Da un mese, ogni sabato, le Donne per la pace di Mondovì manifestano chiedendo: “CESSATE IL FUOCO”

Ogni sabato, da un mese, puntuali e “instancabili”. Ancora una volta il gruppo delle Donne in cammino per la pace di Mondovì si sono presentate a Breo, nel giorno del mercato, con la loro scritta: “CESSATE IL FUOCO”.
Non c'è solo gaza e al situazione palestinese, nei loro intenti. 1Sabato scorso eravamo in 25 - raccontano -. Continueremo finché ce ne sarà bisogno: fino a quando le parole che condannano le guerre non saranno seguite dai fatti. Abbiamo raccolto il testimone di due associazioni pacifiste e femministe: Donne per il Sole, della Palestina, e Donne per la Pace di Israele. Non utilizziamo loghi identitari, simboli o bandiere che rappresentino appartenenze politiche, religiose, sindacali o associative perché ciascuna di noi si esprime singolarmente in comunanza con tutte: ciascuna di noi esprime la propria opposizione ai vecchi e nuovi genocidi nel mondo. Esibiamo in silenzio il nostro lutto insieme al nostro desiderio di pace, indossando sul corpo lettere di pace.
Perché chiediamo di non essere ignorate? Perché chiediamo di non smettere di parlare di pace? Forse possono bastare questi dati per dare una risposta convincente. Sono già stati uccisi più di 30 mila palestinesi a Gaza, tra cui più di 10 mila bambini. In Ucraina, in due anni, uccisi 10.500 civili (587 minori). In Siria si contano ormai oltre 12 anni di guerra diffusa.  In Africa si conta il più alto numero di minori coinvolti in azioni di guerra. Secondo il Centro Studi Difesa Civile, nel 2023 è stato registrato il 12% di conflitti in più rispetto al 2022, e un aumento di oltre il 40% rispetto al 2020. Alcuni degli aiuti umanitari per Gaza sono fermi da mesi perché bloccati dall’esercito israeliano. Non servono azioni eclatanti come pacchi che cadono dal cielo, navi-ospedale o la costruzione di un porto temporaneo. Lo afferma Guglielmo Giordano, ex direttore dell’ufficio Aics di Gerusalemme: sarebbe sufficiente permettere il funzionamento delle strutture sanitarie e di accoglienza esistenti invece di distruggerle, come è accaduto alle case popolari costruite dall’Italia nel nord di Gaza con 16 milioni di Euro: sono state distrutte in 36 ore dai bombardamenti israeliani.
Ignorare la sofferenza e l’ingiustizia non le fa scomparire: noi Donne in cammino per la pace continueremo a testimoniare il nostro dissenso e a chiedere a tutti di unirsi a noi per un immediato cessate il fuoco»

RI-FONDAZIONI: Raviola in SP, Gola in CRC e Robaldo punta al “tris”

Le ruote hanno girato in meno di 24 ore. «Mi lascio alle spalle otto anni di impegno in CRC e si apre una nuova sfida in Compagnia San Paolo». Lunedì 15 aprile Ezio Raviola...

Via Beccaria: ecco il semaforo che regolerà l’accesso a piazza Roma

I lavori del “Borgheletto” sono finalmente arrivati… al “Borgheletto”, il tratto di via Beccaria in cui si innesta in piazza Ferrero. Il cantiere è cominciato nella seconda metà del 2022 ed è andato avanti...

Furti in serie nei negozi a bordo di un camper

I testimoni parlano di due persone, che si spostavano a bordo di un camper bianco. Sarebbero loro i responsabili della serie di furti nei negozi avvenuti tra Ceva, Bastia e Carrù nella notte di...

Perdita in via Bicocca a San Michele. Mondoacqua: «In corso misurazioni per eventuali nuove...

È un problema che si trascina da ormai tre mesi, con numerosi disagi e, comprensibilmente, anche con un notevole spreco di risorse. Eppure sembra non si riesca a venire a capo del problema. In...
Igor Bonelli

Lutto a Mondovì Carassone per la scomparsa di Igor Bonelli

Si terranno venerdì 19 aprile, alle 15,30, nella parrocchiale dei Santi Giovanni ed Evasio a Mondovì Carassone i funerali di Igor Bonelli, stroncato da una malattia a 51 anni all'Ospedale “Regina Montis Regalis” nella...
Nord Sud Castello Cigliè

Nord vs Sud: la disfida dei vini “Al Castello” di Cigliè

Venerdì scorso si è svolto il secondo appuntamento delle “4 sere Al Castello” di Ciglié, con l’intero ristorante dedicato all’evento “Bolle al buio - Sicuri di essere grandi intenditori di bollicine?”, in cui vini...