“Sfrattato” da La Morra il rinoceronte di Alessandria: ora è a Cherasco

La scultura doveva rimanere sul belvedere per tutta l’estate, poi il cambio di rotta del Comune. Il sindaco: «Abbiamo chiesto di rimuoverla per motivi di sicurezza»

Le operazioni di rimozione dell'opera di Alessandria del belvedere di La Morra

Doveva rimanere in bella mostra sul belvedere di La Morra per tutta l’estate, invece mercoledì scorso, appena una ventina di giorni dopo il suo posizionamento, il grande rinoceronte dell’artista Franco Alessandria ha già dovuto lasciare la prestigiosa location. Il dittico “Essere o avere”, composto dalla scultura di un enorme rinoceronte (l’essere) e da una poltrona (simbolo dell’avere, del potere), in pochi giorni, in uno dei punti maggiormente panoramici della Langa, aveva già affascinato migliaia di turisti, tanto che video e fotografie dell’opera avevano letteralmente invaso i social. Il grande successo riscosso su larga scala però, evidentemente, non è bastato, perché il Comune di La Morra ha disposto, un po’ a sorpresa, la rimozione dell’installazione. L’artista piozzese “delle chiavi”, che già in passato aveva esposto le sue opere a La Morra ricevendo numerosi apprezzamenti, ha appreso con stupore il cambio di programma dell’Amministrazione comunale, commentando: «Il mio rinoceronte è stato “sfrattato” da La Morra, faceva troppa ombra su quella splendida piazza del belvedere. Per qualcuno forse non era un belvedere. “Essere o avere” faceva troppo riflettere, nei templi dell’avere. Una vicenda triste che, lo confesso, per me stava diventando un incubo». Contattata dalla nostra redazione, il sindaco di La Morra, Maria Luisa Ascheri, commenta: «Nostro malgrado abbiamo dovuto chiedere all’artista di rimuovere le sue opere per ragioni di sicurezza, perché incompatibili con gli eventi organizzati per la stagione estiva sul nostro belvedere. Una decisione nell’interesse dell’incolumità dei turisti e delle stesse opere. Ringraziamo Alessandria per aver scelto la nostra piazza per esporre le sue opere». Imbragata con una serie di corde, caricata su un camioncino e lasciata La Morra, la “discussa” scultura di Alessandria ora ha già fatto innamorare Cherasco, dove da sabato 1º luglio accoglie i visitatori, sotto la torre dell’orologio, in pieno centro.

mondovì times square new york

LE BELLEZZE DI MONDOVÌ SUI MEGASCHERMI DI TIMES SQUARE A NEW YORK

L'Unione Monregalese ha fatto proiettare le bellezze di Mondovì in Times Square a New York: grazie a Pixel Star di TSX Ieri, mercoledì 21 febbraio, sui megaschermi di Times Square a News York, alle 17,15...

Politecnico, ieri il rettore nella sede di Mondovì – L’INTERVENTO IN CONSIGLIO

Al pomeriggio la visita nella sede universitaria monregalese, la sera la relazione in Consiglio. «Una sede notevole - commenta il rettore, prof. Corgnati -, su cui sicuramente ha senso investire». Qui il video dell'intervento in...

Vicoforte: addio all’ex maestra Annina Strocco

A Vicoforte sono in tanti a ricordarla con affetto, a sentire un debito di riconoscenza nei suoi confronti. Annina Strocco, detta anche Nina, è stata una delle storiche maestre del paese: aveva insegnato a...

Due anni di guerra: dagli ucraini un grazie agli amici di Ceva

Sono passati due anni dall’inizio della guerra in Ucraina, e anche Ceva all’epoca si adoperò fattivamente per l’accoglienza e per agevolare le pratiche per far giungere in città parenti e amici in fuga dai...
A Mondovì crescono le famiglie aiutate dalla Caritas

A Mondovì crescono le famiglie aiutate dalla Caritas e per metà sono italiane

A Mondovì crescono le famiglie aiutate dalla Caritas e per metà sono italiane. A Mondovì il braccio operativo della Caritas diocesana è rappresentato dall’Associazione “Amici della Cittadella” che conta un numero elevato (oltre duecento)...