Langhe nell’Unesco: la partita si gioca in Qatar

Tra poco meno di una settimana si saprà se i territori vitivinicoli del Piemonte verranno riconosciuti come patrimonio mondiale dell’umanità dall’Unesco. La decisione verrà presa a Doha, in Qatar

È la settimana decisiva. Tra poco meno di una settimana si saprà se i territori vitivinicoli del Piemonte verranno riconosciuti come patrimonio mondiale dell’umanità dall’Unesco. L’inserimento nella prestigiosa lista dell’Unesco è un sogno che potrebbe diventare realtà se i membri del Comitato, riuniti dal 15 al 25 giugno a Doha, decideranno di dare una risposta positiva alla richiesta. Molti gli argomenti che dovranno affrontare i 21 membri del Comitato, composto da Algeria, Colombia, Croazia, Finlandia, Germania, India, Giamaica, Giappone, Kazakistan, Libano, Malaysia, Perù, Filippine, Polonia, Portogallo, Qatar, Repubblica di Corea, Senegal, Serbia, Turchia, Vietnam. Ma tutti gli occhi sono puntati sull’esame delle proposte per i nuovi inserimenti nella "Lista del Patrimonio mondiale". L’Unesco, l’agenzia delle Nazioni Unite che si occupa di educazione, scienza e cultura, ha finora inserito nel suo patrimonio dell’umanità ben 981 siti in 160 Paesi del mondo, di cui ben 49 in Italia. Il territorio vitivinicolo piemontese tra le province di Cuneo e di Asti potrebbe dunque rafforzare il primato dell’Italia come Paese con il maggior numero di siti culturali e naturali riconosciuti. Dopo una lunga istruttoria, la decisione definitiva sulle Langhe sta dunque per arrivare all’auspicata conclusione. Già nel 2012 si era tentato di ottenere il riconoscimento, ma poco prima della riunione, tenuta allora a San Pietroburgo, la candidatura fu rimandata perché i tecnici dell’Icomos, l’Organo tecnico di valutazione dell’Unesco, chiesero di restringere i confini delle aree da tutelare. Il territorio fu ritenuto troppo vasto e così, rispetto al progetto iniziale, dalle cosiddette "zone di eccellenza" furono escluse le colline del Dolcetto. La seconda ispezione, pochi mesi fa, ha permesso all’Icomos di superare le criticità ed esprimere parere positivo. Certo lo smacco è stato grosso ed ha deluso molti, lasciando l’amaro in bocca a tutti quelli che nel mondo del vino ci lavorano, soprattutto a Clavesana, dove, fin da subito, si era iniziato a sostenere la candidatura. Un peccato, soprattutto se si pensa alle peculiarità che questo territorio si porta dietro, sia dal punto di vista paesaggistico, ma anche e soprattutto, culturali, sociali ed umane. Assorbita la delusione, ora, però, si pensa in prospettiva. La speranza, se la candidatura dovesse andare a buon fine, è che il riconoscimento dato a Barolo e ai suoi vitigni – la "core zone" più vicina a noi – possa portare benefici anche alle Langhe monregalesi. Per ora i dati parlano di un afflusso turistico incrementato del 30%. Staremo a vedere.

Santa Lucia Villanova Mondovì

Il Santuario di Santa Lucia a Villanova Mondovì riapre i battenti

Il Santuario di Santa Lucia in Villanova Mondovì si staglia dal XVI secolo sul versante del Monte Calvario (o Momburgo) dominando la Valle Ellero ed è erede di un’antica devozione popolare, ancora oggi viva...

Ritrovato a Sale San Giovanni il 27enne scomparso da Torino

Si sono concluse le operazioni di ricerca nei boschi di Sale San Giovanni, scattate dall'ora di pranzo, a seguito dell'avvistamento di un 27enne allontanatosi il 30 maggio scorso dalla struttura presso cui era ricoverato...

Bye bye Barocco, a Mondovì a luglio arriva Andy Warhol

Addio Barocco, welcome Pop Art. Ladies and gentlemen, a Mondovì dopo il Caravaggio arriva Andy Warhol: l’ex chiesa di Santo Stefano si prepara a staccare i quadri dei maestri della luce e ad ospitare...

Addio al tenente Diego Bonavera: fu carabiniere a Frabosa e Mondovì

L’Arma dei Carabinieri piange la scomparsa del tenente Diego Bonavera. È scomparso questa mattina all’ospedale “Policlinico di Monza” di Alessandria, a seguito di una malore. Aveva solo 45 anni ed era conosciuto e apprezzato...
rifugio serre di oncino

Al Rifugio Serre di Oncino la “cucina piemontese delle origini”

Abbiamo intervistato Riccardo Ferraris, gestore del Rifugio Serre di Oncino, in valle Po, inaugurato da pochi giorni. Con la famiglia gestisce anche il ristorante “La Raviola Galante” a Scurzolengo (AT), dove si propongono piatti...

A Mondovì a luglio e agosto attivo il servizio di “Scuola Materna estiva”

Anche per il 2024 il Comune di Mondovì attiverà la Scuola Materna estiva, con l’obiettivo di soddisfare le esigenze delle famiglie con genitori entrambi lavoratori, assicurando così un accompagnamento educativo-assistenziale durante il periodo delle...