La memoria e la giustizia: il dovere dei sopravvissuti

Remo Girone in solitaria veste i panni di Simon Wiesenthal e riapre i faldoni della memoria: le atrocità dell’Olocausto e il senso di un’esistenza spesa a inseguire la giustizia

\Sabato sera al teatro “Baretti” di Mondovì, con buon riscontro di pubblico, è andato in scena “Il cacciatore di nazisti” di Giorgio Gallione, monologo interpretato da Remo Girone, secondo appuntamento della Stagione teatrale della Città di Mondovì, in collaborazione con la Fondazione “Piemonte dal Vivo”. La prima impressione, sedendo in platea a sipario aperto, è che il regista voglia giocare sull’allure “noir” del personaggio principale, Simon Wiesenthal, quasi fosse un Philip Marlowe dell’Olocausto. Lo denuncia parzialmente la scenografia, che ricalca, appunto, quello che nell’immaginario giallistico classico è l’ufficio dell’investigatore privato, con pile di cassette contenenti i dati di centinaia di casi, personaggi e storie, una scrivania, una parete ricoperta di foto di occhi, e altri oggetti. Lo stesso ufficio sarà illustrato dall’attore protagonista, pezzo per pezzo, trasformando l’ambiente stesso in un espediente narrativo, come scopriremo di lì a poco. Naturalmente questa è solo una delle chiavi scelte dal regista e autore Gallione per dare vita a una pièce che pièce non è, ma è una sorta di centone, un monologo costruito andando a spigolare frasi, scritti, interviste di Simon Wiesenthal, nel tentativo di dare agli spettatori la possibilità di un faccia a faccia in cui il personaggio, scomparso nel 2007, torna in vita per raccontarsi a tutto tondo. Si direbbe che Girone/Wiesenthal “indossi” la stanza come veste la giacca e come, più tardi, re-indosserà il vecchio cappotto appuntato con l’infame stella gialla, nel ricordare i tempi delle persecuzioni da lui stesso vissute.
Wiesenthal patì sulla propria pelle tutti gli orrori dell’Olocausto, sopravvivendo per una serie fortuita di circostanze. Trascorse l’intera vita a cercare di dare giustizia ai sopravvissuti, assicurando ai Tribunali i criminali di guerra nascosti dall’organizzazione Odessa, dopo la guerra. Girone ripercorre le storie, i crimini, in una voragine di orrori che inghiotte ogni sfumatura possibile, ogni tentativo di allargare la dimensione dello spettacolo oltre il mero racconto biografico. L’attenzione dello spettatore è mesmerizzata dall’elenco di atrocità snocciolate dal protagonista, con l’apparente asetticità di chi maneggia storie così dolorose quotidianamente e ne è ormai avvezzo. Un volto di pietra da cui però traspaiono irrefrenabili l’emozione e la partecipazione. E Girone è molto bravo nel giocare su queste sfumature, con scatti che improvvisamente travolgono il personaggio, o incrinature emotive nella rabbiosa impassibilità del protagonista. Nel colloquio che ci aveva dedicato, Girone aveva rivelato lo studio fatto sulle interviste e sui video che riguardavano Wiesenthal, proprio per coglierne la gestualità, le espressioni. Un tentativo di fotografare il personaggio che va naturalmente oltre l’imitazione, per raccoglierne il testimone e quell’appello a non dimenticare su cui Wiesenthal ha basato tutta la sua avventurosa e dolente vita.
Prossimi appuntamenti: martedì 23 gennaio “Boston Marriage” (di David Mamet, regia di Giorgio Sangati e con Maria Pajato e Mariangela Granelli); domenica 4 febbraio “La Maria Brasca” (di Giovanni Testori). Gli eventuali biglietti residui potranno essere venduti nelle sere degli spettacoli nelle due ore che lo precedono e sul circuito vivaticket.it

mondovì times square new york

LE BELLEZZE DI MONDOVÌ SUI MEGASCHERMI DI TIMES SQUARE A NEW YORK

L'Unione Monregalese ha fatto proiettare le bellezze di Mondovì in Times Square a New York: grazie a Pixel Star di TSX Ieri, mercoledì 21 febbraio, sui megaschermi di Times Square a News York, alle 17,15...
A Mondovì apre la Casa delle Associazioni

A Mondovì apre la Casa delle Associazioni

L’ingresso, è quello delle ex Medie “Francesco Gallo” a Mondovì Piazza, via Delle Scuole. Un portone in legno e qualche gradino, che presto verrà affiancato da una rampa o altro dispositivo per eliminare le...
onorificenza mattia aguzzi monregalese

Onorificenza da Mattarella per Mattia Aguzzi, il monregalese eroe che salvò la bimba caduta...

Onorificenza nazionale per Mattia Aguzzi, il monregalese che lo scorso agosto ha salvato una bimba caduta dal quinto piano di un palazzo di Torino - LEGGI QUI:  il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, lo...

Eventi estivi: a giugno un festival e un concerto “big” a Piazza

Per l'estate, Mondovì alza il volume. Con un evento, dal 5 all'8 giugno, che si svolgerà a Piazza dal nome "Mondovì Music Festival" e che punta a portare in città almeno un big della...

Tribunale ecclesiastico interdiocesano: un sussidio per informare i fedeli

(Agd) – Un nuovo sussidio, predisposto dal Tribunale ecclesiastico interdiocesano piemontese, per informare i fedeli sulle procedure di dichiarazione di nullità del matrimonio è stato presentato in occasione dell’inaugurazione dell’Anno giudiziario 2024 a Torino...
libro cura dono volontariato

“La cura del dono”: un libro donato a sua volta per sostenere le Associazioni...

È in distribuzione nelle librerie e presso alcune Associazioni di volontariato di Mondovì, il libro “La cura del dono”, scritto dalla 4ª A del Liceo Classico di Mondovì, edito da “Gli Spigolatori” e illustrato...