Ritrovata a Rocca Cigliè una stele fascista che ricorda l’invasione d’Etiopia

Il sindaco Ferrua: «È rimasta a faccia in giù sotto un albero per quasi un secolo, pesavamo fosse una lapide della Seconda guerra mondiale»

«È stata lì, davanti agli occhi di tutti, ma dimenticata, ai piedi di un albero, rivolta a faccia in giù per quasi un secolo – racconta il sindaco Luigi Ferrua –. Credevamo fosse una lapide in ricordo dei Caduti della seconda guerra mondiale, ma viste le dimensioni (160 centimetri di lunghezza per 80 di altezza e 15 di spessore, ndr.) e il peso non indifferente, mai nessuno l’aveva voltata». A Rocca Cigliè, la scorsa settimana è stata scoperta, tra lo stupore generale, una grande lastra in marmo, riportante la scritta “18 novembre 1935” a caratteri cubitali. «Ci siamo documentati e abbiamo capito che si tratta di una stele celebrativa, a ricordo dell’assedio economico, posta sulla facciata di ogni municipio in grandezza variabile a seconda dell’importanza del paese, per ordine di Mussolini – spiega Ferrua –. Al di là del triste e buio periodo al quale il ritrovamento ha subito riportato la nostra mente, abbiamo informato subito la Soprintendenza. Ora la lapide, ancora ottimamente conservata, è stata spostata con un muletto nel magazzino comunale». Un documento storico, che testimonia l’invasione dell'Etiopia da parte dell’Italia e le relative sanzioni economiche che ne derivarono da parte della comunità internazionale: divieto di esportazione di prodotti italiani e di importazione di materiale per la costruzione di armi. L’assedio economico durò 8 mesi e quando terminò, Mussolini volle che venne documentata questa, a suo parere, ingiustizia. In data 28 febbraio 1936, giunse a tutti i Comuni del regno una disposizione da parte delle Prefetture che recitava: “Il Gran Consiglio del Fascismo, con sua decisione del 16 novembre, stabilì che sulle case di tutti i Comuni del regno fosse murata una pietra ricordo dell’assedio economico”. Le disposizioni erano precise. Oltre che per l’iscrizione da far incidere sulla lapide, anche per quanto riguarda il tipo di lapide. Infatti Mussolini dispose che le targhe fossero eseguite in marmo bianco di Carrara, dando precise indicazioni anche sul modello. Alle Amministrazioni non restava che deliberare l’acquisto della lapide e provvedere all’ordine. La ditta incaricata per la realizzazione delle targhe era la Società Generale Marmi e Pietre d’Italia di Carrara, sezione lavorati di Viareggio. Inutile dire che, una volta finita l’epoca fascista, molte di queste lapidi vennero distrutte e frantumate. Alcune invece, come nel caso di Rocca Cigliè, vennero soltanto rimosse e poi, via via, dimenticate.

mondovì times square new york

LE BELLEZZE DI MONDOVÌ SUI MEGASCHERMI DI TIMES SQUARE A NEW YORK

L'Unione Monregalese ha fatto proiettare le bellezze di Mondovì in Times Square a New York: grazie a Pixel Star di TSX Ieri, mercoledì 21 febbraio, sui megaschermi di Times Square a News York, alle 17,15...

La maglianese Maria Antonietta Giordana in tv ad “Avanti un altro”, con Bonolis

Avventura in tv, per la signora Maria Antonietta Giordana, che ieri (28 febbraio) è stata protagonista della puntata del programma "Avanti un altro" di Paolo Bonolis e Luca Laurenti, su Canale5. Originaria di Carmagnola,...

Al via il corso monregalese per accompagnatori turistici dei “Volontari per l’arte”

Con il nuovo anno, riparte l’attività di formazione di nuovi accompagnatori turistici da parte dell’Associazione “Volontari per l’arte” della diocesi di Mondovì. «La prima lezione del corso 2024 è in programma sabato 2 marzo...

Fondovalle: rimosso il camion, ripristinata la normale viabilità

Da pochi minuti è stata ripristinata la viabilità sulla Fondovalle Tanaro, nel tratto tra Clavesana e Farigliano. Il mezzo (un camion per la raccolta rifiuti) che era rimasto fermo per un guasto meccanico, occupando...

“Pregare con i Salmi”, un’opportunità da riscoprire

Momento prolungato di riflessione e preghiera, con possibilità di accostarsi al Sacramento della riconciliazione, per i presbiteri della diocesi, mercoledì, in Casa “Regina” al Santuario di Vico, con l’intento di fare personalmente tesoro dell’itinerario...