Viaggio sensoriale alla ricerca e scoperta del tartufo nero

Progetto ideato e promosso dall’ATL del Cuneese con lezioni formative all’Alberghiero di Mondovì

Meno conosciuto ma non per questo meno interessante, con i suoi aromi e profumi, il tartufo nero può essere un grande protagonista delle nostre tavole, versatile e perfetto per piatti classici o sfiziosi. Il progetto, ideato e promosso dall’ATL del Cuneese e realizzato grazie ad un cofinanziamento della Regione, si pone quali obiettivi la valorizzazione della produzione locale del Tartufo Nero, con particolare riferimento alle zone di produzione del Monregalese, della Langa Cebana e della Valle Tanaro e la formazione dedicata agli operatori del settore turistico, in particolar modo al mondo della ristorazione, dell’accoglienza e dell’offerta gastronomica, nell’ottica di far conoscere direttamente il prodotto ad un ampio pubblico.

Il progetto ha ufficialmente preso il via nel mese di dicembre, con tre giornate di escursioni simulate alla ricerca del tartufo nero nella zona del Monregalese. L’attività si è svolta in concomitanza della “Fiera dei Puciu” di Farigliano, della “Fiera del Cappone” di Morozzo e della “Fiera Internazionale del Bue Grasso” di Carrù, coinvolgendo i partecipanti in un’esperienza di ricerca simulata in natura. I gruppi sono stati guidati dalla micologa-trifolao Chiabotti accompagnata dal suo fedele cane lagotto Isotta, con nozioni botaniche circa questo fungo ipogeo e attività di ricerca simulata. Ad ogni uscita ha partecipato anche una guida escursionistica abilitata che ha arricchito il tour fornendo nozioni turistiche ed escursionistiche circa l’area interessata.

LE LEZIONI

La seconda parte del progetto è attualmente in corso, con lezioni formative presso l’Istituto Alberghiero di Mondovì. Le lezioni sono rivolte agli allievi delle classi quinte, ai professionisti del settore della ristorazione. «Un punto chiave del progetto è infatti la formazione dedicata ai professionisti del turismo di oggi e di domani», dichiara il direttore dell’ATL del Cuneese, Daniela Salvestrin.

Le lezioni (la prima si è tenuta l’8 gennaio) si svolgeranno ancora lunedì 15 gennaio, dalle 16 alle 18, e lunedì 22 gennaio, dalle 10.30 alle 12.30, e affrontano i seguenti temi: “Conoscere il Tuber Melanosporum e il Tuber Aestivum: modulo di conoscenza del tartufo nero con nozioni botaniche e di analisi sensoriale” a cura di un giudice del Centro nazionale Studi Tartufo di Alba. L’attività formativa sarà arricchita con una ricerca simulata del tartufo dedicata ai ragazzi e a un gruppo di giornalisti, tra cui Debora Sattamino de “L’Unione Monregalese” e di addetti ai lavori. E poi “Il tartufo nero nella storia della cucina francese e sabauda” e “Il tartufo nero nell’alta cucina”: la lezione sarà guidata e condotta dallo chef stellato Giuseppe D’Errico del Ristorante “La Madernassa” di Guarene.

«Il nostro Istituto Alberghiero Giolitti di Mondovì integra il percorso curricolare didattico e formativo di studenti e studentesse partecipando spesso a iniziative di pregio poste in essere da enti e associazioni del territorio – commenta la dirigente scolastica dell’IIS Giolitti Belisario di Mondovì, Donatella Garello –. Il progetto proposto dall’ATL rappresenta un’ottima occasione per conoscere e apprezzare una preziosa risorsa delle nostre terre e offrirla all’attenzione, al lavoro e alla elaborazione degli allievi, sotto la guida di maestri del settore. Grazie dunque all’ATL del Cuneese per la lungimiranza nel guardare alla scuola, alla nostra scuola, come bacino importante per depositare conoscenza e sapienza, ottimo investimento per le giovani generazioni».

mondovì times square new york

LE BELLEZZE DI MONDOVÌ SUI MEGASCHERMI DI TIMES SQUARE A NEW YORK

L'Unione Monregalese ha fatto proiettare le bellezze di Mondovì in Times Square a New York: grazie a Pixel Star di TSX Ieri, mercoledì 21 febbraio, sui megaschermi di Times Square a News York, alle 17,15...

Nuovo defibrillatore: Farigliano vuole diventare territorio “cardio protetto”

Grazie alla donazione di un defibrillatore semiautomatico “Dae” da parte della famiglia di Aldo Vajra (noto viticoltore del territorio), l'Amministrazione comunale di Farigliano, nei giorni scorsi, ha installato una nuova postazione “salva vita” a...

Francesco e Ylenia, poliziotti insieme: «Abbiamo coronato il nostro sogno»

21 anni lei, di Villanova. 24 anni lui, di Rifreddo (Mondovì). A Roma nelle scorse settimane hanno coronato il loro sogno, insieme, superando il corso d’ammissione per entrare nella Polizia di Stato. Ylenia Aggeri...

Frabosa Soprana, cacciatore sanzionato per aver abbattuto un cinghiale oltre l’orario consentito

Per non aver rispettato il divieto di caccia “in ore notturne o comunque oltre gli orari consentiti dal calendario venatorio” rischia ora una multa da 500 a 3 mila euro. È quanto contestano i...

La sopravvivenza è una catena: l’importanza del primo soccorso

Il secondo appuntamento dedicato all’attività dei “Volontari del Soccorso” di Dogliani ci porta, a soffermare l’attenzione sull’importanza della “catena del soccorso” o “catena della sopravvivenza”, metafora con la quale si indica l’insieme delle procedure...