Barolo “fuori zona”, torna in appello il processo ai fratelli Pecchenino

La Corte di Cassazione si è pronunciata annullando il verdetto di appello e disponendo un nuovo processo

vino prodotti piemontesi
immagine di repertorio

Nuovo capitolo nella vicenda giudiziaria che riguarda i fratelli Orlando e Attilio Pecchenino, noti produttori vitivinicoli di Dogliani. Ai due si contesta una frode in commercio, relativa alle annate del Barolo comprese tra il 2005 e il 2012. Nello specifico, secondo la tesi della Procura, avrebbero vinificato nella storica cantina di famiglia anziché in quella di Monforte d’Alba, come dichiaravano.

Lo stabilimento doglianese sorge trecento metri al di fuori dall’area di produzione del Barolo. A norma di legge, quindi, lo stesso vino che entro quei confini può essere chiamato Barolo docg deve essere etichettato come Langhe Nebbiolo doc se ciò non avviene. Le indagini dei Nas erano state avviate a seguito della denuncia di un privato, dando origine a due diversi filoni d’inchiesta. Quello astigiano si è chiuso con un patteggiamento per tentata frode e falso, finalizzato ad ottenere un più rapido dissequestro delle annate.

Di fronte al Tribunale di Cuneo, invece, i due imputati avevano optato per il processo con rito ordinario. In primo grado il giudice li aveva condannati a sei mesi, ritenendo provate le accuse solo per quanto attiene le annate comprese tra il 2007 e il 2012. Sentenza ribaltata un anno fa dalla Corte d’Appello di Torino che aveva assolto i Pecchenino per tutte le imputazioni e disposto il dissequestro di circa 20mila bottiglie.

Ora la Corte di Cassazione si è pronunciata annullando a sua volta il verdetto di appello e disponendo un nuovo processo: si ripartirà quindi dal secondo grado di giudizio. Gli avvocati dei Pecchenino, Fabrizio Mignano e Luisa Pesce, hanno così commentato il responso della suprema Corte: «Prendiamo atto della decisione della Cassazione che riguarda, esclusivamente, l’impianto motivazionale della sentenza impugnata. Tale pronuncia non intacca in alcun modo il valore degli elementi di prova favorevoli agli imputati ma, al contrario, ne riconosce la pregnanza. Affronteremo il nuovo giudizio di appello con assoluta serenità».

All’epoca dell’avvio delle indagini, Orlando Pecchenino si era dimesso dalla carica di presidente del Consorzio di tutela del Barolo e del Barbaresco che ricopriva in quel momento. In seguito è stato rinviato a giudizio anche per una presunta sottrazione di parte del vino in sequestro: accusa dalla quale è stato assolto, con sentenza ormai divenuta definitiva, nell’aprile dello scorso anno.

Scopri anche

Week-end di grande festa: Morozzo celebra il suo Cappone

Tutto è pronto a Morozzo per la festa più attesa dell’anno. Domenica 11 e lunedì 12 dicembre torna il tradizionale appuntamento con la sempre partecipata “Fiera del Cappone”, evento di caratura nazionale che ogni...

Il 23 e 24 dicembre torna la magia del presepe vivente a Dogliani Castello

Torna nel suggestivo borgo antico di Castello, il tradizionale presepe vivente di Dogliani, storico appuntamento di fine anno nel panorama piemontese, che quest’anno festeggia le sue addirittura 48 edizioni. In vista delle serate del...

Fiera del Bue grasso a Carrù: il programma, gli eventi e tutto quello che...

Battuta di bue alle 9 del mattino e un buon bicchiere di vino. Sarà la venerabile “colazione” (si fa per dire) della Confraternita del Bue Grasso di Carrù e del Gran Bollito a fare...
mondovì nuove telecamere sicurezza

Mondovì, nuove telecamere di sicurezza in città: ecco dove

A Mondovì arrivano nuove telecamere di sicurezza in città, per ampliare le aree sorvegliate in  via Saluzzo, al parco di Villa Nasi, al parco di via della Cornice, a via Ortigara e a via...