Furti e truffe ad anziani, arrestata banda di “professionisti”. Hanno colpito anche nel monregalese

Erano veri professionisti dei furti in casa di anziani. Agivano in pochi minuti: uno si accertava che la casa fosse vuota, un altro faceva da palo e quindi il primo entrava e faceva "pulizia". Poi a volte c'era un terzo complice, mentre il quarto (pensionato) faceva da ricettatore. L'operazione ha portato all'arresto di 4 persone che tra settembre e dicembre si sono resi responsabili - specialmente i due soggetti "principali" - di ben 29 episodi tra furti e truffe.

L'operazione è stata eseguita ieri dai Carabinieri di Cuneo. I dettagli sono stati illustrati questa mattina, mercoledì 25 gennaio, in conferenza stampa presso il Comando Provinciale di Cuneo, alla presenza del comandante del Reparto Operativo Angelo Gerardi e del comandante provinciale col. Giuseppe Carubia.

Spiega proprio il col. Carubia: «Abbiamo incrementato molto la campagna di sensibilizzazione. Presso le chiese e gli eventi pubblici con gli anziani. Stiamo già raccogliendo risultati in questa direzione. Invitiamo tutte le persone maggiormente esposte a questo tipo di insidie a prendere tempo, non aprire la porta e chiamare subito il 112. Le strategie sono sottili, gentili e subdole. In alcuni casi si tenta di raggirare la vittima: gli viene chiesto di raccogliere tutti gli oggetti in oro e preziosi nel frigo, per evitare danneggiamenti. Il danno poi, oltre all'aspetto patrimoniale, è soprattutto affettivo».

 

I DETTAGLI DELL'INDAGINE

L'attività ha riguardato tutta la provincia di Cuneo e la fascia bassa del Torinese. Il primo furto attribuito è stato commesso a Pralormo (Torino) sotto la giurisdizione di Asti come tribunale. Dei quattro arrestati, due appartengono alla comunità sinti tra Carmagnola e Villafranca. Il maggior responsabile, secondo gli inquirenti, è Daniel Decolombi, 1989, pluripregiudicato (oggi in carcere); il "numero due" è Gabriele Barbero, 1985 (in carcere). Il terzo membro è di Villafranca, Massimo Zara, classe 1972. Il quarto arrestato è il ricettatore: Gilberto Appendino, del '56 residente a Carmagnola.

I risultati sono arrivati grazie alla preziosa collaborazione con le vittime per la descrizione fornita sull'aspetto fisico e i mezzi di trasporto (spesso i ladri utilizzavano targhe falsificate).

Il modus operandi era "collaudato", con un'effrazione, generalmente di una porta e di una finestra, e tempistiche veramente professionali: 10 minuti in tutto. Erano anche in grado di aprire i cancelli elettrici e le auto, molto probabilmente grazie a telecomandi che "clonano" le frequenze. La banda era organizzata con veri e propri compiti: uno citofonava per assicurarsi che la casa fosse vuota e il secondo faceva da palo. La refurtiva, in genere preziosi, veniva nascosta nelle federe e portata via dall'abitazione.

I furti contestati sono 9, poi ci sono altri 20 casi di truffe. A volte con metodi comuni: simulano un guasto alla rete idrica o del gas e guadagnano la fiducia degli anziani.

I Comuni in cui sono stati effettuati i furti contestati sono: Saluzzo (CN), Borgo San Dalmazzo (CN), Fossano (CN), Racconigi (CN), Pralormo (TO), Rivalta di Torino (TO), Rosta (TO), Torre Pellice (TO), Volpiano (TO), Piasco (CN), Magliano Alpi (CN), Revello (CN), Chivasso (TO), Baldissero Torinese (TO), Govone (CN), Poirino (TO), Cafasse (TO), Caraglio (CN), Neive (CN), Bricherasio (TO), Envie (CN), Carmagnola (TO), Villafranca Piemonte (TO), Villanova Mondovì (CN).

 

Scopri anche

Clavesana, maestra aggredita in paese da una mamma di un ex alunno

È stata avvicinata e aggredita all'uscita di un negozio, a Clavesana. La vittima è una maestra, che insegna alle Elementari del paese. Sarebbe stata individuata e poi insultata da una signora, mamma di un...

Manomette il cronotachigrafo, autista fermato e multato dalla Polizia a Fossano

Nella mattina di giovedì 2 febbraio una pattuglia della Sezione Polizia Stradale di Cuneo, nell’ambito dei controlli del traffico commerciale, fermava a Fossano un autotreno immatricolato in Italia e condotto da un cittadino italiano...

A Farigliano, Posta ad orario ridotto da tre anni: «Si torni almeno ai 5...

Ormai dal 2020, con l’inizio della pandemia da Covid, l’Ufficio postale di Farigliano è aperto con “orario ridotto”. I lockdown e le ripetute chiusure avevano infatti portato Poste Italiane a decidere di dimezzare le...

Bastia: le pietre d’inciampo dei bimbi della Primaria, al “Giardino della Pace”

Venerdì 27 novembre l’aria era gelida e pungente al “Giardino della Pace” di Bastia, proprio come doveva esserlo quel lontano giorno del 1945 ad Auschwits. Insieme al fumo dei comignoli si è levato nel...

Da Bene Vagienna il “mappamondo volante” dei Montgolfier, al Carnevale di Venezia

Altra realizzazione assolutamente “ad effetto” per la “Fly In” di Bene Vagienna, l’azienda di Mauro Oggero specializzata nella creazioni di grandi opere gonfiabili, che in passato ha dato vita a progetti come il megastore...

Mondovì, ecco i cartelli elettronici che avviseranno dei blocchi del traffico

Da ieri, lunedì 30 gennaio, sono stati piazzati a Mondovì i primi cartelli elettronici che avviseranno dei blocchi del traffico. Il Comune spiega: «La città di Mondovì, insieme ad altri 76 Comuni del Piemonte, deve...