“Unità dei cristiani”, per condividere le sofferenze del popolo ucraino

Celebrazione ecumenica presso la parrocchiale del Sacro Cuore a Mondovì Altipiano

Si sono intrecciate voci diverse ed approcci differenti, ma dentro la comune appartenenza ai discepoli del Signore, nella celebrazione ecumenica presso la parrocchiale del Sacro Cuore a Mondovì Altipiano, dando così consistenza all’intento di porsi tutti ad invocare l’unità dei cristiani, in vista della “Settimana ecumenica di preghiera” dal 18 al 25 gennaio, sul versetto tratto dal profeta Isaia “Imparate a fare il bene, cercate la giustizia”. Ha animato il momento, anche intenso, la Commissione diocesana per l’ecumenismo e il dialogo interreligioso di Mondovì con don Egidio Motta (non hanno potuto partecipare il vescovo impegnato a Torino per l’ordinazione del nuovo vescovo ausiliare, nonchè il vicario generale indisposto). Quindi la presenza della Chiesa cristiana evangelica di Mondovì con la pastora Paola Zambon, della Chiesa ortodossa romena “San Giacomo di Putna” di Fossano-Mondovì con p. Nicolae Puscasu, della Chiesa ortodossa “San Giovanni in Suceava” di Mondovì con p. Marian Costea, e della Chiesa greco-cattolica ucraina presente in diocesi con p. Alessio Budziak. Abbondante l’ascolto della Parola di Dio. Innanzitutto ci si è fatti interpellare dalla pagina del profeta Isaia da cui è tratto il tema di quest’anno “Imparate a fare il bene, cercate la giustizia” (Is 1, 17), raccogliendo – come sottolineato dalla pastora Paola Zambon – il richiamo forte a non scollegare i riti e la religiosità dal dovere di farsi carico dei più provati, “convinti che abbiamo tutti una responsabilità verso gli altri, a cui possiamo rendere migliore o peggiore la vita, se ci prendiamo cura o no”. Don Egidio Motta ha contestualizzato le linee portanti della proposta ecumenica di quest’anno, affidata alle comunità cristiane del Minnesota, memori della cocente questione razziale che ha attraversato e continua a segnare quelle terre da decenni.
Sulla pagina evangelica imperniata sul giudizio finale, sui gesti concreti di carità (compiuti o disattesi) “Avevo fame e mi avete dato da mangiare…” si è soffermato p. Nicolae Puscasu, attingendo abbondantemente alle riflessioni dei padri della Chiesa in proposito, non sottacendo parole impegnative ed esigenti sul male da estirpare in profondità, per comparire non smarriti davanti al volto di Dio.
Commovente la testimonianza di una famiglia ucraina con due ragazzi a sorreggere una bandiera del loro Pase, con le firme di tanti in Ucraina ed in Italia che hanno ricevuto aiuti e dato una mano. “E’ una guerra brutta e feroce, è una strage. Si vuole distruggere il nostro popolo. Ma là si resiste, con coraggio”, le parole di una signora dall’Ucraina, in Italia da tempo e impegnata nell’accogliere i profughi qui da noi. Anche la raccolta a fine celebrazione (680 euro) è stata destinata ai bisogni delle comunità ucraine. Ha reso più accurata la celebrazione la presenza del Coro “Cum Corde”.

Scopri anche

Clavesana, maestra aggredita in paese da una mamma di un ex alunno

È stata avvicinata e aggredita all'uscita di un negozio, a Clavesana. La vittima è una maestra, che insegna alle Elementari del paese. Sarebbe stata individuata e poi insultata da una signora, mamma di un...

Villanova. Michele Pianetta ufficializza la candidatura a sindaco

Michele Pianetta, attuale vicesindaco di Villanova, ha ufficializzato la propria candidatura a sindaco in vista delle prossime elezioni comunali. Al momento attuale, dunque, si profila una sfida a due, con lo sfidante...

Sant’Albano: gli Alpini ricordano la ritirata di Russia, 80 anni dopo la tragedia

Da venerdì 3 a domenica 5 febbraio, Sant’Albano ha ospitato una tre giorni interamente dedicata alla ritirata di Russia, ad 80 anni esatti di distanza dalla tragedia che interessò da vicino moltissimi giovani e...

Prof. del Liceo di Mondovì pubblica una biografia di Guccini… dal “punto di vista”...

Una biografia in prosa che però nasce dalle strofe. «C’è chi sostiene che un artista non possa raccontare sé stesso coi versi. Io invece credo di sì e, partendo dalle canzoni che Guccini ha...

Ceva: si presenta il progetto del “Museo del fungo”

E' in corso, presso il Municipio di Ceva, la conferenza stampa di presentazione del futuro "Museo del Fungo". Un sogno che si appresta a diventare realtà. Ad illustrare il progetto e le fasi che...

Mondovì, ecco i cartelli elettronici che avviseranno dei blocchi del traffico

Da ieri, lunedì 30 gennaio, sono stati piazzati a Mondovì i primi cartelli elettronici che avviseranno dei blocchi del traffico. Il Comune spiega: «La città di Mondovì, insieme ad altri 76 Comuni del Piemonte, deve...