25 Aprile: «Non era, e non è, indifferente stare dalla parte della Libertà o da quella del fascismo»

25 Aprile, contro il fascismo. Quello di 80 anni fa: e quello di oggi. «Per insegnare a tutti, soprattutto ai giovani, cosa è il fascismo». "Cosa è", non  "cosa era". Il fascismo esiste ancora: lo ha detto con parole chiare, che più chiare non potevano essere, la dottoressa Claudia Bergia, presidente dell'associazione partigiana "Ignazio Vian". Viceprefetto di Cuneo, che oggi - giovedì 25 Aprile- era a Mondovì per tenere l'orazione ufficiale su invito del Comune non in veste istituzionale ma dichiaratamente personale. Un'orazione splendida, applauditissima da chi l'ha ascoltata - LEGGI QUI IL TESTO INTEGRALE.
Il fascismo è prevaricazione. Il fascismo è negazione dei diritti. Il fascismo è tutti qui «io non sono razzista, però...» che sentiamo e leggiamo ogni giorno. «Non era, e non è, indifferente scegliere da che parte stare. Di qua, o di là. Con la libertà, o con il fascismo. La Resistenza fu fatta da chi scelse il bene Comune. Di chi credette nell'identità collettiva. Resistenza è avere il coraggio di ribellarsi a oppressione e violenza. Furono questi gli Ideali che ispirarono i nostri partigiani: persone di estrazioni diverse, di età diverse, unite nel non restare indifferenti davanti alla brutalità del regime fascista. L'Antifascismo è il filo conduttore che lega chi lotta per la liberazione delle sopraffazioni. E la nostra Costituzione è antifascista e anti razzista. Il partigiano era di tutti gli italiani». Nessuna retorica: il 25 Aprile è attualità.

Il sindaco, Luca Robaldo, ha citato nel suo discorso Matteotti ed Einaudi. Davanti al monumento, assieme a tanti fazzoletti partigiani, anche lo striscione del "CESSATE IL FUOCO"  delle Donne per la Pace. E la Bergia le elogia subito: «Le ringrazio per la loro presenza. Durante la Resistenza le donne furono in prima linea: come staffette, ad assistere i combattenti feriti,  a dare accoglienza e supporto, a sfamare i fuggitivi e trasformare le loro case in luoghi di accoglienza, rifugio, nascondiglio. Queste donne oggi, vestite a lutto e con la fascia bianca al braccio, ci ricordano che oggi guerra porta dolore e produce dolore. Dire "mai più!" purtroppo non è bastato. Perché l'odio ritorna: le guerre si fanno per superiorità, prevaricazione. Quello che è successo a Mariupol e nella striscia di Gaza, si può ripetere. La nostra Democrazia è fondata sulla fratellanza fra i popoli, eppure vediamo ogni giorno chi muore scappando dalle guerre e dalle oppressioni. E cosa facciamo noi? Siamo abili a dare un nome a tutti... ma non siamo più capaci a parlare di esseri umani. L'Italia ha nel suo passato immigrazioni: parlare di numeri è facile, ci si assuefa. Ma le cose bisogna vederle, o almeno ascoltarle. Dobbiamo indignarci davanti a chi si riunisce con camicie nere e inneggia al fascismo, oggi, e dire no! Dire  che non ci piace! Direi no a chi esercita violenza. Come la violenza sulle donne: alle prevaricazioni, agli abusi, allo stalking, al Revenge porn. Le leggi ci sono, ma è la cultura a mancare! Dava ti alle manifestazioni di fascismo, sempre più evidenti e ovunque, dobbiamo dire a gran voce la nostra contrarietà. Viva l'umanità libera!».

Funamboli: dopo Facchetti e Veltroni, anche Debora Sattamino fra i protagonisti

Tre appuntamenti per la terza settimana di maggio. Inizia così, con un tris di imperdibili incontri, l’edizione 2024 del Festival Funamboli – Parole in equilibrio, organizzato dall’associazione culturale Gli Spigolatori. La tematica di quest’anno,...

Sergio Germano è il nuovo presidente del Consorzio Barolo e Barbaresco

È Sergio Germano il nuovo presidente del Consorzio di Tutela Barolo Barbaresco Alba Langhe e Dogliani, eletto all’unanimità dall’Assemblea dei produttori tenutasi a inizio maggio. Germano, classe 1965, è produttore a Serralunga d’Alba dell’azienda...

Il team monregalese di “LucArtigiano” realizza un murales di Falcone e Borsellino in Liguria

Il team di Pietro Di Stefano, gli "Amici di LucArtigiano", hanno fatto nuovamente centro: martedì 21 maggio è stato scoperto a Borghetto Santo Spirito (Sv)  il loro nuovo murales che riproduce la famosissima foto...

Inizia il Festival della tv: “I Caressa”, “Gli autogol” e “I Santi Francesi” aprono...

126 ospiti nazionali e internazionali, durante i tre giorni Torna a Dogliani (CN) il Festival della Tv, alla sua tredicesima edizione, uno dei Festival di riferimento nel panorama nazionale che, ogni anno, richiama spettatori da...
wake up movì mida mondovì

Wake Up e Mo-Vì, Mida a Mondovì: la star di “Amici” il 7 giugno

Sarà Mida, una delle star dell'edizione appena conclusa di "Amici" ad aprire il concerto a Tony Effe al festival MoVì il 7 giugno, in collaborazione con Wake Up. Mida è reduce dalla finale di...
Festa fioritura Baita Elica

Domenica la Festa della fioritura a Baita Elica

In questi giorni sul monte Pigna si verifica un fenomeno naturale di straordinario fascino: la sua cima si imbianca, non per le precipitazioni nevose, ma per la fioritura dei narcisi. Il candido fiore ricopre...