L’affronto dell’Europa alle nostre eccellenze: «Il vino nuoce alla salute»

Avvisi in etichetta come quelli delle sigarette? Anna Maria Abbona: «Un attacco deliberato alle peculiarità e al nostro Paese, l’Italia ora si faccia rispettare»

Nelle scorse settimane l’Unione Europea ha dato il via libera alla richiesta dell’Irlanda di adottare sulle etichette di vino, birra e alcolici consumati nel proprio Paese avvisi del tipo “L’alcol provoca malattie del fegato” oppure “Alcol e tumori sono collegati in modo diretto”. Etichette con moniti precisi, come già accade per i pacchetti delle sigarette. L’ok è arrivato nonostante i pareri negativi espressi da Italia, Francia e Spagna – i principali produttori di vino in Europa – e di altri sei Stati dell’Ue, che considerano il provvedimento una barriera al mercato interno. Altre nazioni potrebbero però seguire l’iniziativa irlandese. Il sì definitivo alla misura dovrà comunque essere autorizzato, entro 60 giorni, dall’Organizzazione Mondiale del Commercio. In Italia, da sempre attenta a curare la qualità delle produzioni e che ha nel settore vinicolo una delle sue eccellenze, il provvedimento ha suscitato forti reazioni contrarie del Governo italiano e delle Associazioni di categoria. Nella “Granda” operano oltre 6 mila aziende del comparto, che occupano più di 16 mila ettari vitati e con una produzione di 100 milioni di bottiglie all’anno: quasi totalmente marchiate Docg e Doc.

«Senza senso il paragone con l’abuso di super alcolici dei Paesi nordici»
Sulla spinosa questione, abbiamo contattato Anna Maria Abbona, produttrice vinicola storica, per tanti anni presidente della “Bottega del vino Dogliani Docg”, titolare dell’omonima azienda sulle colline di Farigliano e da sempre attenta alla valorizzazione del paesaggio e del turismo di casa nostra. «Trovo che questo sia un attacco deliberato al nostro Paese e alle tante eccellenze gastronomiche che produce, invidiate in tutto il mondo – ci ha detto –. I produttori si trovano già alle prese con una burocrazia spaventosa, in più quest’anno vengono aggiunte due specifiche in etichetta sostanzialmente inutili, ma che ci richiederanno ulteriore tempo ed energie. Sto parlando dell’etichetta ambientale, perché è diventato obbligatorio specificare le ovvietà, cioè che le bottiglie vanno smaltite tra i rifiuti di vetro. Va aggiunto poi anche l’elenco degli ingredienti. Già viene segnalata la presenza di solfiti: altri ingredienti, a parte l’uva, nei nostri vini non ce ne sono. Evidentemente in altre parti d’Europa utilizzano anche altri ingredienti; è chiaro quindi che ci stanno paragonando ad un prodotto del tutto diverso dal nostro. Non si può pensare di accostare lo spropositato abuso di super alcolici dei paesi nordici con la nostra realtà fatta di storia, tradizione, tipicità, sapori, cultura e molto altro. Provo una profonda tristezza, non lo nego. Ora l’Italia, tra i maggiori produttori al mondo di vino di alta qualità, è chiamata a farsi rispettare in ambito europeo».

Coldiretti: «A rischio una filiera che dà lavoro a 1,3 milioni di persone»
Anche per Coldiretti il via libera alle etichette allarmistiche è un attacco diretto all’Italia. «Si rischia di aprire le porte a una normativa che metterebbe a rischio una filiera italiana all’interno della quale lavorano 1,3 milioni di persone – spiega Enrico Nada, presidente di Coldiretti Cuneo –. Il giusto impegno dell’Unione per tutelare la salute dei cittadini non può tradursi in decisioni semplicistiche che rischiano di alimentare paure ingiustificate nei consumatori criminalizzando ingiustamente singoli prodotti indipendentemente dalle quantità consumate». Il consumo pro capite in Italia, spiega Coldiretti, si attesta sui 33 litri all’anno con una sempre maggiore attenzione alla qualità, alla storia del vino, ai legami con i territori che spingono italiani e stranieri alla scoperta di cantine e aziende. Tuttavia, come emerso dal sondaggio online sul sito www.coldiretti.it, quasi un italiano su quattro (23%) smetterebbe di bere vino o ne consumerebbe di meno se in etichetta trovasse scritte allarmistiche come quelle apposte sui pacchetti di sigarette.

santa lucia visite villanova

Al Santuario di Santa Lucia di Villanova M.vì continua il successo delle visite guidate

Domenica 7 luglio il Santuario di Santa Lucia in Villanova Mondovì sarà aperto al pubblico con visite guidate al pomeriggio (dalle ore 14.30 alle 17 con servizio navetta). La riapertura durante le prime domeniche...

Via Beccaria ha cambiato faccia: inaugurato il “Borgheletto” riqualificato

Inaugurata oggi, venerdì 19 luglio, via Beccaria riqualificata dopo due anni di lavori. L'importo totale: quasi 2 milioni e mezzo di euro. I lavori sono stati presentati dal vicesindaco Gabriele Campora, assessore ai Lavori...

Il sindaco di Mondovì contro “quelli a cui non va mai bene niente: «Sono...

Sono i criticoni da social. Quelli a cui "non va mai bene niente". Quelli che trovano da ridire su tutto, senza mai portare un contributo costruttivo. Il dialetto piemontese ha una figura retorica particolare...

Motociclista finisce in un dirupo sulla via del Sale a Briga Alta

L'allarme è scattato attorno alle 11.30 sulla via del Sale, all'altezza di Briga Alta, per un motociclista caduto in un dirupo. L'uomo, un 58enne di nazionalità spagnola, è stato individuato e stabilizzato per il...

Lavori ai Rocchini sulla Statale 28: i cantieri dovrebbero chiudere entro i primi giorni...

Lavori ai Rocchini sulla Statale 28. Entro i primi giorni di agosto dovrebbero terminare i lavori alla frana sulla Statale 28 nel tratto dei Rocchini. In queste settimane l’impresa che esegue gli interventi ha...
Mondovicino Shopping Peter Pan

A Mondovicino giochi e animazioni per i bimbi a tema Peter Pan

Tra i 1º e il 14 luglio Mondovicino Shopping Center & Retail Park propone il laboratorio “L’isola che non c’è” con giochi e animazioni a tema per i più piccoli. Presso piazza Roccia (ove...