Violenza sulle donne, i numeri a Mondovì: in un anno 140 chiamate al Centro. Ecco come funziona la rete

C’è chi telefona dopo l’ennesimo abuso, fisico o psicologico. Chi scappa e si rivolge direttamente ai Carabinieri o alla Polizia. O chi finisce al Pronto soccorso, coi lividi, e lì decide che è ora di dire basta. C’è una parola, che descrive tutte queste situazioni e anche tutte le altre. La parola è: vittime.

Il 25 novembre è la giornata scelta per ribadire che la violenza contro le donne esiste, che va messa allo scoperto, va denunciata e va fermata. E soprattutto, che chi la commette è un criminale.

Vittime, dicevamo. Vittime di una cosa che spesso avviene in casa e che riesce a non farsi scoprire. La violenza domestica, che sia fisica, psicologica o sessuale, schiaccia l’animo e il corpo. Lo fa con la paura («Se te ne vai da qua, non rientri più!»), con la minaccia («Se lo racconti a qualcuno, ti faccio togliere i figli»), con l’umiliazione («Tutti sapranno che non sei capace ad avere una famiglia normale»), con lo sconforto di chi è ormai demolito («Nessuno mi crederà mai»). E soprattutto con un’arma più subdola, silenziosa: quella che porta a pensare che sia tutto normale. Che se nessuno lo scopre, se nessuno fa peggiorare le cose, se insomma si sopporta ancora un po’… può anche andare avanti così. Fin quando non si arriva al punto di rottura. Fin quando scatta qualcosa, per la troppa disperazione, il troppo dolore o per l’intervento esterno, e si va a fare denuncia. È a questo che serve la rete anti-violenza. Una rete che funziona, che ha salvato centinaia di donne nel Monregalese negli ultimi sette anni e che è composta da tanti soggetti: anelli di un’unica catena, ciascuno pronto a fare la sua parte. Li abbiamo intervistati tutti, per raccontare come funziona. E per dare un messaggio, corale ma unico: se siete vittime, in qualsiasi momento ve ne rendiate conto, chiamate e denunciate.

IL CENTRO DI ASCOLTO
“L’Orecchio di Venere” presso la CRI di Mondovì
È attivo 7 giorni su 7 e 24 ore su 24 (tel: 333.3756238)
ed è collegato al numero nazionale 1522.

 

GLI ARTICOLI DI APPROFONDIMENTO

 



Scopri anche

Un grosso cinghiale intrappolato nel canale: a Garessio intervengono i Vigili del fuoco

Un cinghiale era rimasto intrappolato nel canale della diga presso la centrale idroelettrica a Trappa (Garessio). È quanto avvenuto nel pomeriggio di oggi, domenica 27 novembre, quando, su segnalazione di alcuni residenti, sono intervenuti...

Oggi a Mondovì la celebrazione per la “Virgo Fidelis” con l’Arma dei Carabinieri

Questa mattina, domenica 27 novembre, la Compagnia dei Carabinieri di Mondovì ha celebrato la ricorrenza della "Virgo Fidelis", Patrona dell'Arma dei Carabinieri dall'11 novembre 1949. La funzione religiosa si è svolta nella chiesa del...

«Com’eri vestita, quando ti hanno stuprata?», a Mondovì la mostra di Amnesty

"Era un mio compaesano, mi ospitava perché nona avevo casa. Ogni volta che la moglie usciva, mi violentava". "Quando siamo arrivati nel parcheggio, ha chiuso tutte le porte dell'auto: e mi ha stuprata". "Quel...

“Luci a Piazza”: piazza Maggiore si trasforma in un bosco natalizio

LUCI A PIAZZA. Prende il via lo show luminoso nel rione storico di Mondovì. Ecco qualche immagine. Lo spettacolo di "mapping" sulle facciate storiche va in scena anche oggi, domenica 27 novembre, dalle 19...