Chiusura sportello Ubi: la rabbia dei monasteresi

Aperta la sottoscrizione di una lettera indirizzata al Consiglio direttivo Bre

Duecento esuberi in tutto il comparto Bre. Questo era stato, un paio di settimane fa, l’annuncio shock di Ubi Banca. Numeri che si concretizzano nella chiusura di una quindicina di punti in provincia; numeri che condannano qualche paese a rimanere “senza banca”. È questo il caso di Monastero, il cui sportello, situato a Vasco sulla provinciale 36, è un punto di riferimento per tutta la popolazione. Inutile dire che la scelta di Ubi genera rabbia e sgomento. Le conseguenze per gli anziani o per le persone non munite di auto, è chiaro, sono pesantissime, dal momento che bisognerà spostarsi nei Comuni limitrofi anche solo per effettuare un versamento o un prelievo. Insomma, un costo sociale imponente. Ma, anche tralasciando gli effetti disastrosi su una fascia “debole” e non trascurabile della popolazione, come quella degli anziani, e ragionando in termini meramente economici, i monasteri invitano i consiglieri bancari a riflettere. «Ci rendiamo perfettamente conto – sottoscrivono i monasteresi – che l’attuale crisi economica comporta per tutti la necessità di ridurre le spese e comprendiamo molto bene che una Banca, essendo un’impresa privata, ha, innanzitutto, lo scopo di ottenere un profitto dalla sua attività (anche se si parla sempre di più di bilanci sociali e di tanti altri bei documenti con cui le banche vorrebbero dimostrare quanto sono brave anche nel settore sociale)». Ma, continuano: «Siete certi, signori consiglieri di Amministrazione, che sia una scelta economicamente corretta, per gli interessi della Banca e non per i nostri, chiudere lo sportello di Monastero di Vasco?». Certo, si risparmierà sull’affitto e sulle bollette e la dipendente (“bravissima”, scrivono i monasteresi) sarà impiegata altrove. «Però – proseguono –, è molto verosimile che numerosi correntisti potrebbero chiudere i loro conti ritirando i loro risparmi, anche perché nel Monregalese esistono altre banche che stanno cercando di espandersi e magari sarebbero anche disposte a venire nel nostro paese». 



Scopri anche

Giocando con… la Croce Bianca, a Ceva

Torna, il 3 dicembre a Ceva, “Giocando con la Croce Bianca”, il pomeriggio in cui bambini e ragazzi, dalla prima Elementare alla terza Media, potranno diventare soccorritori per un giorno e utilizzare presidi di...

Appello di Confartigianato Cuneo e Imperia: «il traforo “Armo-Cantarana opera prioritaria”

«Era domenica 19 gennaio 2020 quando a Pieve di Teco si svolse l’ultima grande convention per lanciare il traforo Armo-Cantarana, strategico per potenziare la Statale 28, arteria che collega la Valle Tanaro all’Imperiese. Di...

La Provincia discute del futuro della linea ferroviaria Cuneo-Mondovì

Il futuro della linea ferroviaria Cuneo-Mondovì è stato al centro dell’incontro che si è svolto in Provincia venerdì 25 novembre tra il presidente Luca Robaldo e le associazioni che si occupano di ferrovie del...

Le “bije” di Farigliano riconosciute “buona pratica di salvaguardia” dall’Unesco

Dal 28 novembre al 3 dicembre a Rabat, Marocco, va in scena il 17º Comitato intergovernativo della Convenzione Unesco per la salvaguardia del patrimonio culturale immateriale. Nel corso dell’evento, “Tocatì”, programma per la salvaguardia...