Grancasa Ceva: l’azienda chiede 12 mesi di contratti di solidarietà

Per ora nessuna novità dal confronto con le Banche

Grancasa: quale futuro per il punto vendita di Ceva?
Grancasa: quale futuro per il punto vendita di Ceva?

Ulteriori 12 mesi di contratti di solidarietà per i dipendenti di Grancasa a Ceva. È la richiesta avanzata dal Gruppo, cui fa capo il punto vendita cebano, per cercare di superare questo momento di difficoltà, in cui si gioca il futuro della catena di arredamento lombarda. Una notizia che giunge al alcuni giorni di distanza da confronto che i vertici di Grancasa hanno avuto con alcune Banche creditrici, cui è stato chiesto di liberare da ipoteca una serie di immobili, la cui successiva vendita potrebbe finanziare un nuovo tentativo di rilancio dell’azienda stessa. «Novità su questo versante ancora non ce ne sono – spiega Antonino Aloisio, del sindacato Fisascat Cisl –, visto che gli Istituti di credito hanno chiesto al Gruppo alcune integrazioni documentali e, di conseguenza, la decisione è stata rimandata di alcune settimane. Oggi (venerdì 20 gennaio, ndr), si è tenuto un ulteriore incontro e, entro il 7 febbraio, le Banche sono tenute a sciogliere le riserve».

La vera, novità, dunque è quella della richiesta, da parte del Gruppo, di poter accedere a 12 mesi di contratti di solidarietà, visto che il regime di "composizione negoziata per la gestione di crisi d’impresa", procedura a cui attualmente è sottoposta l’azienda, difficilmente sarà prorogata dal Tribunale fallimentare di Milano.

«Per i dipendenti di Ceva – continua Aloisio, che giovedì 19 gennaio ha incontrato i lavoratori per aggiornali sulla situazione – si tratterebbe di una sorta di salvagente, in grado di garantire i 24 posti di lavoro, almeno sino a fine anno, visto che in regime di solidarietà non è possibile avviare procedure di licenziamento. Restiamo in attesa di ricevere la comunicazione ufficiale da parte del Ministero e, nel contempo, di capire, magari già entro fine mese, quale sarà la decisione delle Banche creditrici».

Scopri anche

Clavesana, maestra aggredita in paese da una mamma di un ex alunno

È stata avvicinata e aggredita all'uscita di un negozio, a Clavesana. La vittima è una maestra, che insegna alle Elementari del paese. Sarebbe stata individuata e poi insultata da una signora, mamma di un...

Villanova. Michele Pianetta ufficializza la candidatura a sindaco

Michele Pianetta, attuale vicesindaco di Villanova, ha ufficializzato la propria candidatura a sindaco in vista delle prossime elezioni comunali. Al momento attuale, dunque, si profila una sfida a due, con lo sfidante...

Sant’Albano: gli Alpini ricordano la ritirata di Russia, 80 anni dopo la tragedia

Da venerdì 3 a domenica 5 febbraio, Sant’Albano ha ospitato una tre giorni interamente dedicata alla ritirata di Russia, ad 80 anni esatti di distanza dalla tragedia che interessò da vicino moltissimi giovani e...

Prof. del Liceo di Mondovì pubblica una biografia di Guccini… dal “punto di vista”...

Una biografia in prosa che però nasce dalle strofe. «C’è chi sostiene che un artista non possa raccontare sé stesso coi versi. Io invece credo di sì e, partendo dalle canzoni che Guccini ha...

Ceva: si presenta il progetto del “Museo del fungo”

E' in corso, presso il Municipio di Ceva, la conferenza stampa di presentazione del futuro "Museo del Fungo". Un sogno che si appresta a diventare realtà. Ad illustrare il progetto e le fasi che...

Mondovì, ecco i cartelli elettronici che avviseranno dei blocchi del traffico

Da ieri, lunedì 30 gennaio, sono stati piazzati a Mondovì i primi cartelli elettronici che avviseranno dei blocchi del traffico. Il Comune spiega: «La città di Mondovì, insieme ad altri 76 Comuni del Piemonte, deve...