Cronaca - tutte le notizie
stampa

Omicidio di Paroldo: niente ergastolo per Assunta Casella

Confermata la condanna a 21 anni e tre mesi per la donna accusata di aver ucciso il marito

Omicidio di Paroldo: niente ergastolo per Assunta Casella

Resta confermata a 21 anni e tre mesi di carcere la pena per Assunta Casella, la donna condannata per l’omicidio volontario del marito, Severino Viora (79 anni) e l’occultamento del suo cadavere. La Corte d’Assise d’Appello di Torino, dove si è concluso oggi (mercoledì 10 ottobre) il processo di secondo grado, ha, infatti, confermato la condanna del primo grado di giudizio emessa dal Tribunale di Cuneo. Respinta, dunque, la richiesta di ergastolo avanzata dalla Procura generale per conto del pm Nicoletta Quaglino.

Alla donna sono state concesse le attenuanti generiche, con esclusione dell’aggravante del “mezzo insidioso”: per i giudici, infatti, lo Zolpidem usato per sedare la vittima non è stato la causa della morte, visto che l’anziano è deceduto poi per soffocamento, presumibilmente con l’utilizzo di un cuscino. Il suo corpo venne ritrovato dai familiari l’8 giugno 2016 a Paroldo: era riverso su un albero, la testa infilata fra due rami. Vicino una corda, quasi a simulare un suicidio o un incidente. Assunta Casella, da due anni in carcere, era presente in aula a Torino, dove ha continuato a ribadire la sua innocenza.

Omicidio di Paroldo: niente ergastolo per Assunta Casella
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento