Calso: «Ogni anno investiamo 1 milione di euro in interventi sull’acquedotto»

Intervista al presidente Mirco Spinardi: «Contro la siccità costruiremo nuovi pozzi. Lavoriamo per unire 70 Comuni di Langa e Alta Langa in un unico Consorzio»

Quello che si è appena concluso è stato un anno impegnativo e promettente anche dal punto di vista delle prospettive future, per “Calso Spa” la società, con sede a Dogliani, che gestisce il servizio idrico in 30 Comuni delle Langhe sudoccidentali. Abbiamo incontrato il presidente Mirco Spinardi, che ha tracciato un bilancio dell’attività svolta, presentando anche gli obiettivi da perseguire.

 Presidente Spinardi, come sta Calso?
Calso è assolutamente in salute. È una società sana, con 12 dipendenti, che nel tempo ha maturato grande esperienza nel settore acqua e che, proprio dal 2024, tornerà appunto ad occuparsi solo di quello per cui era nata, abbandonando i settore rifiuti. Sono presidente da tre anni e quest’estate sono stato confermato, insieme a tutto il CdA, per il prossimo triennio. Abbiamo la fortuna di poter contare su una struttura collaudata, gestita da professionisti esperti. Il CdA inoltre è composto da persone che si occupano professionalmente di vari ambiti, quindi “ognuno ne sa un pezzo” e tutto si incastra nel migliore dei modi.

Quanti investimenti avete fatto sulla rete nel 2023?
Calso si occupa di una rete idrica di 600 chilometri e il problema della dispersione è ovviamente serio: è stato calcolato che mediamente il 30% dell’acqua immessa nelle condotte vada purtroppo persa. Lavorando proprio su questo, ogni anno investiamo circa 1 milione di euro in investimenti di riparazione. I maggiori interventi del 2023 hanno riguardato i territori di Dogliani, per complessivi 150 mila euro, Farigliano, per 115 mila euro, e Carrù, per 127 mila euro. Oltre, ovviamente, ad una serie di lavori di minore entità, in molti altri Comuni.

Dei 127 mila euro spesi a Carrù, fa parte anche l’installazione del denitrificatore che tanto ha fatto parlare qualche mese fa?
Certamente. Acquisto e installazione del denitrificatore sono costati 95 mila euro. Si tratta di un’apparecchiatura nuova e all’avanguardia, che ancora in questi mesi viene studiata e monitorata giornalmente dai tecnici, per capire come gestirla sempre al meglio. La settimana scorsa, proprio a questo proposito, un problema con il timer del lavaggio ha causato un’immissione in rete di acqua salata. La situazione comunque ora è completamente rientrata.

Siccità e dispersioni rischiano di diventare un problema sempre più serio in futuro. Come vi state muovendo in merito?
Fortunatamente le perdite nell’area Calso vengono per buona parte calmierate. Visto che ci troviamo in un territorio prevalentemente agricolo infatti la quasi totalità dell’acqua dispersa dalle condotte filtra nel terreno e torna nelle falde, o arriva nei nostri pozzi. Per far fronte alla siccità è necessario realizzare invasi e nuovi pozzi, nelle zone più adatte. Abbiamo in programma la realizzazione di un nuovo pozzo a Calstelnuovo di Ceva, dove ci sono già i nostri pozzi principali. È in corso uno studio anche per lo scavo di un eventuale altro pozzo a Dogliani. Per limitare la dispersione, come detto, investiamo ogni anno in interventi migliorativi sulle tubature. Tutti noi comunque, attraverso i comportamenti di ogni giorno, dobbiamo imparare al più presto a razionalizzare e a non sprecare l’acqua. Stiamo parlando di un bene primario che in tanti danno per scontato e acquisito, ma che sta diventando invece sempre più prezioso.

Quali sono i principali obiettivi per il 2024?
Stiamo lavorando ad un piccolo sogno, un progetto che sta a cuore al CdA e ai soci: arrivare ad unire l’intero territorio di Langa Monregalese, Langa Doglianese e Alta Langa, all’interno di un unico consorzio, che possa così far sentire maggiormente la sua voce in Cogesi, il gestore unico provinciale del servizio. In questo modo riusciremmo ad avere maggiori risorse da investire e, allo stesso tempo, a coordinare interventi mirati su un’area più vasta, che comprenderebbe oltre 70 Comuni. Vogliamo inoltre sfruttare anche un bando Pnrr per la sistemazione delle perdite: abbiamo pronto un progetto da 3 milioni di euro, che verrà candidato e speriamo possa essere finanziato. Molte tubature sono vetuste. La nostra condotta principale è stata sostituita completamente dopo l’alluvione del Tanaro del ’94, ma anche su quei tubi “nuovi” ora iniziano a presentarsi i primi problemi di deterioramento. Un contributo di quella entità ci consentirebbe di realizzare interventi migliorativi aggiuntivi, rispetto all’ordinario annuale.

mondovì times square new york

LE BELLEZZE DI MONDOVÌ SUI MEGASCHERMI DI TIMES SQUARE A NEW YORK

L'Unione Monregalese ha fatto proiettare le bellezze di Mondovì in Times Square a New York: grazie a Pixel Star di TSX Ieri, mercoledì 21 febbraio, sui megaschermi di Times Square a News York, alle 17,15...

La maglianese Maria Antonietta Giordana in tv ad “Avanti un altro”, con Bonolis

Avventura in tv, per la signora Maria Antonietta Giordana, che ieri (28 febbraio) è stata protagonista della puntata del programma "Avanti un altro" di Paolo Bonolis e Luca Laurenti, su Canale5. Originaria di Carmagnola,...

Al via il corso monregalese per accompagnatori turistici dei “Volontari per l’arte”

Con il nuovo anno, riparte l’attività di formazione di nuovi accompagnatori turistici da parte dell’Associazione “Volontari per l’arte” della diocesi di Mondovì. «La prima lezione del corso 2024 è in programma sabato 2 marzo...

Fondovalle: rimosso il camion, ripristinata la normale viabilità

Da pochi minuti è stata ripristinata la viabilità sulla Fondovalle Tanaro, nel tratto tra Clavesana e Farigliano. Il mezzo (un camion per la raccolta rifiuti) che era rimasto fermo per un guasto meccanico, occupando...

“Pregare con i Salmi”, un’opportunità da riscoprire

Momento prolungato di riflessione e preghiera, con possibilità di accostarsi al Sacramento della riconciliazione, per i presbiteri della diocesi, mercoledì, in Casa “Regina” al Santuario di Vico, con l’intento di fare personalmente tesoro dell’itinerario...