Carrù, una nuova lapide per il partigiano monregalese ucciso a 20 anni

Giovanni Liri venne fucilato alle spalle dai fascisti, la cerimonia con le Scuole e l’Anpi carrucese

Una nuova lapide, più visibile a tutti per non far assopire la memoria su ciò che è stato. È stata svelata questa mattina, nell’antivigilia di Natale, sulla cancellata laterale del Castello di Carrù. L’iniziativa, voluta dalla sezione locale dell’Anpi carrucese “Felice Cenacchio”, ha potuto contare sul sostegno del Comune, della Banca Alpi Marittime (che ha sede proprio nel castello) e delle Scuole.

Era presente infatti una folta rappresentanza degli studenti di Terza media nel ricordo di Giovanni Liri, partigiano monregalese ucciso a 20 anni proprio nel sentiero del Boschetto del Rivo a Carrù, un centinaio di metri sotto rispetto a dove è stata piazzata la nuova lapide. A ricordarne la storia la professoressa in pensione Rosita Oreglia, presidente Anpi Carrù: «Liri nacque a Mondovì Piazza, il 4 agosto 1924, figlio di Giuseppe e Caterina Trinelli. Sappiamo che risiedeva a Torino e apparteneva a un distretto militare. Poi si unì ai partigiani della Formazione Mauri fino alla sua morte, avvenuta nel febbraio del 1945. Non è chiaro come sia finito al Castello di Carrù, probabilmente venne arrestato. All’epoca i fascisti, comandati dal terribile tenente Rizzo (era definito come una “vera belva”) ne fecero una prigione e un luogo di tortura. I suoi uomini promisero al ventenne Liri la libertà e lo lasciarono andare. Ma alla prima curva del sentiero fu barbaramente fucilato alle spalle».

Un particolare ringraziamento è stato poi rivolto a Garelli Marmi per il generoso omaggio della lapide e alla ditta Edilcar. I ragazzi delle Scuole, accompagnati dalla dirigente scolastica Loredana Montemurro, hanno recitato le parole de “La libertà” di Giorgio Gaber («non è uno spazio libero, libertà è partecipazione»), seguita dalla lettura delle celebre poesia in piemontese “Natale ‘43” da parte della signora Romana Gaiero. Tutti insieme hanno poi cantato, sulle note del trombettista Giancarlo Pecchenino, “Bella Ciao”. In chiusura l’intervento del sindaco Nicola Schellino, che ha citato il poeta latino Orazio: «L’errore tipico degli adulti è lodare il tempo passato, quello risalente alla propria infanzia. Non è del tutto vero che “si stava meglio una volta”, specie ripensando ai tragici anni della Resistenza. Ma non bisogna che ce ne dimentichiamo. Perché è proprio quando mettiamo a riposo la memoria che nascono le cose peggiori».

santa lucia visite villanova

Al Santuario di Santa Lucia di Villanova M.vì continua il successo delle visite guidate

Domenica 7 luglio il Santuario di Santa Lucia in Villanova Mondovì sarà aperto al pubblico con visite guidate al pomeriggio (dalle ore 14.30 alle 17 con servizio navetta). La riapertura durante le prime domeniche...

CONTEST Y: vince la cantante Clay

La sua voce ha incantato tutti. Clay, cantante di 28 anni di Bastia Mondovì, con le cover "Sober" e "If I were a boy", ha vinto il primo Contest Y di Mondovì. Quattro serate...

Una realtà da scoprire: il Centro diurno Nucci Banfi “apre” ai doglianesi

Piacevole e interessante serata all'insegna dell'amicizia e del "senso di comunità", mercoledì 24 luglio, nel borgo antico di Castello, a Dogliani. Il Centro diurno Nucci Banfi, realtà ormai ben radicata nel tessuto sociale doglianese,...

Addio a suor Antoniangela, storica maestra negli Asili di Bastia e Carassone

Le comunità di Mondovì, Bastia e Santa Maria Rocca, piangono la scomparsa di suor Antoniangela, Domenicana presso il convento di Carassone, classe 1934, al secolo Michelina Cugusi. Originaria della Sardegna, per tanti anni insegnante...

“Comitato del no”: i consiglieri comunali neoeletti escono dal direttivo

Cambia l'assetto del Comitato "Clavesana dice no allo stoccaggio di rifiuti pericolosi", nato tempo fa dall'unione di cittadini, imprese e Associazioni del territorio, per opporsi al progetto presentato dalla Cement Srl e riguardante un...
Trelilu spettacolo Nigella Niella

A Niella Tanaro spettacolo dei Trelilu per la Nigella

“Mai a basta” è lo spettacolo dei Trelilu che si terrà mercoledì 31 luglio alle ore 21 al castello di Niella Tanaro, per la Nigella, ad ingresso libero. L’iniziativa è organizzata dall’Associazione Nigella ODV...