Violenza sulle donne, i numeri a Mondovì: in un anno 140 chiamate al Centro. Ecco come funziona la rete

C’è chi telefona dopo l’ennesimo abuso, fisico o psicologico. Chi scappa e si rivolge direttamente ai Carabinieri o alla Polizia. O chi finisce al Pronto soccorso, coi lividi, e lì decide che è ora di dire basta. C’è una parola, che descrive tutte queste situazioni e anche tutte le altre. La parola è: vittime.

Il 25 novembre è la giornata scelta per ribadire che la violenza contro le donne esiste, che va messa allo scoperto, va denunciata e va fermata. E soprattutto, che chi la commette è un criminale.

Vittime, dicevamo. Vittime di una cosa che spesso avviene in casa e che riesce a non farsi scoprire. La violenza domestica, che sia fisica, psicologica o sessuale, schiaccia l’animo e il corpo. Lo fa con la paura («Se te ne vai da qua, non rientri più!»), con la minaccia («Se lo racconti a qualcuno, ti faccio togliere i figli»), con l’umiliazione («Tutti sapranno che non sei capace ad avere una famiglia normale»), con lo sconforto di chi è ormai demolito («Nessuno mi crederà mai»). E soprattutto con un’arma più subdola, silenziosa: quella che porta a pensare che sia tutto normale. Che se nessuno lo scopre, se nessuno fa peggiorare le cose, se insomma si sopporta ancora un po’… può anche andare avanti così. Fin quando non si arriva al punto di rottura. Fin quando scatta qualcosa, per la troppa disperazione, il troppo dolore o per l’intervento esterno, e si va a fare denuncia. È a questo che serve la rete anti-violenza. Una rete che funziona, che ha salvato centinaia di donne nel Monregalese negli ultimi sette anni e che è composta da tanti soggetti: anelli di un’unica catena, ciascuno pronto a fare la sua parte. Li abbiamo intervistati tutti, per raccontare come funziona. E per dare un messaggio, corale ma unico: se siete vittime, in qualsiasi momento ve ne rendiate conto, chiamate e denunciate.

IL CENTRO DI ASCOLTO
“L’Orecchio di Venere” presso la CRI di Mondovì
È attivo 7 giorni su 7 e 24 ore su 24 (tel: 333.3756238)
ed è collegato al numero nazionale 1522.

 

GLI ARTICOLI DI APPROFONDIMENTO

 



Scopri anche

Il nuovo supermercato a Carrù non apre ancora, ecco perchè

Slitta la data di apertura del nuovo supermercato a Carrù. I lavori per la conversione dell’ex stabilimento Every, in viale Vittorio Veneto 75, nel punto vendita della catena “Dpiù” sono stati avviati la scorsa...

Lavori al ponte del cotonificio di Clavesana: «Riaprite quello degli impianti sportivi»

I lavori probabilmente in partenza nelle prossime settimane sul ponte dell’ex cotonificio, a Clavesana, preoccupano i residenti di borgata Gerino e delle frazioni vicine, che rischierebbero di rimanere “tagliati fuori” dal paese. L’altra via...

Quando il muro vandalizzato si trasforma in opera d’arte

Venerdì, sabato e domenica, Ceva è stata protagonista di un bellissimo evento artistico volto ad abbellire la città coinvolgendo i ragazzi delle sue Scuole. Due tra i più noti “street artist” della scena milanese,...
alberghiero mondovì papa francesco

L’Alberghiero di Mondovì incontra Papa Francesco e lui saluta in piemontese: «Seve ‘d Mondvì?...

Esperienza indimenticabile per l'Alberghiero "Giolitti" di Mondovì, con la dirigente Donatella Garello e alcuni studenti: hanno incontrato Papa Francesco a Roma, in Vaticano. Lo hanno salutato in piemontese e il Santo Padre ha subito...