Piantare alberi: ecco come

Piantare alberi è una cosa seria

piantare alberi ecco come

«Innanzitutto gli alberi da piantare vanno scelti prevedendone la crescita e l’ingombro – ci ha detto  l'esperto Gjonnj Vinai* –, tenendo conto dell’altezza che vogliamo o che possiamo raggiungere. Altrimenti poi si finisce per potarli troppo, per “capitozzare” la pianta cercando di ridurne le dimensioni, facendo gravi danni».

E se l’albero c’è già?

«Bisogna chiedersi: quella pianta va potata? Come? Va consolidata? Per rispondere a queste domande è necessario documentarsi, non si può improvvisare. Meglio ancora, rivolgersi a personale specializzato. La potatura non deve essere fatta solo nel timore che le nevicate possano far danni. Non deve essere tagliato nessun ramo superiore ai 3 cm di diametro. Altrimenti la pianta perde in stabilità e tra l’altro non assorbe CO2, sprecando il grande valore che ha un albero nell’epoca del cambiamento climatico. L’albero si indebolisce perché le radici (che non si possono potare e quindi rimangono grandi) continuano a “pompare” linfa in assenza di chioma. In certi casi poi, non si può fare altro che abbattere l’albero, sostituendolo con un’altra specie».

A piantare alberi si corrono rischi?

«Nei giardini delle vecchie ville di inizio Novecento si trovano alberi maestosi. Gli spazi erano ampi e soprattutto nessuno si poneva il problema della responsabilità su danni a cose o persone in caso di crolli. Oggi per i grandi alberi è necessaria la VTA, un esame simile alla TAC a rami, tronco e apparato radicale. Si scoprono così le fragilità e si decide come potare o, in certi casi, per l’abbattimento. La VTA è anche di un importante sgravio di responsabilità: alcune compagnie assicurative non pagano i danni in assenza di VTA».

Quali sono invece i vantaggi del piantare alberi?

«I vantaggi sono enormi, sia a livello individuale (nel proprio giardino) che collettivo (come verde pubblico). Gli alberi assorbono CO2 e producono ossigeno combattendo i cambiamenti climatici, puliscono l’aria e le acque, proteggono il suolo, creano ambienti più freschi, aumentano la biodiversità, contribuiscono al benessere psico-fisico delle persone, proteggono dai rumori. Per ottimizzare i vantaggi ed evitare rischi, è fondamentale “contestualizzare” le piante in base all’ambiente disponibile. Un giardino deve essere progettato e, quando possibile, è auspicabile iniziare a realizzarlo prima di costrui­re la casa: perché si risparmia, installando le predisposizioni per acqua e luce insieme a quelle dell’edificio e perché spesso dopo che si è costruita la casa sono finiti i soldi e ci rimette il giardino».

«Inoltre la realizzazione non è istantanea e le piante hanno i loro tempi: bisogna bilanciare tre anni prima di poter cominciare a godere appieno di uno spazio verde. La progettazione riguarda anche il calcolo delle riserve d’acqua e dei consumi: le specie da piantumare si scelgono anche in base a questi criteri. Auspico che i Comuni regolino la progettazione dei giardini come si fa con le abitazioni e che allo stesso modo i “bonus” per il giardino siano, magari, superiori a quelli attuali, ma collegati alla progettazione e ad Enti di controllo che pongano limiti severi».

Il valore economico degli alberi

Gli alberi hanno un valore che va ben oltre il prezzo del legname. C’è chi sta cominciando a quantificare quello paesaggistico, ornamentale e ambientale dell’albero “vivo”. Mirco Tugnoli, nel suo volume “Il valore economico degli alberi”, traccia criteri di calcolo, e pubblica molti esempi fotografati nella sua città (Bologna): un tiglio nel parco della Montagnola viene valutato 12.368 euro, un cipresso calvo delle paludi nei giardini Margherita, 19.414 euro; un cedro in piazza S. Domenico, 12.593 euro. Questo può essere anche un deterrente per chi deve prendersene cura o per chi si trova a manovrare con mezzi meccanici in parchi e giardini o per chi appicca incendi. In alcuni Comuni chi non pota nella maniera giusta rischia contravvenzioni che, per alberi di valore, possono arrivare a 30 mila euro.

Gjonnj ecco come piantare alberi
Gjonnj Vinai e la sua squadra

Piantare alberi: ecco come - Piantumazione di alberi - Articolo promozionale

  • Gjonnj Viani è titolare di GJardino srl - Tel. 348 2654883 - info@gjardino.com - azienda specializzata in progettazione, consulenza, realizzazione, manutenzione di ogni tipo di “verde”: domestico, cittadino, industriale

RI-FONDAZIONI: Raviola in SP, Gola in CRC e Robaldo punta al “tris”

Le ruote hanno girato in meno di 24 ore. «Mi lascio alle spalle otto anni di impegno in CRC e si apre una nuova sfida in Compagnia San Paolo». Lunedì 15 aprile Ezio Raviola...

Via Beccaria: ecco il semaforo che regolerà l’accesso a piazza Roma

I lavori del “Borgheletto” sono finalmente arrivati… al “Borgheletto”, il tratto di via Beccaria in cui si innesta in piazza Ferrero. Il cantiere è cominciato nella seconda metà del 2022 ed è andato avanti...

Furti in serie nei negozi a bordo di un camper

I testimoni parlano di due persone, che si spostavano a bordo di un camper bianco. Sarebbero loro i responsabili della serie di furti nei negozi avvenuti tra Ceva, Bastia e Carrù nella notte di...

Perdita in via Bicocca a San Michele. Mondoacqua: «In corso misurazioni per eventuali nuove...

È un problema che si trascina da ormai tre mesi, con numerosi disagi e, comprensibilmente, anche con un notevole spreco di risorse. Eppure sembra non si riesca a venire a capo del problema. In...
Igor Bonelli

Lutto a Mondovì Carassone per la scomparsa di Igor Bonelli

Si terranno venerdì 19 aprile, alle 15,30, nella parrocchiale dei Santi Giovanni ed Evasio a Mondovì Carassone i funerali di Igor Bonelli, stroncato da una malattia a 51 anni all'Ospedale “Regina Montis Regalis” nella...
Nord Sud Castello Cigliè

Nord vs Sud: la disfida dei vini “Al Castello” di Cigliè

Venerdì scorso si è svolto il secondo appuntamento delle “4 sere Al Castello” di Ciglié, con l’intero ristorante dedicato all’evento “Bolle al buio - Sicuri di essere grandi intenditori di bollicine?”, in cui vini...