Un 25 Aprile di cui c’è bisogno. Le iniziative a Mondovì

Se un monologo sull’omicidio Matteotti non viene mandato in onda in TV. Se la frase “non sono fascista, ma....” (o “non sono razzista, ma…”: è quasi la stessa cosa) ci sembra troppo famigliare. Se la parola “antifascista” non risuona in bocca alle Istituzioni, nemmeno nei discorsi ufficiali. Allora, sì, c’è bisogno di 25 Aprile. Un gran bisogno. C’è bisogno di ricordare che l’Italia libera, in cui oggi viviamo e manifestiamo il pensiero, ha una Costituzione che affonda le sue radici nei valori della Resistenza e nel sangue che è stato versato da chi ha combattuto. L’antifascismo è, deve essere, un valore di tutti gli italiani che si dicono democratici.
Il Comune di Mondovì, con una scelta fatta “a quattro mani” con l’ANPI, ha messo in atto una lunga serie di appuntamenti. Con due presentazioni letterarie, avvenute nei giorni scorsi: il 12 e il 22 aprile, prima con “La Resistenza dei giovanissimi” del prof. Ernesto Billò e poi con “Partigiani non santi ma combattenti” di Corrado Leoni. Mercoledì 24 aprile a partire dalle 9.30, invece, deposizione dei fiori presso i cippi e le stele del territorio comunale, mentre giovedì 25 aprile si svolgerà la messa alla 9 presso la chiesa di Sant’Agostino con il successivo e tradizionale corteo per le strade cittadine, arricchito quest’anno dalla posa della targhetta in memoria di Anna Segre (piazza Cesare Battisti 1). Alle ore 10.45 il percorso si concluderà presso il monumento dedicato ai “Morti per la Libertà” (scalone di via Delvecchio), dove vi sarà il saluto del sindaco e delle autorità presenti e l’orazione ufficiale della dottoressa Claudia Bergia, viceprefetto di Cuneo e presidente dell’Associazione partigiana “Ignazio Vian”.
«Un momento di celebrazione collettiva per la riconquista della Libertà – afferma il sindaco Luca Robaldo –, ma soprattutto la commemorazione della vittoria dell’umanità sulla barbarie, della luce democratica sulle tenebre della dittatura, del respiro della Pace sui venti della guerra. La Festa della Liberazione rappresenta, dunque, uno spartiacque imprescindibile nella nostra storia nazionale e nell’evoluzione della nostra comunità. Come città Medaglia di bronzo al valor militare, Mondovì ha saputo scrollarsi di dosso il peso della dittatura fascista e dell’occupazione nazista anche grazie a chi non si è tirato indietro e ha scelto di sacrificare la propria vita per un futuro migliore. Il 25 Aprile allora come festa condivisa che sappia omaggiare coloro che ci hanno restituito la dignità di popolo libero, come occasione per riflettere sulla grandezza fragile della Democrazia, come efficace chiave di lettura per interpretare le distorsioni e le crisi della società contemporanea».

IL PROGRAMMA

  • Ore 9: santa messa presso la chiesa di sant’Agostino, piazza Moizo
  • Ore 9,45: corteo per le vie cittadine: via Piandellavalle, piazza Santa Maria Maggiore, via Prato, corso Statuto, palazzo municipale con deposizione di corona presso le lapidi
  • Ore 10,15: ripartenza corteo da corso Statuto, via Marconi, piazza Cesare Battisti con posa della targhetta in memoria di Anna Segre
  • Ore 10,30: prosecuzione corteo su Ponte Cavalieri d’Italia, piazza della Repubblica, deposizione corona al “Monumento ai caduti”
  • Ore 10,45: ultimo tratto ci corteo in via Einaudi, via Cornice, via Delvecchio fino al Monumento ai Morti per la Libertà: deposizione di corona, intervento del sindaco e delle autorità e orazione ufficiale della dottoressa Claudia Bergia, presidente dell’Associazione Partigiana “Ignazio Vian”

In caso di maltempo, la cerimonia si terrà presso la sala comunale “Luigi Scimè”. Tutta la cittadinanza è invitata a partecipare.

_________

VUOI ESSERE SEMPRE INFORMATO?
Sì, voglio le news gratis in tempo reale - ISCRIVITI AL CANALE TELEGRAM - CLICCA QUI
Sì, voglio le news gratis in tempo reale - ISCRIVITI AL CANALE WHATSAPP CLICCA QUI

Funamboli: dopo Facchetti e Veltroni, anche Debora Sattamino fra i protagonisti

Tre appuntamenti per la terza settimana di maggio. Inizia così, con un tris di imperdibili incontri, l’edizione 2024 del Festival Funamboli – Parole in equilibrio, organizzato dall’associazione culturale Gli Spigolatori. La tematica di quest’anno,...

Festival della tv: Zingaretti, Max Angioni e Vergassola chiudono la kermesse

Domenica 26 maggio, si chiude il Festival della tv di Dogliani. Dopo due giorni di incontri, con la presenza di numerosi ospiti di grande interesse, anche la giornata conclusiva si preannuncia ricca di spunti. Accesso...

Francesca Fagnani a Dogliani parla di “mafia Capitale” al Festival della TV – LE...

Dopo l'ottimo successo di pubblico della giornata inaugurale (venerdì 24 maggio) domani, sabato 25 maggio, si entra nel vivo del "Festival della tv" di Dogliani, con un intenso programma e tanti ospiti di caratura...

“Funamboli”: oggi protagonista la tradizione culinaria con Debora Sattamino

Continua il festival "Funamboli" a Mondovì, organizzato dall'Associazione Culturale "Gli Spigolatori". Sabato 25 maggio, alle ore 17, spazio alla grande tradizione culinaria ed enogastronomica del nostro territorio con la giornalista monregalese Debora Sattamino. Debora,...

Far emergere la solidarietà con l’arte: il viaggio di “Smartina e l’Amica Infame”

«Nel mio piccolo paese se c'era un malato la comunità se ne faceva carico. Oggi in ambulatorio sento tanti racconti di porte chiuse. Sta aumentando la solitudine. Anche attraverso l'arte vorrei tornare a far...
Festa fioritura Baita Elica

Domenica la Festa della fioritura a Baita Elica

In questi giorni sul monte Pigna si verifica un fenomeno naturale di straordinario fascino: la sua cima si imbianca, non per le precipitazioni nevose, ma per la fioritura dei narcisi. Il candido fiore ricopre...