Un nuovo inizio o la fine di tutto? “Ripensiamoci” è il tema del Festival di Dogliani

La pandemia sarà ovviamente al centro della 10ª edizione della kermesse doglianese, dal 3 al 5 settembre 2021. Quali “grandi nomi” vedremo sul palco?

 La data è ufficiale da aprile: il prossimo “Festival della tv e dei nuovi media” di Dogliani andrà in scena da venerdì 3 a domenica 5 settembre, ma ora gli organizzatori hanno deciso di fornire un “indizio” in più, ai tanti appassionati che ogni anno seguono la kermesse. Il tema, il filo conduttore dell’edizione numero 10 del “Festival” sarà “Ripensiamoci”. Sulle pagine social dell’evento, si legge: “Quello che è stato e quello che sarà: una riflessione sul tempo in cui stiamo vivendo. È stato sufficiente così poco tempo, seppure travolti da un evento così epocale, per far sì che i valori della società civile risultino totalmente stravolti? Alla fine di tutto saremo “migliori” o “peggiori”? Più consapevoli o più temerari? Ripensiamo a quello che è successo, ma ripensiamo soprattutto all’idea stessa di noi: dove si dirige la nuova volontà generale? Verso l’appropriazione di una dimensione condivisa e consapevole volta al bene comune, oppure verso la pretesa illusoria di salvarsi chiudendosi in un perimetro sempre più autoreferenziale, asfittico e individuale? Siamo davvero all’inizio del fiorire di una nuova società oppure, come diceva Eliot, il mondo finisce così: non con il rumore di un'esplosione, ma con un fastidioso piagnisteo? Beh, dipende da noi. Ripensiamoci”. Un tema profondo e attualissimo, che sicuramente scatenerà interessanti dibattiti tra i presenti sul palco. Intanto sale l’attesa per conoscere i nomi dei “vip” e dei “grandi” del mondo dello spettacolo che quest’anno saranno ospiti del “Festival”. Fin dall’avvio del progetto, gli organizzatori non hanno mai deluso le aspettative, proponendo una scaletta di incontri e un elenco di personaggi sempre di altissimo livello. Siamo sicuri che, anche quest’anno, per celebrare al meglio il decimo compleanno, non rimarremo delusi.

Incontri sempre all’aperto, ma a partire solo dal tardo pomeriggio
In questi mesi, organizzatori ed Amministrazione comunale stanno lavorando il “Festival”, partendo ovviamente dagli allestimenti e dalla logistica. In merito non abbiamo ancora informazioni ufficiali, possiamo però anticipare che, come successo già nel 2020, anche quest’anno è confermato il format con incontri all’aperto, anche se si sta pensando ad alcune migliorie: ad esempio, gli orari degli incontri quasi sicuramente “slitteranno” verso il tardo pomeriggio, eliminando la fascia delle ore più calde, che l’anno scorso aveva messo un po’ in “difficoltà” i presenti. In “cantiere” anche l’organizzazione di un’offerta generale più completa, con eventi collaterali magari anche in altre location.

mondovì times square new york

LE BELLEZZE DI MONDOVÌ SUI MEGASCHERMI DI TIMES SQUARE A NEW YORK

L'Unione Monregalese ha fatto proiettare le bellezze di Mondovì in Times Square a New York: grazie a Pixel Star di TSX Ieri, mercoledì 21 febbraio, sui megaschermi di Times Square a News York, alle 17,15...

Il sindaco di Dogliani: «Dicono che non mi ricandido? Nessuno può parlare per me»

In vista delle prossime elezioni comunali, si “accende” il clima a Dogliani. Il sindaco Ugo Arnulfo, venuto a conoscenza di alcune voci che starebbero circolando sul suo conto in paese, interviene per fare chiarezza:...

Politecnico, ieri il rettore nella sede di Mondovì – L’INTERVENTO IN CONSIGLIO

Al pomeriggio la visita nella sede universitaria monregalese, la sera la relazione in Consiglio. «Una sede notevole - commenta il rettore, prof. Corgnati -, su cui sicuramente ha senso investire». Qui il video dell'intervento in...

Vicoforte: addio all’ex maestra Annina Strocco

A Vicoforte sono in tanti a ricordarla con affetto, a sentire un debito di riconoscenza nei suoi confronti. Annina Strocco, detta anche Nina, è stata una delle storiche maestre del paese: aveva insegnato a...

Due anni di guerra: dagli ucraini un grazie agli amici di Ceva

Sono passati due anni dall’inizio della guerra in Ucraina, e anche Ceva all’epoca si adoperò fattivamente per l’accoglienza e per agevolare le pratiche per far giungere in città parenti e amici in fuga dai...