi per la raccolta dell’acqua piovana»

Il Cuneese sotto la neve

La neve caduta giovedì 15 dicembre sulla Granda, fino in pianura, con accumuli fino a 30 centimetri, interrompe una siccità record ma non pone fine alla crisi idrica, che resta prioritaria. È quanto dichiara Coldiretti Cuneo all'indomani della nevicata che ha interessato l'intero territorio provinciale, con particolare intensità fra Monregalese, Cebano e Alta Langa. L'arrivo della neve – spiega Coldiretti Cuneo – al di là dei gravi disagi per la viabilità, è importante per recuperare risorse idriche nei terreni, negli invasi, nei fiumi e soprattutto sulle nostre montagne dove i pochi ghiacciai rimasti perdono di superficie e spessore. Senza dimenticare i benefici per la futura produzione di grano, secondo il vecchio adagio contadino “sotto la neve, il pane”. «Una sola nevicata non risolve certo il grave problema della siccità, cifra dominante del cambiamento climatico sul nostro territorio. Resta prioritaria l'esigenza di accelerare sulla realizzazione di un Piano per i bacini di accumulo, poiché solo in questo modo riusciremo a garantirci stabilmente in futuro l'acqua necessaria per l'agricoltura e non solo» commenta il presidente Coldiretti Cuneo, Enrico Nada. Il 2022 si classifica fino ad ora tra i più siccitosi degli ultimi trent'anni con la caduta del 30% di acqua in meno rispetto alla media storica del periodo 1991-2020 secondo le elaborazioni Coldiretti su dati Isac Cnr relativi ai primi undici mesi dell'anno. «Il Piano invasi proposto dalla Coldiretti consentirebbe di aumentare la raccolta di acqua piovana oggi ferma ad appena l'11%. Un intervento necessario anche per raggiungere l'obiettivo della sovranità alimentare con l'aumento della produzione locale e la riduzione della dipendenza dall'estero» conclude il direttore di Coldiretti Cuneo, Fabiano Porcu.

RI-FONDAZIONI: Raviola in SP, Gola in CRC e Robaldo punta al “tris”

Le ruote hanno girato in meno di 24 ore. «Mi lascio alle spalle otto anni di impegno in CRC e si apre una nuova sfida in Compagnia San Paolo». Lunedì 15 aprile Ezio Raviola...

La ministra Daniela Santanché a Vicoforte visita il Santuario

Tappa monregalese per la ministra Daniela Santanché, oggi (venerdì 19 aprile) attesa a Fossano per un convegno sul turismo organizzato dal suo partito, Fratelli d'Italia. Ad accoglierla a Vicoforte, davanti al Santuario, il sindaco...

Stasera al Liceo torna la “Notte del Classico”

Venerdì 19 aprile dalle ore 18 in poi, nei locali del Liceo “Vasco-Beccaria-Govone” di Mondovì, si terrà la X edizione della “Notte del Classico”, ideata dal prof. Rocco Schembra, che negli anni ha visto...

Conitours rinnova il Consiglio d’Amministrazione: nei prossimi giorni l’elezione cariche

L’innovativa Sala Multimediale Outdoor, realizzata grazie ad un apposito progetto del Ministero del Turismo, ha fatto da palcoscenico, lo scorso 17 aprile, all’assemblea dei soci di Conitours, il consorzio di operatori turistici della provincia...

Il cavallo di Napoleone: l’ultima impressionante opera, di Franco Alessandria

L'ultima opera dell'artista Franco Sebastiano Alessandria trasmette una potenza e, allo stesso tempo, una vitalità disarmanti. Ricoprendo la struttura in ferro con una speciale malta cementizia, l'autore questa volta stupisce davvero il pubblico, plasmando...
Nord Sud Castello Cigliè

Nord vs Sud: la disfida dei vini “Al Castello” di Cigliè

Venerdì scorso si è svolto il secondo appuntamento delle “4 sere Al Castello” di Ciglié, con l’intero ristorante dedicato all’evento “Bolle al buio - Sicuri di essere grandi intenditori di bollicine?”, in cui vini...