«Qui in Ospedale ci è dato l’esempio di ciò che vuole dire “lavarsi i piedi gli uni gli altri”»

Il vescovo il Giovedì santo al “Regina Montis Regalis”, rivolto al personale sanitario: “Ci avete dato l’esempio. Ve ne siamo grati tutti”

«In questa sera si fondono sentimenti di gioia e di tristezza. Ce lo ricorda il luogo in cui ci troviamo, ce lo ha detto il Vangelo – ha spiegato nell’omelia il vescovo, celebrando l’Eucaristia nella cappella dell’Ospedale di Mondovì nel tardo pomeriggio del Giovedì santo, celebrazione videotrasmessa nei reparti e visibile su pagina Fb della Parrocchia del Sacro Cuore nonché su sito e Fb dell’Unione Monregalese, anche riascoltabile –: gioia per la celebrazione pasquale che Gesù vive con i suoi discepoli; tristezza e commozione (di Gesù e dei discepoli) nel percepire che quella è la loro ultima cena insieme. Seguirà una notte drammatica, di passione, cioè di patimenti, di sofferenze fisiche e morali: prima  nell’orto degli ulivi con la preghiera angosciata di Gesù e il tradimento di Giuda e il rinnegamento di Pietro; poi l’andare e venire nei palazzi del potere (prima da Anna, suocero del sommo sacerdote/ poi dal sommo sacerdote/ poi al mattino da Pilato ), con Gesù interrogato, umiliato, percosso, fino al mattino, quando sarà definitivamente condannato. Tutti questi avvenimenti fanno il Giovedì santo, e attraverso questi fatti si realizza la nostra redenzione». «Questa celebrazione – ha aggiunto – intende principalmente farci rivivere l'istituzione dell'Eucarestia da parte di Gesù e consegnata come comando ai discepoli, perché la celebrassero in sua memoria». E dopo aver commentato le letture dall’Esodo e dalla Lettera di Paolo ai Corinti, si è soffermato sul testo del Vangelo di Giovanni in cui si racconta di “Gesù che si china a lavare i pedi invitando i discepoli a fare altrettanto fra loro. Gesù parla ai discepoli ed a tutti. Dunque questo è certamente un invito, soprattutto a noi preti, a stare nella comunità con atteggiamento di servizio, umile, a volte (proprio come fa trasparire la lavanda dei piedi) ma mai inutile o banale se fatto nel nome di Cristo e con amore. Ma Gesù esorta anche tutta la Chiesa, anche tutta la comunità dei cristiani. Ognuno di noi dovrebbe applicare innanzitutto alla sua vita concreta e chiedersi: cosa significa, oggi, qui, per me, nella mia situazione, accogliere l’invito di Gesù a lavare i piedi?”.

«Stasera, qui, noi non ripeteremo il gesto della lavanda dei piedi, tipico di questa liturgia. Ce lo impedisce la situazione di epidemia. Ma, se permettete, non ce n'è neppure bisogno – ha ricordato il vescovo –. Qui, nell'ospedale, il servizio al corpo; il chinarsi al servizio del corpo, non è un gesto straordinario: è ordinarietà, è una liturgia quotidiana che si volge in tutti i reparti. Qui, dove da settimane si vive più che altrove l'emergenza, in questo luogo che, come tanti altri ospedali, è certamente luogo simbolo della carità, e della dedizione di tanti medici e infermieri, Cristo si inginocchia a ogni ora del giorno e ci ricorda la bellezza del servizio dell’uomo all’altro uomo. In queste settimane ci avete dato l'esempio, avete tradotto per noi, concretamente, cosa significa "lavarsi i piedi gli uni gli altri". Ve ne sono certamente grati gli ammalati, ma ve ne siamo grati anche tutti noi, indistintamente, per l'insegnamento e l'esempio che ci avete dato. Se il Gesù del Giovedì Santo è dove si compie la carità umile e nobilissima della cura del corpo, nessun luogo ne può vantare con certezza la presenza più di un ospedale».

«Ma credo debba prospettarsi anche una risposta collettiva – ha concluso mons. Egidio Miragoli –. Oggi più che mai la comunità cristiana ha il compito di essere sale, di essere lievito, di essere luce; oggi più che mai alla società noi cristiani dobbiamo dare speranza. E per un simile servizio occorre che siamo uniti. Intendo dire che esiste un certo modo di "lavare i piedi" entro la società che può attuarsi solo se i cristiani si fanno comunità. Cioè se si organizzano, se si strutturano, se accettano la fatica di incontrarsi e collaborare».

Una prehiera

Se dovessi scegliere una reliquia della tua Passione,
prenderei proprio quel catino colmo d’acqua sporca.
Girare il mondo con quel recipiente e ad ogni piede
cingermi dell’asciugatoio e curvarmi giù in basso,
non alzando mai la testa oltre il polpaccio,
per non distinguere i nemici dagli amici,
e lavare i piedi del vagabondo,
dell’ateo, del drogato, del carcerato, dell’omicida,
di chi non mi saluta più, di quel compagno per cui non prego mai,
in silenzio finchè tutti abbiano capito
nel mio, il tuo amore.

mondovì times square new york

LE BELLEZZE DI MONDOVÌ SUI MEGASCHERMI DI TIMES SQUARE A NEW YORK

L'Unione Monregalese ha fatto proiettare le bellezze di Mondovì in Times Square a New York: grazie a Pixel Star di TSX Ieri, mercoledì 21 febbraio, sui megaschermi di Times Square a News York, alle 17,15...

Il sindaco di Dogliani: «Dicono che non mi ricandido? Nessuno può parlare per me»

In vista delle prossime elezioni comunali, si “accende” il clima a Dogliani. Il sindaco Ugo Arnulfo, venuto a conoscenza di alcune voci che starebbero circolando sul suo conto in paese, interviene per fare chiarezza:...

Politecnico, ieri il rettore nella sede di Mondovì – L’INTERVENTO IN CONSIGLIO

Al pomeriggio la visita nella sede universitaria monregalese, la sera la relazione in Consiglio. «Una sede notevole - commenta il rettore, prof. Corgnati -, su cui sicuramente ha senso investire». Qui il video dell'intervento in...

Vicoforte: addio all’ex maestra Annina Strocco

A Vicoforte sono in tanti a ricordarla con affetto, a sentire un debito di riconoscenza nei suoi confronti. Annina Strocco, detta anche Nina, è stata una delle storiche maestre del paese: aveva insegnato a...

Due anni di guerra: dagli ucraini un grazie agli amici di Ceva

Sono passati due anni dall’inizio della guerra in Ucraina, e anche Ceva all’epoca si adoperò fattivamente per l’accoglienza e per agevolare le pratiche per far giungere in città parenti e amici in fuga dai...