Frabosa ski 2000 fa discutere in Consiglio. Il commento della società

Sabato mattina Frabosa Soprana ha tenuto un Consiglio comunale, per affrontare diversi punti all’ordine del giorno. Assente il sindaco, causa indisposizione e collegate in streaming le minoranze, la riunione ha visto in particolare accendersi un dibattito relativo alla gestione della società partecipata Frabosa Ski 2000, che ha chiuso il bilancio 2023 in perdita, costringendo il Comune ad accantonare dei fondi dedicati. Il punto relativo quindi al bilancio ha attirato veementi critiche da parte dei gruppi di minoranza capeggiati da Poddighe e Di Silvestro.

Il resoconto dell'assemblea

l’assemblea ha affrontato in primis l’approvazione definitiva di una variante parziale al Prgc in seguito alle osservazioni sollevate dagli Enti competenti (Provincia, Regione, Arpa, etc etc). Il punto è passato con l’approvazione anche dei gruppi di minoranza. Il Consiglio ha approvato le aliquote Imu e Irpef senza apportare sostanziali variazioni ed è andato ad analizzare il documento unico di programmazione e il bilancio di previsione. La variazione più significativa è relativa a un intervento di messa in sicurezza della sala polivalente, con contributo del Ministero dell’Interno pari a 362.000 euro, che è stata anticipata di un anno. Il bilancio preventivo 2024 pareggia a 3.031.050 euro. Il fondo per la copertura delle perdite delle partecipate ha acceso il dibattito in Consiglio: a parte la Fingranda che andrà in liquidazione (generando un introito al Comune di Soprana), è presente un accantonamento di 88.000 euro relativo alla società Frabosa Ski, il cui bilancio (al 30 aprile 2023) quantifica una perdita di 115.736 euro. Contro la cosa si sono scagliati i consiglieri di minoranza Marco Di Silvestro e Antonio Poddighe. «Continuiamo ad accantonare per una società che perde. Dovremmo capire perché perde», il commento di Di Silvestro, annunciando l’astensione. «Chiedo con urgenza un incontro con il sindaco – ha detto Poddighe, che vota invece contrario –: avrei voluto più condivisione su questo argomento. Se la gestione prosegue così, tutti gli anni il bilancio drena 80- 100.000 euro di risorse comunali». Gli assessori Basiglio e Peirano e il consigliere Siccardi hanno però cercato di contestualizzare la situazione: «Il clima non ha aiutato in questi ultimi anni – le loro parole in sintesi–: i nostri Comuni a vocazione turistica faticherebbero a reggersi solo sulla stagione estiva, ne va tenuto conto. La Frabosa Ski è una società particolare e in questo paese crea un indotto che dà da mangiare a una valle intera. Una riflessione è in corso su come rimediare alla perdita, ma mantenere gli impianti in funzione è vitale per il paese». Il Consiglio ha preso atto della nomina del nuovo revisore dei conti, Anna Colella, con studio a Cuneo (compenso invariato rispetto al predecessore). Sono state approvate due variazioni di bilancio, in cui sono stati inseriti, tra le entrate, contributi ministeriali per l’acquisto di libri per la Biblioteca, introiti derivati dall’accertamento riscossione Imu, contributi per circa 62.000 euro relativi a un lavoro di messa in sicurezza idrogeologica della strada comunale della “Seccata” (il lavoro si avvale di circa 40.000 euro di fondi regionali). In chiusura è stata rinnovata la convenzione per la gestione associata delle risorse forestali tra i Comuni dell’Unione del Mondolè.

Il commento di Rulfi, presidente di Frabosa Ski: «Siamo in attesa di indicazioni»

In merito alle recenti polemiche occorse in Consiglio comunale, il commento del presidente della società Frabosa Ski 2000, Massimo Rulfi, è caustico: «In merito a quanto dichiarato dai gruppi di minoranza in occasione dell'ultimo Consiglio comunale vorrei esprimere il mio pensiero: Dire che "la società non deve chiudere, ma essere gestita meglio, anche da stranieri se è il caso" significa avere: in particolare una profonda conoscenza di gestione di stazioni sciistiche e, in generale, competenze imprenditoriali acquisite sul campo con la gestione delle proprie attività. Siamo pertanto felici che persone con questo profilo e, sicuramente anche profondi conoscitori della realtà del nostro comune e delle nostre montagne, si occupino dell'argomento. Restiamo ansiosi in attesa di ricevere tutte quelle indicazioni necessarie a migliorare l'attività aziendale o, in alternativa, gli importanti contatti con potenziali nuovi gestori che sicuramente queste persone hanno».

mondovì times square new york

LE BELLEZZE DI MONDOVÌ SUI MEGASCHERMI DI TIMES SQUARE A NEW YORK

L'Unione Monregalese ha fatto proiettare le bellezze di Mondovì in Times Square a New York: grazie a Pixel Star di TSX Ieri, mercoledì 21 febbraio, sui megaschermi di Times Square a News York, alle 17,15...

Appalto rifiuti, Confcooperative Cuneo difende la Proteo Ambiente

Nuovo intervento sulla vicenda della vertenza lavorativa tra sindacati e società Proteo Ambiente per l'appalto rifiuti, dopo il presidio tenuto ieri dalle forze sindacali di fronte alla sede ACEM. Interviene Confcooperative Cuneo che, con...

Via Marchese chiusa quasi da un anno, ma ancora niente lavori: manca l’ok della...

Fine marzo 2023: il Comune chiude via Marchese D’Ormea. Poco meno di un anno fa. «Nessuno si può immaginare tempi brevi», aveva detto allora l’assessore ai Lavori pubblici, Gabriele Campora. Ma ora, a undici...

Utilizzava i soldi e il bancomat dell’amica disabile mentale: condannata una 53enne

Due anni di spese con i soldi di qualcun altro, nello specifico quelli di una disabile mentale che a lei si era affidata in tutto e per tutto, consegnandole perfino il suo bancomat. La...
mondovì times square new york

LE BELLEZZE DI MONDOVÌ SUI MEGASCHERMI DI TIMES SQUARE A NEW YORK

L'Unione Monregalese ha fatto proiettare le bellezze di Mondovì in Times Square a New York: grazie a Pixel Star di TSX Ieri, mercoledì 21 febbraio, sui megaschermi di Times Square a News York, alle 17,15...
libro cura dono volontariato

“La cura del dono”: un libro donato a sua volta per sostenere le Associazioni...

È in distribuzione nelle librerie e presso alcune Associazioni di volontariato di Mondovì, il libro “La cura del dono”, scritto dalla 4ª A del Liceo Classico di Mondovì, edito da “Gli Spigolatori” e illustrato...