Controlli a Pasqua sulle spiagge di Sanremo: multa a chi non abita nelle vicinanze

Andare in spiaggia non è per forza una violazione, ma è necessario che la persona abiti, o abbia la seconda casa, nel raggio di poche centinaia di metri

Foto Ministero degli Interni (@Viminale)

In tutta Italia in questa giornata di Pasqua sono stati eseguiti i controlli delle Forze dell'ordine per verificare il rispetto delle regole da zona rossa ed evitare gli assembramenti. In Liguria Polizia, Carabinieri, Vigili urbani e Guardia di finanza hanno controllato in particolare le tante spiagge sulle due riviere che sono risultate, per la maggior parte, deserte.

Questa mattina a Sanremo, una vasta operazione di controllo è stata attuata, in considerazione della recente istituzione di zona rossa (fino all'11 aprile) nelle province di Imperia e Savona.  Lungo l'"Imperatrice" e "re Ponti", sono stati identificati coloro che erano presenti in spiaggia e sono in corso le verifiche per stabilirne la regolarità. É emerso che circa il cinquanta per cento delle persone controllate proveniva da fuori regione.

Andare in spiaggia non è per forza una violazione, ma è necessario che la persona abiti, o abbia la seconda casa, nel raggio di poche centinaia di metri. Gli eventuali trasgressori saranno raggiunti da un verbale da 400 euro, ridotto a 280 euro se pagato entro cinque giorni dalla contestazione.