Wanderlust – La Mongolia: l’ultimo viaggio dei CSI

Il "nostro viaggio" nella Musica raggiunge la Mongolia, dove il Consorzio Suonatori Indipendenti arrivò per lavorare al terzo e ultimo album in studio

Tabula Rasa Elettrificata è l'ultimo disco in studio dei CSI
Tabula Rasa Elettrificata è l'ultimo disco in studio dei CSI

Quello del viaggio è un tema che in musica si percorre in lungo e in largo oramai da qualche decade. Il primo pensiero, almeno nella musica italiana, va dritto al compianto Franco Battiato che di mondi esotici e di suggestioni itineranti ha riempito le sue canzoni: un viaggio al limite del metafisico, il suo, che si conclude idealmente con gli omaggi contenuti in “Fleurs” la cui prima raccolta annoverava anche Invito al Viaggio.

La poesia di Baudelaire appare dirompente ancora oggi in un mondo dove l’immagine e la sua riproduzione dominano ovunque e tolgono spazio a fantasia e sogno.

Ma vista la ricorrenza balza alla mente la storia che ci si appresta a raccontare: quella che rappresentò una sorpresa deflagrante nel mondo della musica italiana, e che 25 anni fa lasciò alla storia un punto di non ritorno. Era un venerdì di settembre (il giorno in cui
uscivano le classififi che FIMI) del 1997 quando, dopo le due settimane degli Oasis con il loro Be Here Now e poco prima che Giorgia tornasse alla ribalta con la produzione di Pino Daniele per Mangio Troppa Cioccolata, in Italia il disco più venduto fu Tabula Rasa Elettrificata dei CSI.

Quello che si sarebbe rivelato essere l’ultima produzione inedita della band fu il primo momento in cui il pop incontrò in modo tutt’altro che banale la cultura indipendente. L’esperienza dei CSI fu da sempre legata a mondi e terre più o meno lontane. Quel viaggio che insieme a Zamboni e Ferretti fecero Giorgio Canali, Francesco Magnelli, Gianni Maroccolo e Ginevra Di Marco era cominciato con Ko De Mondo – pensato, scritto e registrato nel Finistère della Bretagna – e cresciuto negli anni crudi e difficili delle guerre balcaniche con Linea Gotica e le Cupe Vampe che avvolgevano la Vijecnica di Sarajevo.

Nel terzo (che si rivelò poi) episodio il punto di partenza e arrivo fu la Mongolia, il deserto dei Gobi e la cultura buddista. Ancora oggi Tabula Rasa Elettrificata rappresenta uno dei momenti più alti della cultura musicale italiana, irrimediabilmente legato ad un tempo oramai perduto, ma in cui proprio l’emozione fisica e interiore dell’ascolto ritrova forza nelle parole e nelle immagini evocate di quel viaggio.

Scopri gli altri articoli della serie "WANDERLUST – Sull’orlo della catastrofe":

Paolo Roggero - Invito al viaggio

Giovanni Rizzi - Viaggiare nei luoghi del cinema

Marika Mangini - Verso orizzonti sconosciuti alla ricerca di sé stessi

i tre album dei C.S.I.

 

Scopri anche

Il “Bue d’oro 2022” di Carrù va al governatore Alberto Cirio

Il governatore della Regione Piemonte Alberto Cirio riceverà la massima onorificenza carrucese del “Bue d’oro”. Nell’albo succede a Fausto Solito, Franco Guarda e Davide Biagini (vincitori 2021). Tra i premiati degli scorsi anni anche...

Garessio: Vigili del fuoco in festa per Santa Barbara

Domenica 4 dicembre, in occasione della festività di Santa Barbara, patrona dei Vigili del fuoco, il personale dei Vigili del fuoco volontari di Garessio, dopo la solenne Messa in onore della patrona, celebrata da...

Mondovì: cinque ditte in gara per il mega-intervento da 800 mila euro sull’Ellero

Sono cinque le imprese che parteciperanno alla gara per il mega-progetto, da 800 mila euro, di messa in sicurezza delle sponde dell’Ellero. Il progetto si avvale di un finanziamento del PNRR e riguarda il...

L’Ufficio postale dell’Altipiano chiuso per lavori dal 19 al 24 dicembre

Poste Italiane ha comunicato al Comune di Mondovì che l’Ufficio Postale di Mondovì Altipiano (Ufficio "Succursale 1" sito in Piazza Monteregale 6-B) sarà chiuso al pubblico dal giorno 19 al giorno 24 dicembre 2022...